News e Comunicazioni

Ieri si è celebrato lo Earth Day 2013, la giornata dedicata alla salvaguardia del nostro pianeta, oggi vorremmo parlare di un evento recente che ha visto la collaborazione del Postal Corporation Kenya e il Green Belt Movement (GBM).

Quest’ultima è una ONG fondata nel 1977 da Wangari Maathai in collaborazione con il National Council of Women of Kenya (NCWK) per la difesa dell’ambiente, la cui crescita si è da subito rivelata impressionante. Oggi si contano più di 600 comunità coinvolte che si prendono cura di 45 milioni di alberi piantati su tutto il territorio del Kenya. Ciò ha dunque permesso di risanare migliaia di acri di foreste e di rendere più indipendenti migliaia di donne, famiglie e comunità.

L’inaugurazione di questa nuova collaborazione è avvenuta il 12 Aprile 2013 alla quale hanno preso parte importanti cariche dei servizi postali, dei servizi forestali e del GBM stesso. Si è festeggiato il successo della piantatura di 1200 arbusti in seguito alla proposta di aumentare la superfice boscosa del Kenya, nel tentativo di sviluppare la sostenibilità ambientale del paese e migliorarne la gestione delle risorse.

Il lavoro svolto dal GBM in Africa è quindi molto importante, perché come la stessa Maathai sosteneva, l’espansione del deserto del Sahara diventerà sempre più rapida causando violenti scontri sia per gli ultimi appezzamenti di terreno arabili disponibili, che per i pochi punti di accesso all’acqua. Inoltre, ricordavaa che i conflitti aumenteranno ulteriormente a causa di  malnutrizione e carestie, le quali si accentueranno con l’aggravarsi dei cambiamenti climatici che già si stanno verificando.

Giulia

Fonti:

http://affrica.org/il-green-belt-movement-e-l%E2%80%99eredita-di-wangari-maathai/

http://www.womenaid.org/press/info/development/greenbeltproject.html

http://www.aidforafrica.org/member-charities/green-belt-movement-international/

http://www.care2.com/causes/how-the-green-belt-movement-in-kenya-fights-climate-change.html

http://www.greenbeltmovement.org/node/439[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:”1″,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”Ieri si \u00e8 celebrato lo Earth Day 2013, la giornata dedicata alla salvaguardia del nostro pianeta, oggi vorremmo parlare di un evento recente che ha visto la collaborazione del Postal Corporation Kenya e il Green Belt Movement (GBM).\r\n\r\nQuest\u2019ultima \u00e8 una ONG fondata nel 1977 da Wangari Maathai in collaborazione con il National Council of Women of Kenya (NCWK) per la difesa dell\u2019ambiente, la cui crescita si \u00e8 da subito rivelata impressionante. Oggi si contano pi\u00f9 di 600 comunit\u00e0 coinvolte che si prendono cura di 45 milioni di alberi piantati su tutto il territorio del Kenya. Ci\u00f2 ha dunque permesso di risanare migliaia di acri di foreste e di rendere pi\u00f9 indipendenti migliaia di donne, famiglie e comunit\u00e0.\r\n\r\nL’inaugurazione di questa nuova collaborazione \u00e8 avvenuta il 12 Aprile 2013 alla quale hanno preso parte importanti cariche dei servizi postali, dei servizi forestali e del GBM stesso. Si \u00e8 festeggiato il successo della piantatura di 1200 arbusti in seguito alla proposta di aumentare la superfice boscosa del Kenya, nel tentativo di sviluppare la sostenibilit\u00e0 ambientale del paese e migliorarne la gestione delle risorse.\r\n\r\nIl lavoro svolto dal GBM in Africa \u00e8 quindi molto importante, perch\u00e9 come la stessa Maathai sosteneva, l\u2019espansione del deserto del Sahara diventer\u00e0 sempre pi\u00f9 rapida causando violenti scontri sia per gli ultimi appezzamenti di terreno arabili disponibili, che per i pochi punti di accesso all\u2019acqua. Inoltre, ricordavaa che i conflitti aumenteranno ulteriormente a causa di\u00a0 malnutrizione e carestie, le quali si accentueranno con l’aggravarsi dei cambiamenti climatici che gi\u00e0 si stanno verificando.\r\n\r\n\"\"<\/a>\r\n\r\nGiulia\r\n\r\nFonti:\r\n\r\nhttp:\/\/affrica.org\/il-green-belt-movement-e-l%E2%80%99eredita-di-wangari-maathai\/<\/a>\r\n\r\nhttp:\/\/www.womenaid.org\/press\/info\/development\/greenbeltproject.html<\/a>\r\n\r\nhttp:\/\/www.aidforafrica.org\/member-charities\/green-belt-movement-international\/<\/a>\r\n\r\nhttp:\/\/www.care2.com\/causes\/how-the-green-belt-movement-in-kenya-fights-climate-change.html<\/a>\r\n\r\nhttp:\/\/www.greenbeltmovement.org\/node\/439<\/a>“}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 gennaio 2020

Vittorio racconta - prima parte

Abbiamo fatto una chiacchierata con il nostro sostenitore e genitore a distanza Vittorio De Caprio per saperne di più sul progetto di raccolta fondi che ha portato avanti insieme alla … Continua

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua