News e Comunicazioni

CREA, è un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli ed accessori con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l’idea di fondo è esportare gli standard più elevati di design artigianali africani.

Marina Bottelli e la co-fondatrice Elisabetta Capolino puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell’Africa, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacità dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualità. “Sono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business”, aggiunge.

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica. “Devi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver però alcun tipo di sensibilità nei suoi confronti”.

Fonte: HowWeMadeItInAfrica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

CREA<\/b>, \u00e8 un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli<\/b> ed accessori<\/b> con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l\u2019idea di fondo \u00e8 esportare gli standard pi\u00f9 elevati di design artigianali africani.<\/p>

Marina Bottelli<\/b> e la co-fondatrice Elisabetta Capolino<\/b> puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell\u2019Africa<\/b>, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.<\/p>

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacit\u00e0 dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualit\u00e0. \u201cSono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business<\/i>\u201d, aggiunge.<\/p>

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica<\/b>. \u201cDevi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver per\u00f2 alcun tipo di sensibilit\u00e0 nei suoi confronti<\/i>\u201d.<\/p>

Fonte: HowWeMadeItInAfrica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

19 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dell'Aiuto Umanitario

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World … Continua

13 agosto 2019

La Classe 2019 di AIFA

Il racconto sulla nuova avventura ad Alice Italian Food Academy prosegue questa settimana con la presentazione della nuova classe di aspiranti chef kenioti! Le lezioni di cucina italiana sono iniziate … Continua

9 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni 2019

La Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni ricorre ogni anno il giorno 9 agosto. È stata istituita dalle Nazioni Unite nel 1994 per celebrare le diversità caratteristiche di ciascun popolo indigeno … Continua