News e Comunicazioni

Delle influenza della cucina indiana su quella keniota si sa abbastanza. Il profumo di spezie come il cardamomo e la cannella è ricorrente nella maggior parte delle pietanze tipiche del paese dell’ oriente africano. La cosa che però può affascinare coloro i quali si trovassero a visitare il paese è che si possono gustare delle squisite versioni di questi piatti in posti improbabili, come lo slum.

Ad ogni angolo delle vie di Korogocho o Kariobangi si possono incontrare dei banchetti improvvisati dove vengono disposti dei “cartocci” contenenti chapati, mandazi, salsicce, maize, il tutto cotto sul momento in pentoloni posti sulle braci ardenti. L’odore di fumo si mescola col profumo del cibo e l’odore acre della baraccopoli, ricreando un’ atmosfera quasi surreale che resta impressa nella memoria degli avventori di questi baracchini al confine della civiltà.

A questo punto, per lenire la nostalgia di coloro i quali abbiano assaggiato lo street-food in salsa keniota, e per appagare la curiosità di quelli che non hanno avuto modo di provare simili squisitezze, ecco la ricetta dei “mandazi”, una sorta di panini fritti lievemente speziati, buoni a colazione, pranzo, e come spuntino a qualsiasi ora !

Ricetta Mandazi:

1 uovo

1/2 tazza di zucchero

1/2 tazza di latte

1/2 tazza di acqua calda

2 cucchiai di burro fuso

2 tazze di farina “00” o manitoba

2 cucchiaini di lievito di birra (meglio se in polvere)

1 pizzico di cardamomo, cannella, zenzero e pimento

Sale q.b.

olio per friggere
Procedimento:

Unite in una terrina la farina, lo zucchero, le spezie e il lievito. Mescolare il tutto con l’acqua, il latte, il burro fuso e l’uovo (precedentemente sbattuto) e lavorare l’impasto per 15-20 minuti, fino a ottenere  una pasta liscia ed elastica. Stendete un panno umido sopra la terrina e lasciate riposare il composto in luogo caldo per circa un’ora. Stendete la pasta e spianatela fino a che non ottenete uno spessore di poco più di 1/2 centimetro. Ritagliate in cerchi la pasta e tagliateli a metà o in 4 parti e friggeteli in una padella profonda. Rigirate i vostri mandazi più volte fino a che non avranno raggiunto un colore dorato. Scolateli e poneteli su un piatto con della carta assorbente. Serviteli caldi, così si gustano meglio e… Buon appetito!

 

Giulia Buffa

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:”1″,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”\"\"<\/a>Delle influenza della cucina indiana su quella keniota si sa abbastanza. Il profumo di spezie come il cardamomo e la cannella \u00e8 ricorrente nella maggior parte delle pietanze tipiche del paese dell’ oriente africano. La cosa che per\u00f2 pu\u00f2 affascinare coloro i quali si trovassero a visitare il paese \u00e8 che si possono gustare delle squisite versioni di questi piatti in posti improbabili, come lo slum.\r\n\r\nAd ogni angolo delle vie di Korogocho o Kariobangi si possono incontrare dei banchetti improvvisati dove vengono disposti dei \”cartocci\” contenenti chapati, mandazi, salsicce, maize, il tutto cotto sul momento in pentoloni posti sulle braci ardenti. L’odore di fumo si mescola col profumo del cibo e l’odore acre della baraccopoli, ricreando un’ atmosfera quasi surreale che resta impressa nella memoria degli avventori di questi baracchini al confine della civilt\u00e0.\r\n\r\nA questo punto, per lenire la nostalgia di coloro i quali abbiano assaggiato lo street-food in salsa keniota, e per appagare la curiosit\u00e0 di quelli che non hanno avuto modo di provare simili squisitezze, ecco la ricetta dei \”mandazi\”, una sorta di panini fritti lievemente speziati, buoni a colazione, pranzo, e come spuntino a qualsiasi ora !\r\n\r\nRicetta Mandazi:<\/em>\r\n\r\n1 uovo\r\n\r\n1\/2 tazza di zucchero\r\n\r\n1\/2 tazza di latte\r\n\r\n1\/2 tazza di acqua calda\r\n\r\n2 cucchiai di burro fuso\r\n\r\n2 tazze di farina \”00\” o manitoba\r\n\r\n2 cucchiaini di lievito di birra (meglio se in polvere)\r\n\r\n1 pizzico di cardamomo, cannella, zenzero e pimento\r\n\r\nSale q.b.\r\n\r\nolio per friggere\r\nProcedimento:\r\n\r\nUnite in una terrina la farina, lo zucchero, le spezie e il lievito. Mescolare il tutto con l’acqua, il latte, il burro fuso e l’uovo (precedentemente sbattuto) e lavorare l’impasto per 15-20 minuti, fino a ottenere \u00a0una pasta liscia ed elastica. Stendete un panno umido sopra la terrina e lasciate riposare il composto in luogo caldo per circa un’ora. Stendete la pasta e spianatela fino a che non ottenete uno spessore di poco pi\u00f9 di 1\/2 centimetro. Ritagliate in cerchi la pasta e tagliateli a met\u00e0 o in 4 parti e friggeteli in una padella profonda. Rigirate i vostri mandazi pi\u00f9 volte fino a che non avranno raggiunto un colore dorato. Scolateli e poneteli su un piatto con della carta assorbente. Serviteli caldi, cos\u00ec si gustano meglio e… Buon appetito!\r\n\r\n \r\n

Giulia Buffa<\/p>\r\n

<\/p>“}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?