News e Comunicazioni

L’1 dicembre, tutto il mondo, attraverso manifestazioni, convegni e altre iniziative, si è fermato a riflettere sull’AIDS, affinché i successi registrati in campo medico non facciano abbassare la guardia sulla prevenzione dei comportamenti a rischio, soprattutto nella popolazione generale e tra i giovani. 

Nell’Africa sub-Sahariana, dove l’AIDS è ancora la prima causa di morte – le nuove infezioni sono calate del 50% ed è aumentato del 63% il numero di persone che possono accedere alla terapia antiretrovirale. L’incidenza dell’infezione sui bambini, a livello mondiale, è calata del 50% grazie ai programmi di prevenzione verticale madre-figlio. In particolare in 6 Paesi dell’Africa sub-Sahariana – Burundi, Kenya, Namibia, Sudafrica, Togo e Zambia – tale numero è diminuito del 40% tra il 2009 e il 2011.

Senza dubbio si tratta di progressi estremamente incoraggianti anche nell’ottica degli MDG (Millennium Development Goals). Tuttavia non possiamo dimenticare che ci sono ancora più di 6.300 nuove infezioni al giorno. La ricerca continua a lavorare. L’obiettivo più ambizioso è da sempre quello di trovare una cura definitiva per l’infezione per eliminare il virus dall’organismo e noi speriamo succeda presto. Le medicine però non bastano: l’informazione resta lo strumento più importante per prevenire e per curare.

Noi ad Alice Village, grazie alle nostre volontarie Marta e Matilde, abbiamo avviato il progetto SDREMC. Lo scopo principale del progetto è aumentare la conoscenza e sensibilizzare riguardo al tema di HIV/AIDS al fine di ridurre la discriminazione delle persone affette e proteggere coloro che non ne sono affetti. Il nostro motto è “Fight Illness Not People“.

Fonte: ILO

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

L\u20191 dicembre, tutto il mondo, attraverso manifestazioni, convegni e altre iniziative, si \u00e8 fermato a riflettere sull’AIDS<\/b>, affinch\u00e9 i successi registrati in campo medico non facciano abbassare la guardia sulla prevenzione dei comportamenti a rischio, soprattutto nella popolazione generale e tra i giovani. <\/p>

Nell\u2019Africa sub-Sahariana<\/b>, dove l’AIDS \u00e8 ancora la prima causa di morte – le nuove infezioni sono calate del 50% ed \u00e8 aumentato del 63% il numero di persone che possono accedere alla terapia antiretrovirale. L’incidenza dell’infezione sui bambini, a livello mondiale, \u00e8 calata del 50% grazie ai programmi di prevenzione verticale madre-figlio. In particolare in 6 Paesi dell’Africa sub-Sahariana – Burundi, Kenya, Namibia, Sudafrica, Togo<\/b> e Zambia<\/b> – tale numero \u00e8 diminuito del 40% tra il 2009 e il 2011.<\/p>

Senza dubbio si tratta di progressi <\/b>estremamente incoraggianti anche nell’ottica degli MDG<\/b> (Millennium Development Goals). Tuttavia non possiamo dimenticare che ci sono ancora pi\u00f9 di 6.300 nuove infezioni al giorno. La ricerca continua a lavorare. L’obiettivo pi\u00f9 ambizioso \u00e8 da sempre quello di trovare una cura definitiva per l’infezione per eliminare il virus dall’organismo e noi speriamo succeda presto. Le medicine per\u00f2 non bastano: l\u2019informazione resta lo strumento pi\u00f9 importante per prevenire e per curare.<\/p>

Noi ad Alice Village, grazie alle nostre volontarie Marta e Matilde, abbiamo avviato il progetto SDREMC<\/b>. Lo scopo principale del progetto \u00e8 aumentare la conoscenza e sensibilizzare<\/b> riguardo al tema di HIV\/AIDS al fine di ridurre la discriminazione delle persone affette e proteggere coloro che non ne sono affetti. Il nostro motto \u00e8 \u201cFight Illness Not People<\/i>\”.<\/p>

Fonte: ILO<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?