News e Comunicazioni

Malala Yousafzai, 16 anni, la ragazzina alla quale i talebani in Pakistan hanno sparato perché chiedeva che anche le femmine potessero ricevere un’istruzione, adesso vive nel Regno Unito e parla a favore della campagna, iniziata da una coetanea Fahma Mohamed, di sensibilizzazione ed educazione sulla pratica delle Mutilazioni Genitali Femminili (MGF).

Malala afferma che la Fahma si trova ad un punto cruciale: “più di 140milioni di ragazze e donne nel mondo sono state mutilate, ma possiamo uscirne tutte assieme e cambiare le cose per la prossima generazione. Siamo ‘sorelle’ e sto al suo fianco, e vorrei che fosse ascoltata come sono stata ascoltata io.

È importante che le persone si rendano conto dell’esistenza di questa pratica che affligge milioni di donne in tutto il mondo in modo tale da poter trovare una soluzione, fortunatamente esistono ragazze come Fahma che sono attive coinvolte e appassionate alla causa.  In Africa sono 28 i paesi – Kenya incluso – dove questa pratica è molto diffusa, in particolare nelle zone rurali. Anche il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon elogia la piccola Mohamed e sostiene la campagna definendola “di grande ispirazione”.

La battaglia contro le MGF può essere comparata a quella di Malala per il diritto all’educazione universale, anzi lei stessa sostiene che il lavoro di sensibilizzazione svolto dai gruppi anti-MGF e la sua campagna per l’educazione per tutti e ovunque sono due facce della stessa lotta per i diritti delle donne: “la questione delle MGF dovrebbe essere inclusa nei programmi scolastici, tutti dovrebbero esserne a conoscenza per portare avanti la battaglia.”

Fonte: The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Malala Yousafzai<\/b>, 16 anni, la ragazzina alla quale i talebani in Pakistan hanno sparato perch\u00e9 chiedeva che anche le femmine potessero ricevere un\u2019istruzione, adesso vive nel Regno Unito e parla a favore della campagna, iniziata da una coetanea Fahma Mohamed<\/b>, di sensibilizzazione ed educazione sulla pratica delle Mutilazioni Genitali Femminili (MGF)<\/b>.<\/span>
<\/p>

Malala afferma che la Fahma si trova ad un punto cruciale: \u201cpi\u00f9 di 140milioni di ragazze e donne nel mondo sono state mutilate, ma possiamo uscirne tutte assieme e cambiare le cose per la prossima generazione. Siamo \u2018sorelle\u2019 e sto al suo fianco, e vorrei che fosse ascoltata come sono stata ascoltata io.<\/i>\u201d<\/p>

\u00c8 importante che le persone si rendano conto dell\u2019esistenza di questa pratica che affligge milioni di donne in tutto il mondo in modo tale da poter trovare una soluzione, fortunatamente esistono ragazze come Fahma che sono attive coinvolte e appassionate alla causa.  In Africa<\/b> sono 28 i paesi \u2013 Kenya incluso<\/b> \u2013 dove questa pratica \u00e8 molto diffusa, in particolare nelle zone rurali. Anche il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon<\/b> elogia la piccola Mohamed e sostiene la campagna definendola \u201cdi grande ispirazione<\/i>\u201d.<\/p>

La battaglia contro le MGF pu\u00f2 essere comparata a quella di Malala per il diritto all\u2019educazione universale<\/b>, anzi lei stessa sostiene che il lavoro di sensibilizzazione svolto dai gruppi anti-MGF e la sua campagna per l\u2019educazione per tutti e ovunque sono due facce della stessa lotta per i diritti delle donne: \u201cla questione delle MGF dovrebbe essere inclusa nei programmi scolastici, tutti dovrebbero esserne a conoscenza per portare avanti la battaglia<\/i>.\u201d<\/p>

Fonte: The Guardian<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

21 dicembre 2019

Sostegno a Distanza: una Storia Speciale

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione: ben 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza! Questo significa che potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua