News e Comunicazioni

È di queste ore la notizia di un nuovo assalto alle ville di turisti stranieri a Malindi. Nello specifico si tratta di alcuni turisti italiani residenti tra Malindi e Watamu, a Mayungu.

Nottetempo dei malviventi locali hanno fatto il loro ingresso in una villa della zona, sparando colpi di arma da fuoco ed accoltellando gli abitanti della casa. In particolare Alessandro Aiani, italiano originario di Genzano, in provincia di Roma, presente durante l’assalto, parla di un situazione assurda. Malviventi in casa ed uno degli inquilini colpito alla pancia e sanguinante è riuscito a raggiungere l’ospedale solo dopo l’intervento di alcuni uomini della sicurezza della zona.

La refurtiva è stata un po’ di denaro e delle macchine fotografiche.

Il console a Malindi, Roberto Macrì, ha seguito la vicenda. L’assalto in villa, purtroppo, non è un evento isolato, appena due settimane fa, tra il 2 ed il 3 di febbraio, un altro caso simile, sempre nella stessa zona, ha coinvolto una donna italiana, violentemente aggredita da rapinatori, dopo una degenza di 48 ore in ospedale è riuscita a rientrare in discrete condizioni in Italia.

Themis

Fonti:

http://www.corriere.it/esteri/13_febbraio_20/malindi-turisti-attacco_9381cbf0-7b38-11e2-ba69-3fd719869bcf.shtml

http://www.ilgiornale.it/news/esteri/kenya-attacco-turisti-italiani-888008.html

 

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?