News e Comunicazioni

Ieri giovedì 05 dicembre 2013, all’età di 95 anni, nella sua casa a Johannesburg, si è spento Nelson Rolihlahla Mandela, una delle pochissime figure del Novecento che ha determinato in modo positivo e netto la storia di una nazione e per certi versi del mondo intero. Il Sudafrica e la sua transizione verso una democrazia multi-razziale devono, infatti, moltissimo a Madiba, tra i nove leader dell’African  National Congress (il partito politico sudafricano più importante fondato durante la lotta contro l’Apartheid) condannati a Rivonia, il più famoso prigioniero politico degli anni Ottanta, poi leader del dialogo con il governo di Fredrik de Klerk, primo presidente del Sudafrica democratico e infine tra i pochissimi capi di Stato africani a ritirarsi volontariamente dalla scena politica dopo solo un mandato di governo.

Il grande carisma personale, l’esperienza della militanza in clandestinità, la maturazione politica e umana avvenuta in carcere, la durezza delle costrizioni dal punto di vista della vita privata sono tra gli elementi che contribuirono a creare una figura capace di condurre in modo determinato, equilibrato e visionario sia le difficili fasi della negoziazione che il processo di creazione di una nuova identità sudafricana.

Il messaggio della nazione arcobaleno ha una valenza globale: con il proprio esemplare comportamento di leader, di politico e di guida ideale Mandela ha riscattato un continente, l’Africa, troppo spesso bollato come “fallito“. E ha reso reale una speranza, quella di un paese governato dalla ferocia dell’apartheid divenuto democrazia, che non può che essere concreta speranza globale.

Nel suo messaggio alla nazione il presidente Obama ha commentato che Mandela “non appartiene più a noi, appartiene alla storia”. E noi concordiamo pienamente con lui.

Fonti: Ispiabc News

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Ieri gioved\u00ec 05 dicembre 2013, all’et\u00e0 di 95 anni, nella sua casa a Johannesburg, si \u00e8 spento Nelson Rolihlahla Mandela, <\/b>una delle pochissime figure del Novecento che ha determinato in modo positivo e netto la storia di una nazione e per certi versi del mondo intero. Il <\/span>Sudafrica<\/b> e la sua transizione verso una democrazia multi-razziale devono, infatti, moltissimo a <\/span>Madiba<\/b>, tra i nove leader dell’<\/span>African  National Congress<\/b> (il partito politico sudafricano pi\u00f9 importante fondato durante la lotta contro l\u2019<\/span>Apartheid<\/b>) condannati a Rivonia, il pi\u00f9 famoso prigioniero politico degli anni Ottanta, poi leader del dialogo con il governo di Fredrik de Klerk, primo presidente del Sudafrica democratico e infine tra i pochissimi capi di Stato africani a ritirarsi volontariamente dalla scena politica dopo solo un mandato di governo.<\/span><\/p>

Il grande carisma personale, l’esperienza della militanza in clandestinit\u00e0<\/b>, la maturazione politica e umana avvenuta in carcere, la durezza delle costrizioni dal punto di vista della vita privata sono tra gli elementi che contribuirono a creare una figura capace di condurre in modo determinato, equilibrato e visionario sia le difficili fasi della negoziazione che il processo di creazione di una nuova identit\u00e0 sudafricana.<\/p>

Il messaggio della nazione arcobaleno ha una valenza globale: con il proprio esemplare comportamento di leader, di politico e di guida ideale Mandela ha riscattato un continente, l’Africa<\/b>, troppo spesso bollato come \”fallito<\/i>\”. E ha reso reale una speranza, quella di un paese governato dalla ferocia dell’apartheid divenuto democrazia, che non pu\u00f2 che essere concreta speranza globale.<\/p>

Nel suo messaggio alla nazione il presidente Obama<\/b> ha commentato che Mandela \u201cnon appartiene pi\u00f9 a noi, appartiene alla storia<\/i>\u201d. E noi concordiamo pienamente con lui.<\/p>

Fonti: Ispi<\/a>, abc News<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

19 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dell'Aiuto Umanitario

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World … Continua

13 agosto 2019

La Classe 2019 di AIFA

Il racconto sulla nuova avventura ad Alice Italian Food Academy prosegue questa settimana con la presentazione della nuova classe di aspiranti chef kenioti! Le lezioni di cucina italiana sono iniziate … Continua

9 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni 2019

La Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni ricorre ogni anno il giorno 9 agosto. È stata istituita dalle Nazioni Unite nel 1994 per celebrare le diversità caratteristiche di ciascun popolo indigeno … Continua