News e Comunicazioni

I kenyoti lo chiamano wali wa nazi, ma altro non è che riso al cocco.
Si tratta di una delle ricette tipiche del Kenya, preparata soprattutto nei centri abitati che si trovano lungo la zona costiera di questa nazione, come Mombasa, e nell’isola di Zanzibar.
Un piatto semplice da preparare, che però rappresenta tutto il fascino – e soprattutto il gusto – esotico del suo paese d’origine.

 

Ingredienti per 4 persone
• 250 gr di riso (preferibilmente basmati)
• la polpa di 1 noce di cocco grossa (o in alternativa 2 piccole)
• acqua
• sale

Preparazione del wali wa nazi
• Una volta grattugiato il cocco, copritelo con dell’acqua bollente; estraete il cocco con colino e spremetelo, facendo cadere il latte in un contenitore;
• Ripetete la prima operazione una seconda volta: otterrete un latte meno denso che andrà messo in un altro contenitore a parte;
• Lavate il riso per tre volte in acqua fredda;
• Mettete il late meno denso in una casseruola con un po’ di sale e portatelo quasi al punto di ebollizione; a questo punto aggiungete il riso precedentemente lavato e mescolate con molta cura;
• Aggiungete il latte più denso e mescolate sempre con molta attenzione e a fuoco basso;
• Coprite il riso con carta assorbente, chiudete la pentola con un coperchio con un peso sopra e fate cuocere il tutto a bagnomaria per circa 25 minuti a fuoco molto basso;
• Servite a tavola il wali wa nazi condito con pollo, pesce, verdura, curry o sughi caldi.[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:”1″,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”\"\"<\/a>I kenyoti lo chiamano wali wa nazi<\/strong>, ma altro non \u00e8 che riso al cocco<\/strong>.\r\nSi tratta di una delle ricette tipiche del Kenya, preparata soprattutto nei centri abitati che si trovano lungo la zona costiera di questa nazione, come Mombasa, e nell\u2019isola di Zanzibar.\r\nUn piatto semplice da preparare, che per\u00f2 rappresenta tutto il fascino – e soprattutto il gusto – esotico del suo paese d\u2019origine.\r\n\r\n \r\n\r\nIngredienti per 4 persone<\/strong>\r\n\u2022 250 gr di riso (preferibilmente basmati)\r\n\u2022 la polpa di 1 noce di cocco grossa (o in alternativa 2 piccole)\r\n\u2022 acqua\r\n\u2022 sale\r\n\r\nPreparazione del wali wa nazi<\/strong>\r\n\u2022 Una volta grattugiato il cocco, copritelo con dell\u2019acqua bollente; estraete il cocco con colino e spremetelo, facendo cadere il latte in un contenitore;\r\n\u2022 Ripetete la prima operazione una seconda volta: otterrete un latte meno denso che andr\u00e0 messo in un altro contenitore a parte;\r\n\u2022 Lavate il riso per tre volte in acqua fredda;\r\n\u2022 Mettete il late meno denso in una casseruola con un po\u2019 di sale e portatelo quasi al punto di ebollizione; a questo punto aggiungete il riso precedentemente lavato e mescolate con molta cura;\r\n\u2022 Aggiungete il latte pi\u00f9 denso e mescolate sempre con molta attenzione e a fuoco basso;\r\n\u2022 Coprite il riso con carta assorbente, chiudete la pentola con un coperchio con un peso sopra e fate cuocere il tutto a bagnomaria per circa 25 minuti a fuoco molto basso;\r\n\u2022 Servite a tavola il wali wa nazi condito con pollo, pesce, verdura, curry o sughi caldi.”}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

28 maggio 2020

28 maggio: Menstrual Hygiene Day

Cos’è il Menstrual Hygiene Day? Si tratta di una giornata internazionale pensata e istituita nel 2013 da un’organizzazione non-profit tedesca. L’obiettivo è quello di porre i riflettori sul diritto di … Continua

22 maggio 2020

Coronavirus

In Kenya la Crisi Economica diventa Crisi Alimentare

“La pandemia minaccia il progresso africano. Aggraverà le disuguaglianze di antica data e aumenterà la fame, la malnutrizione e la vulnerabilità alle malattie”. Così qualche giorno fa il segretario generale … Continua

18 maggio 2020

Coronavirus

A Nairobi è "Emergenza Acqua Pulita"

Non bastava il lockdown a rendere la vita negli slum ancora più infernale: le piogge torrenziali che hanno colpito il Kenya la scorsa settimana hanno distrutto una parte dell’acquedotto. Adesso … Continua

× Come possiamo aiutarti?