News e Comunicazioni

Sarah Okunyanyi Shiundu, nota anche come Sarah Martins, è una pittrice ed illustratrice Kenyota contemporanea che vive nella periferia di Nairobi ad Ngong.

Ha deciso di dedicarsi alla pittura quando ha realizzato che si trattava di un mondo dominato dagli uomini, e quindi da fiera donna africana si è detta “voglio stare sotto i riflettori (artistici) con loro!”.

Osservando le sue opere si può facilmente percepire il suo orgoglio di donna africana  e la sua volontà di riequilibrare almeno su un piano illustrato, la posizione sociale dell’uomo e della donna. E quindi nei suoi dipinti si possono ammirare delle donne africane immerse in scene quotidiane, animate da emozioni di felicità e gioia.

In ogni caso però, la caratteristica più interessante dei suoi lavori è la loro particolare texture in rilievo, quasi 3D. Infatti, non solo utilizzata  i colori delle pitture, ma anche bucce di banana, piume e pezzi di stoffe maasai, creando quindi delle combinazioni dall’effetto spesso unico nel suo genere.

(In foto: The Return of The Magi)

Fonti: Inside African Art

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Sarah Okunyanyi Shiundu, nota anche come Sarah Martins, \u00e8 una <\/span>pittrice ed illustratrice<\/b> Kenyota contemporanea che vive nella periferia di Nairobi ad Ngong.<\/span>
<\/p>

<\/div>

Ha deciso di dedicarsi alla pittura quando ha realizzato che si trattava di un mondo dominato dagli uomini, e quindi da fiera donna africana si \u00e8 detta \u201c<\/span>voglio stare sotto i riflettori (artistici) con loro!<\/i>\u201d.<\/span><\/div><\/p>

<\/div>

Osservando le sue opere si pu\u00f2 facilmente percepire il suo <\/span>orgoglio<\/b> di donna africana  e la sua volont\u00e0 di riequilibrare almeno su un piano illustrato, la posizione sociale dell\u2019uomo e della donna. E quindi nei suoi dipinti si possono ammirare delle donne africane immerse in scene quotidiane, animate da emozioni di felicit\u00e0 e gioia.<\/span><\/div><\/p>

<\/div>

In ogni caso per\u00f2, la caratteristica pi\u00f9 interessante dei suoi lavori \u00e8 la loro particolare <\/span>texture<\/b> in rilievo, quasi <\/span>3D<\/b>. Infatti, non solo utilizzata  i colori delle pitture, ma anche bucce di banana, piume e pezzi di stoffe <\/span>maasai<\/b>, creando quindi delle combinazioni dall\u2019effetto spesso unico nel suo genere.<\/span><\/div><\/p>

(In foto: The Return of The Magi)<\/p>

Fonti: Inside African Art<\/a><\/p>

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua