News e Comunicazioni

Le Avventure di Zarafa – La Giraffa Giramondo, è un film schiettamente votato a un pubblico di bambini, nonostante l’assenza di canzoni durante la storia (ad eccezione del colorato sirtaki improvvisato dai pirati), ma la bellezza delle immagini e la curiosa vicenda storica quasi geopolitica fanno di questa pellicola una visione interessante anche per un pubblico più adulto.

Avvenne realmente che nel 1826 il piemontese Bernardo Drovetti, ambasciatore di Francia presso Alessandria, suggerì al Pascià di donare una giraffa alla Francia. L’idea era di un dono prezioso per lo zoo Jardin des Plantes che avrebbe potuto favorire un’alleanza con re Carlo X. Per l’appunto una giraffa cucciola, che venne presa nel deserto in Sudan e trasportata a Marsiglia da una nave sarda.

Seduto sotto un imponente baobab, un vecchio saggio racconta di gusto l’avventura del ragazzino africano, Maki, di appena dieci anni ma con un cuore che batte all’unisono con la natura del continente in cui è nato e cresciuto. Riuscito a sfuggire al terribile schiavista Moreno, Maki trova un’amica in una giraffina rimasta orfana e con lei viaggia fino a Parigi.

Nel complesso, è una storia affascinante, che ben si presta a un film d’animazione e che comunica dei messaggi molto attuali: contro la schiavitù, contro le guerre e per il rispetto della natura e dei popoli.

Fonte: EveryEye

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Le Avventure di Zarafa – La Giraffa Giramondo<\/b>, \u00e8 un film<\/b> schiettamente votato a un pubblico di bambini<\/b>, nonostante l\u2019assenza di canzoni durante la storia (ad eccezione del colorato sirtaki improvvisato dai pirati), ma la bellezza delle immagini e la curiosa vicenda storica quasi geopolitica fanno di questa pellicola una visione interessante anche per un pubblico pi\u00f9 adulto.<\/p>

Avvenne realmente<\/b> che nel 1826 il piemontese Bernardo Drovetti, ambasciatore di Francia presso Alessandria, sugger\u00ec al Pasci\u00e0 di donare una giraffa alla Francia. L\u2019idea era di un dono prezioso per lo zoo Jardin des Plantes che avrebbe potuto favorire un\u2019alleanza con re Carlo X. Per l\u2019appunto una giraffa cucciola<\/b>, che venne presa nel deserto in Sudan e trasportata a Marsiglia da una nave sarda.<\/p>

Seduto sotto un imponente baobab, un vecchio saggio racconta di gusto l\u2019avventura del ragazzino africano<\/b>, Maki, di appena dieci anni ma con un cuore che batte all’unisono con la natura del continente in cui \u00e8 nato e cresciuto. Riuscito a sfuggire al terribile schiavista Moreno, Maki trova un\u2019amica in una giraffina rimasta orfana e con lei viaggia fino a Parigi.<\/p>

Nel complesso, \u00e8 una storia affascinante, che ben si presta a un film d\u2019animazione e che comunica dei messaggi molto attuali: contro la schiavit\u00f9<\/b>, contro le guerre<\/b> e per il rispetto della natura e dei popoli<\/b>.<\/p>

Fonte: EveryEye<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua