News e Comunicazioni

Ieri è ricorso il dodicesimo anniversario dalla sottoscrizione del Protocollo Opzionale alla convenzione ONU sui diritti dell’Infanzia, strumento giuridico che vieta e contrasta lo sfruttamento dei minori in ambito militare e per l’occasione. Nonostante l’adesione di ben 153 paesi al protocollo, 250.000 minori sono ancora costretti ad imbracciare un fucile in tenera età. A questo si aggiungono violenze fisiche, psicologiche e sessuali. Finora però, abbiamo sentito parlare di bambini in guerra, armati, drogati, incitati all’odio, utilizzati per operazioni kamikaze, ma ci sono anche loro: le bambine soldato, odioso lato B di una piaga di per sé già odiosa.

IRIN, l’agenzia stampa umanitaria dell’ONU, nel 2013 ha pubblicato l’analisi “Girl Child Soldiers Face New Battles in Civilian Life” che svela un aspetto colpevolmente dimenticato della terribile tragedia umana dei bambini soldato: quello delle bambine/ragazze soldato. Le “girl child soldiers” vengono spesso considerate solo come schiave sessuali, ma il loro ruolo all’interno di molti gruppi armati ed eserciti regolari è molto più complesso.

La realtà è che in guerra le bambine soldato sono molto utili: vengono utilizzate come combattenti, spie, facchini, domestiche e bush wives e sono molto apprezzate dai gruppi armati, cosa che può anche aumentare la loro difficoltà di reinserimento nella vita civile. In Uganda alle girl child soldiers vengono inflitte punizioni terribili, come la fustigazione o la tortura, anche per le più piccole infrazioni. La loro esperienza poi è molto diversa da quella dei bambini soldato e spesso dura più a lungo, e per questo necessitano di maggiore assistenza nel reinserimento. Ad esempio, molte ragazze rimpatriate sono analfabete perché sono stati via dalla scuola per molti anni.  Inoltre il rapporto afferma che le ragazze una volta tornate ai loro villaggi vengono emarginate ed escluse perché ritenute ree di promiscuità e violenza. Capita, infatti che tornino incinte o con bambini, frutto delle violenze subite, ma all’interno di comunità dove il valore più alto di una donna è la sua purezza, queste vittime di guerra vengono allontanate. Dunque, per evitare di mettere in pericolo il loro futuro e la possibilità di costruirsi una nuova vita, queste ragazze nascondono l’esperienza nei i gruppi armati, aggravando di fatto la loro situazione.

Fonti: GreenReportAmnesty International, Child Soldiers 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Ieri \u00e8 ricorso il dodicesimo anniversario dalla sottoscrizione del Protocollo Opzionale alla convenzione ONU sui diritti dell\u2019Infanzia<\/b>, strumento giuridico che vieta e contrasta lo sfruttamento dei minori in ambito militare e per l\u2019occasione. Nonostante l\u2019adesione di ben 153 paesi al protocollo, 250.000 minori sono ancora costretti ad imbracciare un fucile in tenera et\u00e0<\/b>. A questo si aggiungono violenze fisiche, psicologiche e sessuali. Finora per\u00f2, abbiamo sentito parlare di bambini in guerra, armati, drogati, incitati all’odio, utilizzati per operazioni kamikaze, ma ci sono anche loro: le bambine soldato<\/b>, odioso lato B di una piaga di per s\u00e9 gi\u00e0 odiosa.<\/p>

IRIN<\/b>, l’agenzia stampa umanitaria dell’ONU, nel 2013 ha pubblicato l’analisi \”Girl Child Soldiers Face New Battles in Civilian Life<\/i><\/b>\” che svela un aspetto colpevolmente dimenticato della terribile tragedia umana dei bambini soldato: quello delle bambine\/ragazze soldato. Le \u201cgirl child soldiers<\/i>\u201d vengono spesso considerate solo come schiave sessuali, ma il loro ruolo all’interno di molti gruppi armati ed eserciti regolari \u00e8 molto pi\u00f9 complesso.<\/p>

La realt\u00e0 \u00e8 che in guerra le bambine soldato sono molto utili: vengono utilizzate come combattenti, spie, facchini, domestiche e bush wives<\/i> e sono molto apprezzate dai gruppi armati, cosa che pu\u00f2 anche aumentare la loro difficolt\u00e0 di reinserimento nella vita civile. In Uganda<\/b> alle girl child soldiers<\/i> vengono inflitte punizioni terribili, come la fustigazione o la tortura, anche per le pi\u00f9 piccole infrazioni. La loro esperienza poi \u00e8 molto diversa da quella dei bambini soldato e spesso dura pi\u00f9 a lungo, e per questo necessitano di maggiore assistenza nel reinserimento<\/b>. Ad esempio, molte ragazze rimpatriate sono analfabete perch\u00e9 sono stati via dalla scuola per molti anni.  Inoltre il rapporto afferma che le ragazze una volta tornate ai loro villaggi vengono emarginate<\/b> ed escluse perch\u00e9 ritenute ree di promiscuit\u00e0 e violenza. Capita, infatti che tornino incinte o con bambini, frutto delle violenze subite, ma all\u2019interno di comunit\u00e0 dove il valore pi\u00f9 alto di una donna \u00e8 la sua purezza, queste vittime di guerra vengono allontanate. Dunque, per evitare di mettere in pericolo il loro futuro e la possibilit\u00e0 di costruirsi una nuova vita, queste ragazze nascondono l\u2019esperienza nei i gruppi armati, aggravando di fatto la loro situazione.<\/p>

Fonti: GreenReport<\/a>, Amnesty International<\/a>, Child Soldiers<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua