News e Comunicazioni

In Sudan, da ormai 25 anni le donne vengono flagellate pubblicamente. L’ideologia dell’attuale regime è stata chiara sin dall’inizio: terrorizzare le donne. Tale ideologia si basa sugli assunti che le donne sono problematiche e bisognose di disciplina, che sono pericolose istigatrici di immoralità e responsabili dei mali della società. L’articolo 152 del codice di diritto penale recita “Parlare alle donne non è abbastanza, dobbiamo punirle e instillare la paura nelle loro menti perché non sono esseri intelligenti e sono spiritualmente inadatte.”

Sulla base di questo articolo Amira Osman, un’attivista sudanese è stata accusata del crimine di non essersi coperta il capo in pubblico e per questo dovrà affrontare un processo che è stato rimandato al 4 novembre prossimo. Sara, un’artista e insegnate di venticinque anni, di ritorno verso casa è stata fermata e prelevata dalla polizia che l’ha poi aggredita sessualmente, umiliata verbalmente e infine accusata del grave crimine di indossare dei pantaloni. Dato che non poteva pagare la salata multa, è stata condannata a quaranta frustate mente i soldati la deridevano. Purtroppo il suo non è un caso isolato, ma è una storia comune a molte donne ogni giorno. Inoltre, in conformità all’articolo 154, ogni luogo di incontro per uomini e donne che non hanno legami matrimoniali o di parentela, è definito un “luogo di prostituzione”. Quindi, centinaia di donne sono incriminate ogni giorno in casa loro o sui luoghi di lavoro.

Il problema delle leggi in Sudan è che sono scritte in modo così vago ed elusivo che ai giudici è consentito interpretarle e applicarle a modo loro. Questo ha dunque trasformato e manipolato il sistema legale a sfavore delle donne. Da anni la battaglia contro questo regime che reprime le donne, compromette il loro sostentamento per impoverirle, che limita la loro partecipazione alla vita non solo politica, ma anche pubblica, sportiva e culturale, va avanti in tutto il paese. Inoltre, imponendo questo tipo di mentalità, la discriminazione della legge colpisce profondamente le comunità e le generazioni future rimuovendo ogni possibilità per il progresso e la pace.

Fonte: Afronline

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In Sudan<\/b>, da ormai 25 anni le donne vengono flagellate pubblicamente. L\u2019ideologia dell\u2019attuale regime \u00e8 stata chiara sin dall’inizio: terrorizzare le donne<\/b>. Tale ideologia si basa sugli assunti che le donne sono problematiche e bisognose di disciplina, che sono pericolose istigatrici di immoralit\u00e0 e responsabili dei mali della societ\u00e0. L\u2019articolo 152 del codice di diritto penale recita \u201cParlare alle donne non \u00e8 abbastanza, dobbiamo punirle e instillare la paura nelle loro menti perch\u00e9 non sono esseri intelligenti e sono spiritualmente inadatte<\/i>.\u201d<\/p>

Sulla base di questo articolo Amira Osman<\/b>, un\u2019attivista sudanese \u00e8 stata accusata del crimine di non essersi coperta il capo in pubblico e per questo dovr\u00e0 affrontare un processo che \u00e8 stato rimandato al 4 novembre prossimo. Sara, un\u2019artista e insegnate di venticinque anni, di ritorno verso casa \u00e8 stata fermata e prelevata dalla polizia che l\u2019ha poi aggredita sessualmente, umiliata verbalmente e infine accusata del grave crimine di indossare dei pantaloni<\/b>. Dato che non poteva pagare la salata multa, \u00e8 stata condannata a quaranta frustate mente i soldati la deridevano. Purtroppo il suo non \u00e8 un caso isolato, ma \u00e8 una storia comune a molte donne ogni giorno. Inoltre, in conformit\u00e0 all’articolo 154, ogni luogo di incontro per uomini e donne che non hanno legami matrimoniali o di parentela, \u00e8 definito un \u201cluogo di prostituzione<\/i>\u201d. Quindi, centinaia di donne sono incriminate ogni giorno in casa loro o sui luoghi di lavoro.<\/p>

Il problema delle leggi in Sudan \u00e8 che sono scritte in modo cos\u00ec vago ed elusivo che ai giudici \u00e8 consentito interpretarle e applicarle a modo loro. Questo ha dunque trasformato e manipolato il sistema legale<\/b> a sfavore delle donne. Da anni la battaglia contro questo regime che reprime le donne, compromette il loro sostentamento per impoverirle, che limita la loro partecipazione alla vita non solo politica, ma anche pubblica, sportiva e culturale, va avanti in tutto il paese. Inoltre, imponendo questo tipo di mentalit\u00e0, la discriminazione <\/b>della legge colpisce profondamente le comunit\u00e0 e le generazioni future rimuovendo ogni possibilit\u00e0 per il progresso e la pace.<\/p>

Fonte: Afronline<\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua