News e Comunicazioni

Il Mozambico è sempre più terra di conquista di investitori stranieri. Le piccole comunità agrarie, con l’incubo di soccombere alla miseria, si vedono espropriare i loro campi. Quest’incubo non sembra però tenere sveglia di notte la classe politica mozambicana.

Brasile e Giappone sono giunte nel paese con lo scopo di trasformare il Nordest del paese in un’immensa industria dell’agro-alimentare. Il progetto si chiama ‘ProSavana’ e ha come obiettivo di trasformare un’area di 145mila km² in un territorio interessato alla monocoltura da esportazione. Tale progetto avrà effetto su tutta la popolazione mozambicana che vive lungo il corridoio di Nacala che include i distretti delle province di Niassa, Zambesia e Nampula.

Nonostante, per Costituzione la terra appartenga allo Stato e dunque non possa essere venduta, nella pratica avviene il contrario con un frenetico avanzamento del settore privato straniero. Il timore è che questa forma di land-grabbing metta a rischio l’autonomia delle famiglie contadine, espropriandole dei campi e aumentandone l’insicurezza alimentare. La gente però non ce la fa ad accettare tutto in silenzio e ha deciso di unire gli sforzi per difendere terra e risorse naturali contro ProSavana.

Fonte: La Repubblica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il <\/span>Mozambico <\/b>\u00e8 sempre pi\u00f9 terra di conquista di investitori stranieri. Le piccole comunit\u00e0 agrarie, con l’incubo di soccombere alla miseria, si vedono espropriare i loro campi<\/b>. Quest’incubo non sembra per\u00f2 tenere sveglia di notte la classe politica mozambicana.<\/span><\/p>

Brasile<\/b> e Giappone<\/b> sono giunte nel paese con lo scopo di trasformare il Nordest del paese in un’immensa industria dell’agro-alimentare. Il progetto si chiama \u2018ProSavana<\/b>\u2019 e ha come obiettivo di trasformare un’area di 145mila km\u00b2 in un territorio interessato alla monocoltura da esportazione. Tale progetto avr\u00e0 effetto su tutta la popolazione mozambicana che vive lungo il corridoio di Nacala che include i distretti delle province di Niassa, Zambesia e Nampula.<\/p>

Nonostante, per Costituzione la terra appartenga allo Stato e dunque non possa essere venduta, nella pratica avviene il contrario con un frenetico avanzamento del settore privato straniero. Il timore \u00e8 che questa forma di land-grabbing metta a rischio l’autonomia delle famiglie contadine, espropriandole dei campi e aumentandone l’insicurezza alimentare<\/b>. La gente per\u00f2 non ce la fa ad accettare tutto in silenzio e ha deciso di unire gli sforzi per difendere terra e risorse naturali contro ProSavana.<\/p>

Fonte: La Repubblica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

28 maggio 2020

28 maggio: Menstrual Hygiene Day

Cos’è il Menstrual Hygiene Day? Si tratta di una giornata internazionale pensata e istituita nel 2013 da un’organizzazione non-profit tedesca. L’obiettivo è quello di porre i riflettori sul diritto di … Continua

22 maggio 2020

Coronavirus

In Kenya la Crisi Economica diventa Crisi Alimentare

“La pandemia minaccia il progresso africano. Aggraverà le disuguaglianze di antica data e aumenterà la fame, la malnutrizione e la vulnerabilità alle malattie”. Così qualche giorno fa il segretario generale … Continua

18 maggio 2020

Coronavirus

A Nairobi è "Emergenza Acqua Pulita"

Non bastava il lockdown a rendere la vita negli slum ancora più infernale: le piogge torrenziali che hanno colpito il Kenya la scorsa settimana hanno distrutto una parte dell’acquedotto. Adesso … Continua

× Come possiamo aiutarti?