News e Comunicazioni

In questo documentato exposé, Michela Wrong – giornalista e corrispondente estera britannica – racconta la storia di John Githongo, un giornalista e attivista sociale kenyota che nel 2002 fu chiamato a ricoprire un’importante carica nel dipartimento anti-corruzione dell’allora emergente governo Kibaki. Durante l’incarico, Githongo portò alla luce prove di radicate forme di corruzione presenti ai livelli più alti del governo. Il caso sicuramente più noto è lo scandalo dell’Anglo Leasing and Finance Ldt. la quale nel 2003-04 ricevette pagamenti pari al 16% delle spese pubbliche kenyote che sarebbero bastati per una fornitura decennale di antivirali ad ogni cittadino affetto da HIV/AIDS .

Si discute anche il ruolo dell’etnicità all’interno della politica nazionale. Githongo, un Kikuyo, era convinto che si dovesse cambiare la mentalità del “è il nostro momento di mangiare” tipica della sua stessa tribù. I Kikuyo, infatti, fecero di tutto affinché dopo Daniel arap Moi, un Kalenjin, fosse rieletto un Kikuyo e tornare a fare la ‘bella vita’ con i soldi pubblici.

Nel mezzo della critica alle istituzioni internazionali per come hanno affrontato il problema della corruzione in Kenya, l’autrice elogia il discorso che l’Alto Commissario Britannico in Kenya, Clay, tenne in occasione del passaggio di consegna tra Moi e Kibaki, “[…] non possono aspettarsi che non ci preoccupiamo quando la loro ingordigia si ritorca contro di noi e vomitino sulle nostre scarpe.

In generale, Wrong paragona la corruzione kenyota a un’immensa discarica che è crescita a dismisura negli anni “i cui strati variano per consistenza, ma comunque puzza tutta allo stesso modo.” È un libro che comunica più di quanto il titolo suggerisca, e non tratta semplicemente di una ‘talpa’ – Githongo – ma dell’intero Kenya e sarebbe potuto essere scritto ovunque dove la corruzione è endemica e i presidenti hanno fatto di tutto per centralizzare il potere nelle loro mani.

Fonte: The Guardian

Giulia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In questo documentato expos\u00e9, Michela Wrong<\/b> \u2013 giornalista e corrispondente estera britannica \u2013 racconta la storia di John Githongo<\/b>, un giornalista e attivista sociale kenyota che nel 2002 fu chiamato a ricoprire un\u2019importante carica nel dipartimento anti-corruzione dell\u2019allora emergente governo Kibaki. Durante l\u2019incarico, Githongo port\u00f2 alla luce prove di radicate forme di corruzione presenti ai livelli pi\u00f9 alti del governo. Il caso sicuramente pi\u00f9 noto \u00e8 lo scandalo dell\u2019Anglo Leasing and Finance Ldt.<\/b> la quale nel 2003-04 ricevette pagamenti pari al 16% delle spese pubbliche kenyote che sarebbero bastati per una fornitura decennale di antivirali ad ogni cittadino affetto da HIV\/AIDS .<\/p>

Si discute anche il ruolo dell\u2019etnicit\u00e0 all\u2019interno della politica nazionale. Githongo, un Kikuyo<\/b>, era convinto che si dovesse cambiare la mentalit\u00e0 del \u201c\u00e8 il nostro momento di mangiare<\/i>\u201d tipica della sua stessa trib\u00f9. I Kikuyo, infatti, fecero di tutto affinch\u00e9 dopo Daniel arap Moi, un Kalenjin<\/b>, fosse rieletto un Kikuyo e tornare a fare la \u2018bella vita\u2019 con i soldi pubblici.<\/p>

Nel mezzo della critica alle istituzioni internazionali per come hanno affrontato il problema della corruzione in Kenya, l\u2019autrice elogia il discorso che l\u2019Alto Commissario Britannico in Kenya, Clay<\/b>, tenne in occasione del passaggio di consegna tra Moi e Kibaki, \u201c[\u2026] non possono aspettarsi che non ci preoccupiamo quando la loro ingordigia si ritorca contro di noi e vomitino sulle nostre scarpe.<\/i>\u201d<\/p>

In generale, Wrong paragona la corruzione kenyota a un\u2019immensa discarica che \u00e8 crescita a dismisura negli anni \u201ci cui strati variano per consistenza, ma comunque puzza tutta allo stesso modo.<\/i>\u201d \u00c8 un libro che comunica pi\u00f9 di quanto il titolo suggerisca, e non tratta semplicemente di una \u2018talpa\u2019 \u2013 Githongo \u2013 ma dell\u2019intero Kenya e sarebbe potuto essere scritto ovunque dove la corruzione \u00e8 endemica e i presidenti hanno fatto di tutto per centralizzare il potere nelle loro mani.<\/p>

Fonte: The Guardian<\/a><\/p>

Giulia<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?