News e Comunicazioni

Secondo la critica internazionale, Chimamanda Adichie è una delle voci anglofone africane più interessanti dell’ultimo decennio.

Dopo aver trascorso l’infanzia in una famiglia medio borghese di Lagos, Nigeria, a 19 anni si si trasferisce negli Stati Uniti dove frequenta numerosi atenei quali Drexel University, Eastern Connecticut State Yniversity, Johns Hopkins University, Princeton University e l’Istituto Radcliffe per studi avanzati della Harvard University, inizia ad essere pubblica nel 1997 con “Decisions”, una raccolta di poesie.

Nel 2009, viene invitata a tenere un discorso (“talk”) alle conferenze TED dove parla di una questione interessante, i pericoli del conoscere “una storia sola”.

La Adichie racconta che quando era piccola amava molto leggere in particolare romanzi scritti da scrittori britannici che popolavano le loro storie di “personaggi biondi con gli occhi azzurri, che sorseggiavano birra allo zenzero e che parlavano spesso del tempo”. Di conseguenza, quando da piccola  cominciò a cimentarsi con la scrittura, scriveva le medesime cose di cui leggeva senza sapere veramente di cosa stesse scrivendo (ad esempio la birra allo zenzero). Ma era normale, non sapeva che esistessero forme di letteratura africane nelle quali immedesimarsi perché conosceva “una storia sola”,

Quando si trasferì negli Stati Uniti e conobbe la sua compagna di stanza del college, realizzò il problema del conoscere “una storia sola”. La sua coinquilina rimase shockata dal fatto che Chimamanda parlasse perfettamente inglese, non sapeva che in Nigeria si parlasse inglese, e si rattristò del fatto che invece che ascoltare “musica tribale” ascoltasse Mariah Carrey. La sua coinquilina come il resto della popolazione americana immaginava l’Africa come un Paese (e non continente) dove i paesaggi e gli animali erano splendidi ed esotici e dove della gente strana moriva per l’AIDS, guerre e povertà. Tutti conoscevano “una storia sola” dell’Africa.

Cher cos’è “la storia sola” (a single story)? Chimamanda Adichie la definisce come la tendenza a mostrare costantemente un paese solo in base ad una caratteristica o ad una cosa fino a che quel paese o popolazione non diventa davvero quella cosa o caratteristica. Questo fattore è anche legato alla questione del potere e di come questo condizioni le relazioni e come le notizie vengono narrate fino a che una storia non appartiene ad un paese. Il problema che sottolinea questo concetto è che insistendo solo sugli aspetti negativi dell’esperienza umana di un popolo allora la si riduce appiattendola rubando la dignità agli individui di quel popolo o paese.

Ed è in questo modo che nascono gli stereotipi e i pregiudizi, perché si conosce solo una storia o una versione della stessa storia, invece si dovrebbero conoscere più storie diverse e capire che in Africa non ci sono solo catastrofi, povertà, fame e diritti spesso negati, ma ci sono anche uomini e donne forti che nonostante le difficoltà delle vita vanno avanti, a volte fallendo a volte con successo, proprio come in qualunque altra regione del mondo.

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Secondo la critica internazionale, Chimamanda Adichie<\/b> \u00e8 una delle voci anglofone africane pi\u00f9 interessanti dell\u2019ultimo decennio.<\/p>

Dopo aver trascorso l\u2019infanzia in una famiglia medio borghese di Lagos, Nigeria<\/b>, a 19 anni si si trasferisce negli Stati Uniti dove frequenta numerosi atenei quali Drexel University, Eastern Connecticut State Yniversity, Johns Hopkins University, Princeton University e l\u2019Istituto Radcliffe per studi avanzati della Harvard University, inizia ad essere pubblica nel 1997 con \u201cDecisions\u201d, una raccolta di poesie.<\/p>

Nel 2009, viene invitata a tenere un discorso (\u201ctalk\u201d) alle conferenze TED<\/a> dove parla di una questione interessante, i pericoli del conoscere \u201cuna storia sola<\/i>\u201d.<\/p>

La Adichie racconta che quando era piccola amava molto leggere in particolare romanzi scritti da scrittori britannici che popolavano le loro storie di \u201cpersonaggi biondi con gli occhi azzurri, che sorseggiavano birra allo zenzero e che parlavano spesso del tempo\u201d. Di conseguenza, quando da piccola  cominci\u00f2 a cimentarsi con la scrittura, scriveva le medesime cose di cui leggeva senza sapere veramente di cosa stesse scrivendo (ad esempio la birra allo zenzero). Ma era normale, non sapeva che esistessero forme di letteratura africane nelle quali immedesimarsi perch\u00e9 conosceva \u201cuna storia sola\u201d,<\/p>

Quando si trasfer\u00ec negli Stati Uniti e conobbe la sua compagna di stanza del college, realizz\u00f2 il problema del conoscere \u201cuna storia sola\u201d. La sua coinquilina rimase shockata dal fatto che Chimamanda parlasse perfettamente inglese, non sapeva che in Nigeria si parlasse inglese, e si rattrist\u00f2 del fatto che invece che ascoltare \u201cmusica tribale\u201d ascoltasse Mariah Carrey. La sua coinquilina come il resto della popolazione americana immaginava l\u2019Africa come un Paese (e non continente) dove i paesaggi e gli animali erano splendidi ed esotici e dove della gente strana moriva per l\u2019AIDS, guerre e povert\u00e0. Tutti conoscevano \u201cuna storia sola\u201d dell\u2019Africa.<\/p>

Cher cos\u2019\u00e8 \u201cla storia sola<\/b><\/i>\u201d (a single story)? Chimamanda Adichie la definisce come la tendenza a mostrare costantemente un paese solo in base ad una caratteristica o ad una cosa fino a che quel paese o popolazione non diventa davvero quella cosa o caratteristica. Questo fattore \u00e8 anche legato alla questione del potere e di come questo condizioni le relazioni e come le notizie vengono narrate fino a che una storia non appartiene ad un paese. Il problema che sottolinea questo concetto \u00e8 che insistendo solo sugli aspetti negativi dell\u2019esperienza umana di un popolo allora la si riduce appiattendola rubando la dignit\u00e0 agli individui di quel popolo o paese.<\/p>

Ed \u00e8 in questo modo che nascono gli stereotipi e i pregiudizi<\/b>, perch\u00e9 si conosce solo una storia o una versione della stessa storia, invece si dovrebbero conoscere pi\u00f9 storie diverse e capire che in Africa non ci sono solo catastrofi, povert\u00e0, fame e diritti spesso negati, ma ci sono anche uomini e donne forti che nonostante le difficolt\u00e0 delle vita vanno avanti, a volte fallendo a volte con successo, proprio come in qualunque altra regione del mondo.<\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua