News e Comunicazioni

Per raggiungere entro il 2015 il Quarto obiettivo dei Millennium Development Goals (MDGs): riduzione di due terzi del tasso di mortalità infantile, il Kenya deve fare in modo che 113,000 bambini sopravvivano ai loro primi cinque anni di vita.

Nonostante ci sia stato un declino della mortalità infantile negli ultimi 20 anni – da 103 decessi ogni 1,000 nel 1992, a 73 decessi ogni 1,000 nel 2012 – i dati dell’UNICEF dimostrano che proporzionalmente alla crescita della popolazione del paese, si sono verificati più decessi nel 2012 (108,000) rispetto al 1992 (96,000) e questo fa del Kenya è il paese dell’Africa Orientale dove un neonato ha meno chance di sopravvivere rispetto ad altri paesi africani.

Inoltre, è apparso che solo nel 2010 7.6 milioni di bambini sotto la soglia dei cinque anni, sono deceduti per malattie prevenibili come polmonite e dissenteria. I dati dell’Economic Survey 2013 in Kenya mostrano che la polmonite è la principale causa di decesso nel paese con una vittima su cinque. I medici sostengono che il governo dovrebbe facilitare l’accesso all’acqua potabile nelle aree più povere in modo tale da ridurre i casi di dissenteria, definita la malattia dei poveri.

É stato stimato che la metà dei decessi che accadono entro il primo mese, avviene in realtà entro il primo giorno di vita a causa dell’inadeguatezza dei servizi sanitari rivolti alle madri, prima e durante il parto.

Si è inoltre osservato però che con l’introduzione di servizi gratuiti rivolti alle madri all’interno degli ospedali pubblici, si è perlomeno ridotto il numero parti casalinghi aumentano così le possibilità di sopravvivenza dei neonati. Nonostante ciò, il responsabile regionale dell’UNICEF Tesfaye Shifraw ha evidenziato che i servizi sono distribuiti in maniera disuguale.

Fonti: businessdailyafrica.com , World Bank , Childinfo.org , Afrika.no

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Per raggiungere entro il 2015 il Quarto obiettiv<\/b>o dei Millennium Development Goals (MDG<\/b>s): riduzione di due terzi del tasso di mortalit\u00e0 infantile, il Kenya<\/b> deve fare in modo che 113,000 bambini sopravvivano ai loro primi cinque anni di vita.<\/p>

Nonostante ci sia stato un declino della mortalit\u00e0 infantile negli ultimi 20 anni \u2013 da 103 decessi ogni 1,000 nel 1992, a 73 decessi ogni 1,000 nel 2012 \u2013 i dati dell\u2019UNICEF<\/b> dimostrano che proporzionalmente alla crescita della popolazione del paese, si sono verificati pi\u00f9 decessi nel 2012 (108,000) rispetto al 1992 (96,000) e questo fa de<\/span>l Kenya \u00e8 il paese dell\u2019Africa Orientale dove un neonato ha meno chance di sopravvivere rispetto ad altri paesi africani.<\/span><\/p>

Inoltre, \u00e8 apparso che solo nel 2010 7.6 milioni di bambini sotto la soglia dei cinque anni, sono deceduti per malattie prevenibili come polmonite e dissenteria<\/b>. I dati dell\u2019Economic Survey 2013<\/b> in Kenya mostrano che la polmonite \u00e8 la principale causa di decesso nel paese con una vittima su cinque. I medici sostengono che il governo dovrebbe facilitare l\u2019accesso all’acqua potabile nelle aree pi\u00f9 povere in modo tale da ridurre i casi di dissenteria, definita la malattia dei poveri.<\/span><\/p>

\u00c9 stato stimato che la met\u00e0 dei decessi che accadono entro il primo mese, avviene in realt\u00e0 entro il primo giorno di vita a causa dell\u2019inadeguatezza dei servizi sanitari rivolti alle madri, prima e durante il parto.<\/p>

Si \u00e8 inoltre osservato per\u00f2 che con l\u2019introduzione di servizi gratuiti rivolti alle madri all’interno degli ospedali pubblici, si \u00e8 perlomeno ridotto il numero parti casalinghi aumentano cos\u00ec le possibilit\u00e0 di sopravvivenza dei neonati. Nonostante ci\u00f2, il responsabile regionale dell\u2019UNICEF Tesfaye Shifraw<\/b> ha evidenziato che i servizi sono distribuiti in maniera disuguale.<\/p>

Fonti: businessdailyafrica.com<\/a> , World Bank<\/a> , Childinfo.org<\/a> , Afrika.no<\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

9 settembre 2019

AIFA

Lo Staff 2019: Leah Lekanayia

Dopo avervi parlato della Responsabile Didattica del nostro corso, la chef Nadia Gherardi, vi presentiamo la Direttrice del corso AIFA di quest’anno: Leah Lekanayia. Leah è nata in Kenya e … Continua

27 agosto 2019

AIFA

Lo Staff 2019: Nadia Gherardi

Un paio di settimane fa vi abbiamo presentato la nuova classe di Alice Italian Food Academy, che seguirà le lezioni di cucina italiana fino al prossimo novembre. In quell’occasione, vi … Continua

19 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dell'Aiuto Umanitario

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World … Continua