News e Comunicazioni

L’ex vicepresidente del Sud Sudan, Riek Machar, ha dichiarato di volere essere il prossimo leader del paese e ha chiesto al presidente Salva Kiir di dimettersi. Machar continua a respingere le accuse di aver organizzato un colpo di stato e risponde sostenendo che la responsabilità dell’ondata di violenze è di Kiir, che ha messo in atto un’epurazione dei suoi rivali.

Intanto la città di Bentiu è ormai fuori dal controllo delle forze governative: secondo un portavoce delle Nazioni Unite la capitale dell’Unity State, una delle regioni petrolifere del paese, è nelle mani dei ribelli. Il governo progetta un’operazione militare per riconquistare la città.

E anche le forze dell’Onu sono diventate un bersaglio dei ribelli. Aerei ed elicotteri impegnati a portare aiuti e a portare in salvo i civili dalla città di Bor, la roccaforte di Machar, sono presi di mira. il 22 dicembre è stato gravemente danneggiato un elicottero e il 23 dicembre è stato colpito un aereo da trasporto militare statunitense: quattro militari sono rimasti feriti.

Fonte: Internazionale

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

L\u2019ex vicepresidente del Sud Sudan, Riek Machar<\/b>, ha dichiarato di volere essere il prossimo leader del paese e ha chiesto al presidente Salva Kiir<\/b> di dimettersi. Machar continua a respingere le accuse di aver organizzato un colpo di stato e risponde sostenendo che la responsabilit\u00e0 dell\u2019ondata di violenze \u00e8 di Kiir, che ha messo in atto un\u2019epurazione dei suoi rivali.<\/p>

Intanto la citt\u00e0 di Bentiu<\/b> \u00e8 ormai fuori dal controllo delle forze governative: secondo un portavoce delle Nazioni Unite<\/b> la capitale dell\u2019Unity State, una delle regioni petrolifere del paese, \u00e8 nelle mani dei ribelli. Il governo progetta un\u2019operazione militare per riconquistare la citt\u00e0.<\/p>

E anche le forze dell\u2019Onu sono diventate un bersaglio dei ribelli. Aerei ed elicotteri impegnati a portare aiuti e a portare in salvo i civili dalla citt\u00e0 di Bor, la roccaforte di Machar, sono presi di mira. il 22 dicembre \u00e8 stato gravemente danneggiato un elicottero e il 23 dicembre \u00e8 stato colpito un aereo da trasporto militare statunitense: quattro militari sono rimasti feriti.<\/p>

Fonte: Internazionale<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?