News e Comunicazioni

Desertec (Fonte: Inhabitat)

C’era una volta Desertec, il progetto da 400 miliardi di dollari che avrebbe dovuto lanciare l’energia solare nel Nord Africa.

Entro il 2050, una serie di centrali solari termodinamiche poste nel deserto avrebbe dovuto generare 60mila megawatt di corrente, una quantità di energia sufficiente a coprire il fabbisogno di elettricità dei paesi sahariani e il 15% di quello europeo. L’energia prodotta, infatti, sarebbe stata esportata nel Vecchio Continente attraverso un cavo di collegamento fra i due continenti.

Un sogno che non è mai diventato realtà e che, ora, è sempre più minacciato dalla crisi e dall’instabilità politica del Nord Africa. Non a caso, delle tante grandi aziende aderenti al progetto, Siemens ha deciso di defilarsi. E non è certo un buon segno. Così Desertec è fermo da anni e non sembra avere molte chance di ripresa.

Tuttavia, il destino delle rinnovabili solari in Africa non è del tutto segnato. Nuove possibilità si aprono più a Sud: «Nel prossimo futuro lo sviluppo del Mediterraneo sarà caratterizzato da una straordinaria crescita della sponda Sud: dobbiamo attrezzarci per affrontare questa prospettiva» ha detto a la Repubblica Gianluigi Angelantoni, presidente di Anest, l’associazione dei produttori di solare termodinamico. «Le industrie italiane del settore – continua – hanno una grande opportunità: fornire le infrastrutture energetiche per lo sviluppo di paesi che vedranno raddoppiare i consumi in 10 anni».

Entro il 2015, infatti, si stima che la domanda energetica del sud e dell’est del Mediterraneo sarà il 42% del totale. Un’occasione che l’Italia, data la sua posizione strategica dal punto di vista geografico, potrebbe sfruttare. Un’opportunità da non perdere, considerando che, stando a uno studio della Banca Mondiale del 2011, installando 20 GW di solare termodinamico entro il 2020 nel sud del Mediterraneo si produrrebbero 236mila posti di lavoro all’anno.

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

22 maggio 2020

Coronavirus

In Kenya la Crisi Economica diventa Crisi Alimentare

“La pandemia minaccia il progresso africano. Aggraverà le disuguaglianze di antica data e aumenterà la fame, la malnutrizione e la vulnerabilità alle malattie”. Così qualche giorno fa il segretario generale … Continua

18 maggio 2020

Coronavirus

A Nairobi è "Emergenza Acqua Pulita"

Non bastava il lockdown a rendere la vita negli slum ancora più infernale: le piogge torrenziali che hanno colpito il Kenya la scorsa settimana hanno distrutto una parte dell’acquedotto. Adesso … Continua

15 maggio 2020

Coronavirus

Le demolizioni nelle baraccopoli durante il lockdown

“C’erano una volta in quel luogo delle persone che non erano umane”. Inizia così un articolo di un quotidiano keniota online che parla di ciò che è successo nella baraccopoli … Continua

× Come possiamo aiutarti?