News e Comunicazioni

Kaia (nome di
fantasia), 11enne kenyota, dopo essere stata assalita e violentata mentre
andava a scuola, è stata portata immediatamente all’ospedale da un’ insegnate.
Quest’ultima ha, però, poi dovuto addirittura corrompere la polizia anche solo
per sporgere denuncia. La reazione di Kaia è stata di un coraggio incredibile:
ha denunciato la polizia per non aver fatto il necessario per proteggerla. Purtroppo
in Kenya una donna o una ragazza è vittima di stupro ogni 30 minuti e la polizia
di norma chiude gli occhi rinforzando l’idea che lo stupro è accettato.

Grazie al
coraggio e alla tenacia di 160 ragazze arrabbiate con il ’sistema’, l’11
ottobre quando il caso è giunto alla Corte di Meru, i tutori legali delle
ragazze e 10 di loro, hanno marciato in strada dalla fino al palazzo  del tribunale ignorando le minacce ricevuto e
i blocchi di sicurezza e intonando lo slogan “Haki yangu” (“Voglio i miei
diritti
”, in Swahili) Dopodiché il giudice ha emesso la sentenza: le ragazze
hanno vinto!

La vittoria è
stata il frutto della collaborazione tra Fiona Sampson, canadese che dirige “The
Equality Effect”, un’organizzazione che lavora per migliorare la vita di donne
e bambine nel mondo basandosi sulla legge dei diritti umani, e Mercy Chidi, la
direttrice di “Ripples International”, il rifugio dove le ragazze sono state
accolte a Meru, le quali hanno capito che i tempi erano ormai maturi per far
sentire la voce delle donne che non si sentono protette dalle autorità come
invece dovrebbe essere.

Fonte: Avaaz, New York Times

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Kaia<\/b> (nome di\nfantasia), 11enne kenyota<\/b>, dopo essere stata assalita e violentata mentre\nandava a scuola, \u00e8 stata portata immediatamente all’ospedale da un\u2019 insegnate.\nQuest\u2019ultima ha, per\u00f2, poi dovuto addirittura corrompere la polizia anche solo\nper sporgere denuncia. La reazione di Kaia \u00e8 stata di un coraggio incredibile:\nha denunciato la polizia per non aver fatto il necessario per proteggerla. Purtroppo\nin Kenya una donna o una ragazza \u00e8 vittima di stupro ogni 30 minuti e la polizia<\/b>\ndi norma chiude gli occhi rinforzando l\u2019idea che lo stupro \u00e8 accettato.<\/p>

Grazie al\ncoraggio<\/b> e alla tenacia<\/b> di 160 ragazze arrabbiate con il \u2019sistema<\/i>\u2019, l\u201911\nottobre quando il caso \u00e8 giunto alla Corte di Meru, i tutori legali delle\nragazze e 10 di loro, hanno marciato in strada dalla fino al palazzo  del tribunale ignorando le minacce ricevuto e\ni blocchi di sicurezza e intonando lo slogan \u201cHaki yangu<\/i>\u201d (\u201cVoglio i miei\ndiritti<\/i>\u201d, in Swahili) Dopodich\u00e9 il giudice ha emesso la sentenza: le ragazze\nhanno vinto!<\/b><\/p>

La vittoria \u00e8\nstata il frutto della collaborazione tra Fiona Sampson<\/b>, canadese che dirige \u201cThe\nEquality Effect\u201d, un\u2019organizzazione che lavora per migliorare la vita di donne\ne bambine nel mondo basandosi sulla legge dei diritti umani, e Mercy Chidi<\/b>, la\ndirettrice di \u201cRipples International\u201d, il rifugio dove le ragazze sono state\naccolte a Meru, le quali hanno capito che i tempi erano ormai maturi per far\nsentire la voce delle donne che non si sentono protette dalle autorit\u00e0 come\ninvece dovrebbe essere.<\/p>

\n\n\n\n\n\n<\/p>

Fonte: Avaaz<\/a>, New York Times<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua