News e Comunicazioni

Dopo milioni di anni di libertà, ora i rinoceronti in Kenya potrebbero sopravvivere solo se protetti da recinti all’interno di ‘santuari’ per la conservazione della biodiversità. In Africa, sono presenti in totale circa 2500 rinoceronti e 850 si trovano in Kenya. La situazione è però deteriorata: i bracconieri sono più organizzati e spesso sono aiutati da chi lavora all’interno dei centri di conservazione, tra 2012 e 2013 sono stati uccisi più di 80 esemplari.

Christian Lambrechts, direttore del ‘Rhino Ark‘, santuario per la conservazione dei rinoceronti a Nairobi, dice che circa 100 esemplari potranno essere spostati verso le montagne di Aberdare nel Kenya Centrale, dove saranno protetti da un recinto elettrificato. Questo recinto non è però una garanzia completa perché i bracconieri sono comunque riusciti a uccidere due esemplari che si trovavano al suo interno.

Altri operatori non sono convinti che i recinti possano funzionare ovunque. Cathy Dean, direttore di ‘Save The Rhino‘, teme che “sia un’ammissione di sconfitta” e che “finiremo con il proteggere solo qualche rinoceronte in aree altamente militarizzate”. Lambrechts però, non vede il ritorno all’utilizzo dei recinti come un ritorno a un modello di ‘fortezza’ per proteggersi dalle comunità circostanti, ma come un modo per collaborare con le comunità che rispettano i rinoceronti.

Fonte: The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dopo milioni di anni di libert\u00e0, ora i rinoceronti<\/b> in Kenya<\/b> potrebbero sopravvivere solo se protetti da recinti all’interno di \u2018santuari\u2019 per la conservazione della biodiversit\u00e0. In Africa, sono presenti in totale circa 2500 rinoceronti e 850 si trovano in Kenya. La situazione \u00e8 per\u00f2 deteriorata: i bracconieri sono pi\u00f9 organizzati e spesso sono aiutati da chi lavora all\u2019interno dei centri di conservazione, tra 2012 e 2013 sono stati uccisi pi\u00f9 di 80 esemplari.<\/p>

Christian Lambrechts<\/b>, direttore del ‘Rhino Ark<\/b>‘, santuario per la conservazione dei rinoceronti a Nairobi, dice che circa 100 esemplari potranno essere spostati verso le montagne di Aberdare nel Kenya Centrale, dove saranno protetti da un recinto elettrificato. Questo recinto non \u00e8 per\u00f2 una garanzia completa perch\u00e9 i bracconieri sono comunque riusciti a uccidere due esemplari che si trovavano al suo interno.<\/p>

Altri operatori non sono convinti che i recinti possano funzionare ovunque. Cathy Dean<\/b>, direttore di ‘Save The Rhino<\/b>‘, teme che \u201csia un\u2019ammissione di sconfitta<\/i>\u201d e che \u201cfiniremo con il proteggere solo qualche rinoceronte in aree altamente militarizzate<\/i>\u201d. Lambrechts per\u00f2, non vede il ritorno all\u2019utilizzo dei recinti come un ritorno a un modello di \u2018fortezza\u2019 per proteggersi dalle comunit\u00e0 circostanti, ma come un modo per collaborare con le comunit\u00e0 che rispettano i rinoceronti.<\/p>

Fonte: The Guardian<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua