News e Comunicazioni

Il 4 marzo scorso il popolo kenyota è andato alle urne per eleggere un nuovo governo, il candidato vincente è stato Uhuru Kenyatta, Il quale in campagna elettorale fece una promessa molto ardita: fornire un computer portatile ad ogni studente  all’inizio della scuola primaria partendo da 6000 scuole ad inizio 2014. Il progetto ha suscitato molto scetticismo da parte degli insegnati, genitori e il pubblico più generale, nonostante ciò Kenyatta si è dimostrato fermo nella sua decisione.

Le critiche mosse finora sono le seguenti.

  • Mancanza di infrastrutture adeguate. Molte scuole in particolare nelle zone rurali, non hanno accesso all’elettricità, alcune scuole vengono spesso dilapidate, per non parlare di quelle dove le lezioni avvengono all’aperto.
  • Mancanza di capacità informatiche. Numerosi insegnanti non sanno usare un computer. Cosa succede in caso di problemi tecnici?
  • Tempismo. Non è il momento giusto per questo tipo di iniziativa, ci sono alter questioni più pressanti da affrontare  prima di buttare via i fondi in questo modo, come la creazioni idi maggiori posti di lavoro, il sistema sanitario, l’assunzione di più insegnati e paghe.

Fonte: Afrinnovator

Tradotto da Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il 4 marzo scorso il popolo kenyota \u00e8 andato alle urne per eleggere un nuovo governo<\/b>, il candidato vincente \u00e8 stato Uhuru Kenyatta<\/b>, Il quale in campagna elettorale fece una promessa molto ardita: fornire un computer portatile<\/b> ad ogni studente  all’inizio della scuola primaria partendo da 6000 scuole ad inizio 2014. Il progetto ha suscitato molto scetticismo<\/b> da parte degli insegnati, genitori e il pubblico pi\u00f9 generale, nonostante ci\u00f2 Kenyatta si \u00e8 dimostrato fermo nella sua decisione.<\/span>
<\/p>

Le critiche mosse finora sono le seguenti.<\/p>

  • Mancanza di infrastrutture adeguate. Molte scuole in particolare nelle zone rurali, non hanno accesso all\u2019elettricit\u00e0, alcune scuole vengono spesso dilapidate, per non parlare di quelle dove le lezioni avvengono all\u2019aperto.<\/span>
    <\/li>
  • Mancanza di capacit\u00e0 informatiche. Numerosi insegnanti non sanno usare un computer. Cosa succede in caso di problemi tecnici?<\/span>
    <\/li>
  • Tempismo. Non \u00e8 il momento giusto per questo tipo di iniziativa, ci sono alter questioni pi\u00f9 pressanti da affrontare  prima di buttare via i fondi in questo modo, come la creazioni idi maggiori posti di lavoro, il sistema sanitario, l\u2019assunzione di pi\u00f9 insegnati e paghe.<\/span>
    <\/li><\/ul><\/p>

    Fonte: Afrinnovator<\/a><\/p>

    Tradotto da Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua