News e Comunicazioni

Quando si inizia a leggere We Need New Names di No Violet Bulawayo, ci vuole un po’ per capire il luogo in cui si sviluppa la storia. Infatti, nel primo capitolo una gang di bambini – protagonisti del libro – gira per Budapest rubando frutti di Guava dai giardini dei ricchi, dopo di che si spostano a Shangai dove gli Africani lavorano per i cinesi nei cantieri. I bambini rubano i frutti per placare la fame e vanno a Shangai per chiedere ai cinesi oggetti – di pessima qualità – da poter rivendere. 

Quando tornano poi a Paradise, la baraccopoli dove vivono, fatta di baracche e alberi di Jacaranda sotto i quali gli uomini parlano di cambiamento reale per i loro paese, si può intuire che il paese di cui parlano è lo Zimbabwe e che Budapest e Shangai non sono altro che due aree della città che confina con Paradise. Quando non sono in giro, i bambini si divertono cantando e giocando al gioco dei paesi dove immagino di vivere in paesi felici come gli USA, il Regno unito, il Canada, l’Australia e la Svizzera e non in un paese di schifo come il loro.

Darling – la voce narrante – e il resto del gruppo sono bambini svegli e non si impressionano davanti alle troupes della BBC o davanti ai cooperanti che non fanno altro che scattare foto. Non capiscono nemmeno perché gli adulti di Paradise pregano Dio, Dio non gli ascolta mai. Loro sanno che sono gli unici che possono provvedere a sé stessi, nonostante ciò però sono bambini e hanno bisogno dei loro genitori anche quando ogni tanto sono così malati da non riuscire ad alzarsi o a provvedere alla famiglia o devono mandare all’estero i figli in paesi felici dove c’è cibo per tutti.

Anche Darling viene mandata negli Stati Uniti da una zia e lì deve trovare un modo per fare i conti con la nuova realtà e distanziarsi dal suo paese e dai suoi amici.

Sebbene la seconda parte del romanzo perda un pò di smalto, viene mantenuto un linguaggio molto creativo, esuberante, ricco di immagini, iperbole e ripetizioni per dare maggior enfasi. Ma il carattere più interessante dello stile della Bulawayo è che nel descrivere i pensieri dei bambini e i loro giochi, riesce a comunicare gli orrori della fame, della violenza, dell’AIDS in un modo semplice e molto efficace.

Fonte: sulromanzo.itInternazionale

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Quando si inizia a leggere We Need New Names<\/b><\/i> di No Violet Bulawayo<\/b>, ci vuole un po\u2019 per capire il luogo in cui si sviluppa la storia. Infatti, nel primo capitolo una gang di bambini<\/b> \u2013 protagonisti del libro \u2013 gira per Budapest<\/i> rubando frutti di Guava dai giardini dei ricchi, dopo di che si spostano a Shangai<\/i> dove gli Africani lavorano per i cinesi nei cantieri. I bambini rubano i frutti per placare la fame e vanno a Shangai per chiedere ai cinesi oggetti \u2013 di pessima qualit\u00e0 \u2013 da poter rivendere. <\/span>
<\/p>

Quando tornano poi a Paradise, <\/i>la baraccopoli<\/b> dove vivono, fatta di baracche e alberi di Jacaranda sotto i quali gli uomini parlano di cambiamento reale<\/i> per i loro paese, si pu\u00f2 intuire che il paese di cui parlano \u00e8 lo Zimbabwe<\/b> e che Budapest e Shangai non sono altro che due aree della citt\u00e0 che confina con Paradise. Quando non sono in giro, i bambini si divertono cantando e giocando al gioco dei paesi<\/i> dove immagino di vivere in paesi felici<\/i> come gli USA, il Regno unito, il Canada, l\u2019Australia e la Svizzera<\/i> e non in un paese di schifo<\/i> come il loro.<\/p>

Darling \u2013 la voce narrante \u2013 e il resto del gruppo sono bambini svegli e non si impressionano davanti alle troupes della BBC o davanti ai cooperanti che non fanno altro che scattare foto. Non capiscono nemmeno perch\u00e9 gli adulti di Paradise pregano Dio, Dio non gli ascolta mai. Loro sanno che sono gli unici che possono provvedere a s\u00e9 stessi, nonostante ci\u00f2 per\u00f2 sono bambini e hanno bisogno dei loro genitori anche quando ogni tanto sono cos\u00ec malati<\/i> da non riuscire ad alzarsi o a provvedere alla famiglia o devono mandare all’estero i figli in paesi felici dove c\u2019\u00e8 cibo per tutti.<\/p>

Anche Darling viene mandata negli Stati Uniti da una zia e l\u00ec deve trovare un modo per fare i conti con la nuova realt\u00e0 e distanziarsi dal suo paese e dai suoi amici.<\/p>

Sebbene la seconda parte del romanzo perda un p\u00f2 di smalto, viene mantenuto un linguaggio<\/b> molto creativo, esuberante, ricco di immagini, iperbole e ripetizioni per dare maggior enfasi. Ma il carattere pi\u00f9 interessante dello stile<\/b> della Bulawayo \u00e8 che nel descrivere i pensieri dei bambini e i loro giochi, riesce a comunicare gli orrori della fame, della violenza, dell\u2019AIDS in un modo semplice e molto efficace.<\/p>

Fonte: sulromanzo.it<\/a><\/b>, Internazionale<\/b><\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua