News e Comunicazioni

La Radar Technologies International, la società di esplorazione di risorse naturali che ha eseguito le ricerche per conto delle Nazioni Unite, ha scoperto le falde acquifere con il sistema WATEX, la tecnologia di esplorazione spaziale che permette di localizzare l’acqua sotterranea con oltre il 94% di certezza e conosciuta per le sue capacità di mappatura rapida e su larga scala. E’ grazie alle tecnologie di Remote Sensing incrociata con dati rilevati sul territorio che ha permesso di individuare i bacini in poco tempo. Uno degli aspetti più importanti della conferma dell’esistenza dei bacini è che altri ne potrebbero essere individuati con le stesse tecniche. Il tesoro blu e segreto dell’Africa, un continente dalle ricchezze idrologiche ancora da scoprire, potrebbe essere presto portato alla luce.

Proprio nella regione più critica dal punto di vista delle risorse naturali – Turkana County, nel nord del paese – sono stati scoperti cinque bacini acquiferi, uno dei quali è grande quanto il Rhode Island (3.140 km²). Secondo la Radar Technologies International “Le falde contengono una riserva minima di 250 miliardi di metri cubi di liquido“. Si tratta di un potenziale enorme di approvvigionamento di risorse sotterranee che oltre a fornire acqua potabile, potrebbe essere utilizzato come fonte di irrigazione per le colture o di acqua per il bestiame. Siccità e malnutrizione sono le piaghe che affliggono la tormentata regione del Turkana; l’UNESCO ha dichiarato che “Su una popolazione di circa 41 milioni di persone, 17 milioni di kenyoti non hanno accesso sufficiente all’acqua potabile e 28 milioni sono senza servizi igienici adeguati“. Dei cinque bacini due sono stati pienamente identificati e mappati mentre per gli altri tre mancano ancora dei dati.

Questa ritrovata ricchezza d’acqua apre una porta verso un futuro più prospero per il popolo del Turkana e la nazione nel suo complesso“, ha detto Judi Wakhungu, segretario del Kenya per l’ambiente, l’acqua e le risorse naturali in una dichiarazione dell’Unesco. “Ora dobbiamo lavorare per esplorare ulteriormente queste risorse e tutelarle per le generazioni future“. I ritrovamenti sono stati frutto di una cooperazione tra il governo del Kenya e l’UNESCO, con il sostegno finanziario del Giappone. Gretchen Kalonji, assistant director per le scienze naturali dell’UNESCO, ha detto: “La scoperta dimostra chiaramente come scienza e tecnologia possono contribuire all’industrializzazione e la crescita economica e risolvere i veri problemi sociali come l’accesso all’acqua“.

Fonti: Repubblica.it

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

La Radar Technologies International, la societ\u00e0 di esplorazione di risorse naturali che ha eseguito le ricerche per conto delle Nazioni Unite, ha scoperto le falde acquifere con il sistema WATEX<\/b>, la tecnologia di esplorazione spaziale che permette di localizzare l’acqua sotterranea con oltre il 94% di certezza e conosciuta per le sue capacit\u00e0 di mappatura rapida e su larga scala. E’ grazie alle tecnologie di Remote Sensing<\/i> incrociata con dati rilevati sul territorio che ha permesso di individuare i bacini in poco tempo. Uno degli aspetti pi\u00f9 importanti della conferma dell’esistenza dei bacini \u00e8 che altri ne potrebbero essere individuati con le stesse tecniche. Il tesoro blu e segreto dell’Africa<\/b>, un continente dalle ricchezze idrologiche ancora da scoprire, potrebbe essere presto portato alla luce.<\/p>

Proprio nella regione pi\u00f9 critica dal punto di vista delle risorse naturali \u2013 Turkana County<\/b>, nel nord del paese \u2013 sono stati scoperti cinque bacini acquiferi, uno dei quali \u00e8 grande quanto il Rhode Island (3.140 km\u00b2). Secondo la Radar Technologies International \”Le falde contengono una riserva minima di 250 miliardi di metri cubi di liquido<\/i>\”. Si tratta di un potenziale enorme di approvvigionamento di risorse sotterranee che oltre a fornire acqua potabile, potrebbe essere utilizzato come fonte di irrigazione per le colture o di acqua per il bestiame. Siccit\u00e0 e malnutrizione sono le piaghe che affliggono la tormentata regione del Turkana; l’UNESCO<\/b> ha dichiarato che \”Su una popolazione di circa 41 milioni di persone, 17 milioni di kenyoti non hanno accesso sufficiente all’acqua potabile e 28 milioni sono senza servizi igienici adeguati<\/i>\”. Dei cinque bacini due sono stati pienamente identificati e mappati mentre per gli altri tre mancano ancora dei dati.<\/p>

\”Questa ritrovata ricchezza d’acqua apre una porta verso un futuro pi\u00f9 prospero per il popolo del Turkana e la nazione nel suo complesso<\/i>\”, ha detto Judi Wakhungu<\/b>, segretario del Kenya per l’ambiente, l’acqua e le risorse naturali in una dichiarazione dell’Unesco. \”Ora dobbiamo lavorare per esplorare ulteriormente queste risorse e tutelarle per le generazioni future<\/i>\”. I ritrovamenti sono stati frutto di una cooperazione tra il governo del Kenya e l’UNESCO, con il sostegno finanziario del Giappone. Gretchen Kalonji<\/b>, assistant director per le scienze naturali dell’UNESCO, ha detto: \”La scoperta dimostra chiaramente come scienza e tecnologia possono contribuire all’industrializzazione e la crescita economica e risolvere i veri problemi sociali come l’accesso all’acqua<\/i>\”.<\/p>

Fonti: Repubblica.it<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua