News e Comunicazioni

Si dice che in Africa in particolare, l’arte sia un aspetto intrinseco della vita piuttosto che una carriera professionale. Forse però questa nozione è applicabile alle inclinazioni artistiche che in tutto il mondo hanno esplorato gli ambiti della vita sociale. Ed è proprio esaminando la vita e la società che le artiste africane sono pronte a esplorare il concetto di ‘femminismo’. Quest’ultimo però non deve necessariamente identificare l’artista africana in sé, ma dev’essere la chiave di lettura con la quale si interpretano le sue opere.

Per fare questo passaggio è necessario liberarsi della struttura mentale che il femminismo “non è africano”, ma piuttosto domandarsi fino a che punto le artiste africane hanno da ridire sul paradigma della società patriarcale. Sfidare tale paradigma in Africa è tutt’altro che facile perché è ormai radicato nella cultura e – nella migliore delle ipotesi – potrebbe causare l’esclusione sociale. Le tensioni, dunque, tra uomo e donna, razza ed etnia, sono rappresentate da artiste che, non sono solo interessate alla creazione di opere esteticamente mozzafiato, ma anche socialmente impegnate: le artiste africane producono un tipo di arte che ci ricorda cosa vuol dire essere donna e non semplicemente un oggetto sessuale, come invece fanno i loro colleghi uomini.

Di certo, ciò che accomuna tutte le artiste africane è la capacità di raccontare – nel bene e nel male – ciò che è stato vissuto in prima persona, con una voce impertinente e forte, che non può essere zittita.

Fonte: Afropolitan

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Si dice che in Africa<\/b> in particolare, l\u2019arte<\/b> sia un aspetto intrinseco della vita piuttosto che una carriera professionale. Forse per\u00f2 questa nozione \u00e8 applicabile alle inclinazioni artistiche che in tutto il mondo hanno esplorato gli ambiti della vita sociale. Ed \u00e8 proprio esaminando la vita e la societ\u00e0 che le artiste africane<\/b> sono pronte a esplorare il concetto di \u2018femminismo<\/i><\/b>\u2019. Quest\u2019ultimo per\u00f2 non deve necessariamente identificare l\u2019artista africana in s\u00e9, ma dev\u2019essere la chiave di lettura con la quale si interpretano le sue opere.<\/p>

Per fare questo passaggio \u00e8 necessario liberarsi della struttura mentale che il femminismo \u201cnon \u00e8 africano<\/i>\u201d, ma piuttosto domandarsi fino a che punto le artiste africane hanno da ridire sul paradigma della societ\u00e0 patriarcale. Sfidare<\/b> tale paradigma in Africa \u00e8 tutt\u2019altro che facile perch\u00e9 \u00e8 ormai radicato nella cultura e \u2013 nella migliore delle ipotesi \u2013 potrebbe causare l\u2019esclusione sociale. Le tensioni<\/b>, dunque, tra uomo e donna, razza ed etnia, sono rappresentate da artiste che, non sono solo interessate alla creazione di opere esteticamente mozzafiato, ma anche socialmente impegnate: le artiste africane producono un tipo di arte che ci ricorda cosa vuol dire essere donna e non semplicemente un oggetto sessuale, come invece fanno i loro colleghi uomini.<\/p>

Di certo, ci\u00f2 che accomuna tutte le artiste africane \u00e8 la capacit\u00e0 di raccontare \u2013 nel bene e nel male \u2013 ci\u00f2 che \u00e8 stato vissuto in prima persona, con una voce impertinente e forte<\/b>, che non pu\u00f2 essere zittita.<\/p>

Fonte: Afropolitan<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua