News e Comunicazioni

Dopo milioni di anni di libertà, ora i rinoceronti in Kenya potrebbero sopravvivere solo se protetti da recinti all’interno di ‘santuari’ per la conservazione della biodiversità. In Africa, sono presenti in totale circa 2500 rinoceronti e 850 si trovano in Kenya. La situazione è però deteriorata: i bracconieri sono più organizzati e spesso sono aiutati da chi lavora all’interno dei centri di conservazione, tra 2012 e 2013 sono stati uccisi più di 80 esemplari.

Christian Lambrechts, direttore del ‘Rhino Ark‘, santuario per la conservazione dei rinoceronti a Nairobi, dice che circa 100 esemplari potranno essere spostati verso le montagne di Aberdare nel Kenya Centrale, dove saranno protetti da un recinto elettrificato. Questo recinto non è però una garanzia completa perché i bracconieri sono comunque riusciti a uccidere due esemplari che si trovavano al suo interno.

Altri operatori non sono convinti che i recinti possano funzionare ovunque. Cathy Dean, direttore di ‘Save The Rhino‘, teme che “sia un’ammissione di sconfitta” e che “finiremo con il proteggere solo qualche rinoceronte in aree altamente militarizzate”. Lambrechts però, non vede il ritorno all’utilizzo dei recinti come un ritorno a un modello di ‘fortezza’ per proteggersi dalle comunità circostanti, ma come un modo per collaborare con le comunità che rispettano i rinoceronti.

Fonte: The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dopo milioni di anni di libert\u00e0, ora i rinoceronti<\/b> in Kenya<\/b> potrebbero sopravvivere solo se protetti da recinti all’interno di \u2018santuari\u2019 per la conservazione della biodiversit\u00e0. In Africa, sono presenti in totale circa 2500 rinoceronti e 850 si trovano in Kenya. La situazione \u00e8 per\u00f2 deteriorata: i bracconieri sono pi\u00f9 organizzati e spesso sono aiutati da chi lavora all\u2019interno dei centri di conservazione, tra 2012 e 2013 sono stati uccisi pi\u00f9 di 80 esemplari.<\/p>

Christian Lambrechts<\/b>, direttore del ‘Rhino Ark<\/b>‘, santuario per la conservazione dei rinoceronti a Nairobi, dice che circa 100 esemplari potranno essere spostati verso le montagne di Aberdare nel Kenya Centrale, dove saranno protetti da un recinto elettrificato. Questo recinto non \u00e8 per\u00f2 una garanzia completa perch\u00e9 i bracconieri sono comunque riusciti a uccidere due esemplari che si trovavano al suo interno.<\/p>

Altri operatori non sono convinti che i recinti possano funzionare ovunque. Cathy Dean<\/b>, direttore di ‘Save The Rhino<\/b>‘, teme che \u201csia un\u2019ammissione di sconfitta<\/i>\u201d e che \u201cfiniremo con il proteggere solo qualche rinoceronte in aree altamente militarizzate<\/i>\u201d. Lambrechts per\u00f2, non vede il ritorno all\u2019utilizzo dei recinti come un ritorno a un modello di \u2018fortezza\u2019 per proteggersi dalle comunit\u00e0 circostanti, ma come un modo per collaborare con le comunit\u00e0 che rispettano i rinoceronti.<\/p>

Fonte: The Guardian<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?