News e Comunicazioni

Le Olimpiadi Invernali di Sochi 2014 sono iniziate da 2 giorni, molte sono le nazioni in gara arrivate da tutto il mondo; l’Africa è rappresentata da ben 10 stati quest’anno: Kenya, Zimbabwe, Togo, Eritrea, Etiopia, Madagascar, Marocco e Senegal. Anche Algeria e Sudafrica sono inserite ma non avranno nessun loro esponente ai Giochi. Ma le novità interessanti sono Zimbawe e Togo. in rappresentanza dello Zimbawe, lo sciatore Luke Steyn, che fa slalom e slalom gigante. Mentre per il Togo gareggerà un’atleta italiana: si tratta di Alessia Afi Dipol, 19 anni, specialista dello slalom. Dopo tanti allenamenti e competizioni in giro per l’Europa, Alessia è a Sochi anche per divertirsi – Il sogno di esserci è realizzato ma c’è pur sempre una gara, anzi due. “Darò il massimo come sempre – spiega – ma per me a questi Giochi l’importante è divertirmi e scoprire il mondo olimpico”. Insieme a Mathilde Petitjean Amivi, la sua compagna di squadra che porterà la bandiera alla cerimonia d’apertura, mentre Alessia sarà l’alfiere a quella di chiusura.

Ma non è la prima volta che l’Africa ha dei rappresentanti ad un’edizione invernale delle olimpiadi. Il primo rappresentante a riscuotere successo in tutto il mondo fu Philip Boit, da Eldoret, Kenya, alle Olimpiadi di Nagano nel 1998. Prima di lui ci fu solo lo sciatore senegalese Lamine Gueye che lo anticipò di 14 anni. La Ma fu un’episodio di forte spirito sportivo che costituì la differenza. Boit, che concorreva nello sci di fondo, si ritrovò a gareggiare con l’icona norvegese della disciplina, Bjorn Daehlie. Quest’ultimo ovviamente vinse e, incuriosito dall’insolito concorrente kenyota – ultimo a tagliare il traguardo – decise di aspettarlo e incoraggiarlo durante lo sprint finale nello stadio. All’arrivo si abbracciarono e fu un’immagine molto forte che fece il giro del mondo.

Le nuove leve africane sono dunque una generazione ispirata dal coraggio di Philip Boit, il quale racconta “tutti loro dicono che hanno iniziato ad appassionarsi a questi sport perchè lo videro in televisione nel 1998 e si dissero che se il Kenya poteva farlo allora anche loro potevano”. Per tutti Boit è un pioniere che ha definitivamente spianato la strada all’Africa negli sport invernali, e allora godiamoci l’evento sportivo e forza Africa!

Fonti: BBC UK, Daring To Do, TGcom24Sport Sky

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Le Olimpiadi Invernali di Sochi 2014<\/b> sono iniziate da 2 giorni, molte sono le nazioni in gara arrivate da tutto il mondo; l\u2019Africa<\/b> \u00e8 rappresentata da ben 10 stati quest\u2019anno: Kenya, Zimbabwe, Togo, Eritrea, Etiopia, Madagascar, Marocco <\/b>e Senegal<\/b>. Anche Algeria e Sudafrica sono inserite ma non avranno nessun loro esponente ai Giochi. Ma le novit\u00e0<\/b> interessanti sono Zimbawe e Togo. in rappresentanza dello Zimbawe, lo sciatore Luke Steyn<\/b>, che fa slalom e slalom gigante. Mentre per il Togo garegger\u00e0 un’atleta italiana: si tratta di Alessia Afi Dipol<\/b>, 19 anni, specialista dello slalom. Dopo tanti allenamenti e competizioni in giro per l\u2019Europa, Alessia \u00e8 a Sochi anche per divertirsi \u2013 Il sogno di esserci \u00e8 realizzato ma c’\u00e8 pur sempre una gara, anzi due. \u201cDar\u00f2 il massimo come sempre<\/i> \u2013 spiega \u2013 ma per me a questi Giochi l’importante \u00e8 divertirmi e scoprire il mondo olimpico<\/i>\u201d. Insieme a Mathilde Petitjean Amivi<\/b>, la sua compagna di squadra che porter\u00e0 la bandiera alla cerimonia d’apertura, mentre Alessia sar\u00e0 l’alfiere a quella di chiusura.<\/span><\/p>

Ma non \u00e8 la prima volta che l\u2019Africa ha dei rappresentanti ad un\u2019edizione invernale delle olimpiadi. Il primo rappresentante a riscuotere successo in tutto il mondo fu Philip Boit<\/b>, da Eldoret, Kenya<\/b>, alle Olimpiadi di Nagano<\/b> nel 1998<\/b>. Prima di lui ci fu solo lo sciatore senegalese Lamine Gueye<\/b> che lo anticip\u00f2 di 14 anni. La Ma fu un’episodio di forte spirito sportivo che costitu\u00ec la differenza. Boit, che concorreva nello sci di fondo, si ritrov\u00f2 a gareggiare con l\u2019icona norvegese della disciplina, Bjorn Daehlie<\/b>. Quest\u2019ultimo ovviamente vinse e, incuriosito dall’insolito concorrente kenyota \u2013 ultimo a tagliare il traguardo \u2013 decise di aspettarlo e incoraggiarlo durante lo sprint finale nello stadio. All’arrivo si abbracciarono e fu un’immagine molto forte che fece il giro del mondo.<\/p>

Le nuove leve africane<\/b> sono dunque una generazione ispirata dal coraggio di Philip Boit, il quale racconta \”tutti loro dicono che hanno iniziato ad appassionarsi a questi sport perch\u00e8 lo videro in televisione nel 1998 e si dissero che se il Kenya poteva farlo allora anche loro potevano<\/i>\u201d. Per tutti Boit \u00e8 un pioniere che ha definitivamente spianato la strada all\u2019Africa negli sport invernali, e allora godiamoci l\u2019evento sportivo e forza Africa<\/b>!<\/p>

Fonti: BBC UK<\/a>, Daring To Do<\/a>, TGcom24<\/a>, Sport Sky<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua