News e Comunicazioni

Aminata Touré è il nuovo premier dello Stato africano. Sostituisce in corsa Abdoul Mbave, esperto di economia ma inadatto a risolvere il problema della povertà del Paese.

Per la seconda volta nella sua storia, il Senegal ha un premier di sesso femminile: con decisione repentina –e di cui, per il momento, non si conoscono le effettive ragioni- il presidente Macky Sall ha liquidato il governo guidato da Abdoul Mbaye (di cui faceva parte anche il celebre cantante Youssou Ndour) e ha dato l’incarico a Aminata Touré -già ministro della Giustizia-  di formarne uno nuovo.

Molti analisti ritengono che alla base della decisione di Sall ci sia la crisi economica e l’alta disoccupazione del Paese, nonostante la fama di tecnocrate serio e rigoroso che accompagnava l’ormai ex premier.  

Curriculum di tutto rispetto quello che può vantare la Touré, detta Mimì. Figlia di un medico e di un’ostetrica, il neo Primo Ministro ha trascorso gli anni di scuola a Tambacounda, una grande città della parte orientale del Senegal. Si è poi specializzata in Francia, con un master a Digione e uno a Aix-en-Provence, fino al dottorato di ricerca presso l’ École internationale de management , a Parigi. Militante fin dall’età di 14 anni, ha sempre abbinato la passione politica all’impegno umanitario, in un crescendo di soddisfazioni professionali: dal ruolo di primo piano nella campagna elettorale del Senegal nel 1993 fino al già menzionato dicastero della Giustizia, passando per la direzione del Fondo per le Nazioni Unite (UNFPA), a New York nel 2003.

Il presidente mi ha fatto l’onore di propormi di guidare il nuovo esecutivo e io ho accettato con umiltà», si è limitata a dire dopo la nomina. Nessun accenno di polemica nei confronti del suo predecessore: «Prendo il testimone per continuare la gara, una gara per lo sviluppo e il miglioramento delle condizioni di vita della nostra gente”.

Il primo premier donna del Paese, Mame Madior Boye, occupò questa carica dal 2001 al 2002. È tutta l’Africa in generale che negli ultimi anni sta dando uno spazio sempre più prestigioso all’ “altra metà del cielo”: Joyce Band e Ellen Johnson Sirleaf, presidenti rispettivamente del Malawi e della Liberia, sono gli esempi più prestigiosi.

Fonte: Vita.it

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Aminata Tour\u00e9<\/b> \u00e8 il nuovo premier dello Stato africano. Sostituisce in corsa Abdoul Mbave, esperto di economia ma inadatto a risolvere il problema della povert\u00e0 del Paese.<\/p>

Per la seconda volta nella sua storia, il Senegal<\/b> ha un premier di sesso femminile: con decisione repentina \u2013e di cui, per il momento, non si conoscono le effettive ragioni- il presidente Macky Sall ha liquidato<\/i> il governo guidato da Abdoul Mbaye<\/b> (di cui faceva parte anche il celebre cantante Youssou Ndour) e ha dato l\u2019incarico a Aminata Tour\u00e9 -gi\u00e0 ministro della Giustizia-  di formarne uno nuovo.<\/p>

Molti analisti ritengono che alla base della decisione di Sall ci sia la crisi economica e l\u2019alta disoccupazione del Paese, nonostante la fama di tecnocrate serio e rigoroso che accompagnava l\u2019ormai ex premier.  <\/p>

Curriculum di tutto rispetto quello che pu\u00f2 vantare la Tour\u00e9, detta Mim\u00ec. Figlia di un medico e di un\u2019ostetrica, il neo Primo Ministro ha trascorso gli anni di scuola a Tambacounda, una grande citt\u00e0 della parte orientale del Senegal. Si \u00e8 poi specializzata in Francia, con un master a Digione e uno a Aix-en-Provence, fino al dottorato di ricerca presso l\u2019 \u00c9cole internationale de management , a Parigi. Militante fin dall\u2019et\u00e0 di 14 anni, ha sempre abbinato la passione politica all\u2019impegno umanitario, in un crescendo di soddisfazioni professionali: dal ruolo di primo piano nella campagna elettorale del Senegal nel 1993 fino al gi\u00e0 menzionato dicastero della Giustizia, passando per la direzione del Fondo per le Nazioni Unite (UNFPA), a New York nel 2003.<\/p>

\”Il presidente mi ha fatto l\u2019onore di propormi di guidare il nuovo esecutivo e io ho accettato con umilt\u00e0\u00bb, si \u00e8 limitata a dire dopo la nomina. Nessun accenno di polemica nei confronti del suo predecessore: \u00abPrendo il testimone per continuare la gara, una gara per lo sviluppo e il miglioramento delle condizioni di vita della nostra gente\”<\/i>.<\/p>

Il primo premier donna del Paese, Mame Madior Boye, occup\u00f2 questa carica dal 2001 al 2002. \u00c8 tutta l\u2019Africa in generale che negli ultimi anni sta dando uno spazio sempre pi\u00f9 prestigioso all\u2019 \u201caltra met\u00e0 del cielo<\/i>\u201d: Joyce Band e Ellen Johnson Sirleaf, presidenti rispettivamente del Malawi e della Liberia, sono gli esempi pi\u00f9 prestigiosi.<\/p>

Fonte: Vita.it<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua