News e Comunicazioni

Ventisei capi tribù del popolo Himba, un’etnia che vive tra Nabia e Angola, si sono uniti per rivendicare i loro diritti e per difendere il loro territorio dalla costruzione di una diga che andrebbe a distruggere centinaia di tombe tradizionali e luoghi di culto.

«Non permetteremo mai che il nostro fiume venga bloccato, distrutto il nostro ambiente e prese le nostre terre» hanno sottoscritto i capi tribali all’interno di un appello rivolto all’Onu redatto a mano su fogli di quaderno. (Clicca qui, per leggerlo).

Secondo i rappresentanti delle varie tribù presenti sul territorio minacciato, la realizzazione della diga – importante per il reperimento di energia idroelettrica – andrebbe a violare quanto determinato dalla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti delle popolazioni autoctone, firmata anche dalla Namibia.

L’appello, diffuso dall’organizzazione umanitaria NamRights, è stato presentato sia al governo della Namibia, che alla Commissione africana per i diritti dell’Uomo e dei Popoli.

Inoltre, come riporta il Corriere della Sera, il capo Himba, Hikumine Kapika, ha invitato il rappresentante Onu per i diritti delle popolazioni autoctone, Anaya James, a visitare le comunità coinvolte.

Fonte: Virgilio Go Green

website: http://gogreen.virgilio.it/news/ambiente-energia/namibia-diga-minaccia-tribu-locali-capi-lanciano-appello-all-onu_5813.html

 

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua