News e Comunicazioni

E poi succede che tutto quello che era una novità la prima settimana di vita da volontario – i viaggi avventurosi con Giorgino Schumacher, gli odori dell’Africa vera che ti entrano sotto la pelle e non ti abbandonano nemmeno dopo una doccia, l’ugali che sa di niente, gli escrementi di geco depositati accuratamente sui tuoi libri, i cani che ululano tutta la notte, le preghiere prima di andare a nanna, gli abbracci infiniti dei bimbi, le sveglie a ore impossibili per raggiungere mete lontane, la spesa ai baracchini, parlare un po’ in Kiswahili, le schede di aggiornamento, il sorriso avvolgente di Erika, viaggi impossibili con trasporti pubblici altrettanto impossibili, preparare lezioni di Life Skills, le sgridate quando i bimbi fanno gli indisciplinati, la mamys, sentirsi “uncomfortable” in situazioni normali e moltissimo altro – diventano il tuo quotidiano, la tua realtà, la tua vita, la tua casa, la tua famiglia, la tua gioia, il tuo senso alle giornate, I tuoi punti di riferimento, la ragione dei tuoi sorrisi, la tua frustrazione, introspezione.

Diventa la tua vita.

E questa vita semplice, dura, intensa, emozionante, diversa, faticosa, divertente, fuori dalle righe, senti che lentamente un po’ ti cambia ma non sai bene in cosa o come e lo scoprirai, forse, solo al rientro, ma ti piace, ti piace davvero tanto, la senti tua come se lo fosse da tempo, come se tutto questo fosse “normale”.

Ed è una sensazione incredibile, inspiegabile, totalizzante, avvolgente, gratificante, emozionante, quella di sentirsi a casa qui, in questo ombelico del mondo – come lo chiama qualcuno che canta con le emozioni – pieno di difficoltà, avversioni, amore, possibilità, ostacoli, ingenuità, sorrisi, semplicità che ti riempie…

Lola

Leggi il diario della prima settimana di Lola

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

4 agosto 2020

News dal Kenya

Le Conseguenze del Lockdown per le Donne

La pandemia e il lockdown stanno colpendo duramente tutta la popolazione mondiale in termini economici, sanitari e sociali. In tutto il mondo ma soprattutto nei paesi più vulnerabili, donne e … Continua

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

× Come possiamo aiutarti?