News e Comunicazioni

Uomini armati hanno rapito due medici spagnoli che lavorano per Medici senza frontiere in un campo di rifugiati in Kenya, vicino al confine con la Somalia. Lo riferisce la Bbc online.
I due sono stati rapiti dal campo di Dadaab, che ospita centinaia di migliaia di rifugiati fuggiti dalla carestia del Corno d’Africa. Il loro autista kenyano e’ stato ferito nell’agguato ed e’ ricoverato in ospedale.
La notizia dell’attacco e del sequestro è stata confermata anche dalla polizia kenyota. “Due operatori umanitari di nazionalità spagnola sono stati rapiti dagli al Shabaab”, ha affermato il capo della polizia regionale, Leo Nyongesa. Un’altra conferma è arriva dal ministero degli Esteri spagnolo. “Varie persone armate hanno bloccato dei mezzi di Msf”, ha raccontato un abitante della zona al quotidiano El Pais. “Hanno sparato all’autista che versa in condizioni critiche e hanno sequestrato due donne che si trovavano a bordo. Le jeep erano di Msf Spagna ma non so di quale nazionalità fossero le donne rapite. Non so nemmeno da dove venissero gli aggressori. Credo dalla Somalia perché adesso si stanno dirigendo verso quella direzione”. La sezione internazionale di Msf ha attivato un’unità di crisi per avviare subito un contatto con i rapitori e intavolare una trattativa.

Fonte: ansa.it
per approfondimenti: http://www.repubblica.it/solidarieta/cooperazione/2011/10/13/news/kenya_sequestrati_cooperanti_spagnoli_msf-23173569/?ref=HREC1-7

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

29 gennaio 2020

Vittorio racconta - seconda parte

Continuiamo a raccontarvi quello che ci ha detto Vittorio. In questa ultima parte, ci ha raccontato in modo più approfondito la sua esperienza come nostro sostenitore e cuore pulsante della … Continua

24 gennaio 2020

Interviste: Vittorio De Caprio (sostenitore e genitore a distanza)

Abbiamo fatto una chiacchierata con il nostro sostenitore e genitore a distanza Vittorio De Caprio per saperne di più sul progetto di raccolta fondi che ha portato avanti insieme alla … Continua

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua