News e Comunicazioni

CREA, è un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli ed accessori con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l’idea di fondo è esportare gli standard più elevati di design artigianali africani.

Marina Bottelli e la co-fondatrice Elisabetta Capolino puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell’Africa, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacità dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualità. “Sono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business”, aggiunge.

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica. “Devi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver però alcun tipo di sensibilità nei suoi confronti”.

Fonte: HowWeMadeItInAfrica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

CREA<\/b>, \u00e8 un brand italiano che collabora con artigiani locali africani per creare gioielli<\/b> ed accessori<\/b> con materiali di riciclo. Marina Bottelli, manager di della compagnia, racconta che l\u2019idea di fondo \u00e8 esportare gli standard pi\u00f9 elevati di design artigianali africani.<\/p>

Marina Bottelli<\/b> e la co-fondatrice Elisabetta Capolino<\/b> puntano a creare delle relazioni costanti con stilisti che vogliono supportare davvero lo sviluppo dell\u2019Africa<\/b>, e non semplicemente relazioni a breve termine per una collezione o per una stagione.<\/p>

Elisabetta Capolino consiglia agli imprenditori di investire nel monitoraggio e nell’espansione delle capacit\u00e0 dei loro impiegati in modo da creare delle relazioni a lungo termine con i loro stakeholder. Non ultimo, dovrebbero cercare di offrire prodotti sempre di alta qualit\u00e0. \u201cSono molto rigorosa quando inizio a lavorare con un artigiano. Espondo la mia idea di collaborazione, e non si tratta di beneficenza, ma di business<\/i>\u201d, aggiunge.<\/p>

Bottelli ha inoltre notato che gli investitori stranieri dovrebbero documentarsi appropriatamente e comprendere il mercato africano prima di approcciarvisi, ma soprattutto dovrebbero operare in maniera etica<\/b>. \u201cDevi rispettare il paese che ti ospita: ci sono molti colossi imprenditoriali che entrano sul mercato africano senza aver per\u00f2 alcun tipo di sensibilit\u00e0 nei suoi confronti<\/i>\u201d.<\/p>

Fonte: HowWeMadeItInAfrica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua