News e Comunicazioni

Il 27 febbraio a Milano presso il The Hub Milano, lo staff di Alice for  Children ha creato un kit informativo rivolto a tutti Genitori a Distanza, volontari e amici che vorranno partecipare al programma “Ambasciatori di Alice for Children” e contribuire ad ampliare la nostra rete di sostegno.

Lo scopo di quest’iniziativa è attivare un circolo virtuoso di solidarietà tramite il passaparola per trovare delle nuove famiglie che sostengano i bambini beneficiari dei nostri progetti in Kenya. In altre parole, se i genitori a distanza e i volontari condividono con i propri parenti e amici la loro esperienza ‘diretta’ con i bambini, sarà più facile riuscire ad allargare la nostra grande famiglia e si potranno allontanare sempre più minori dal lavoro nella discarica di Dandora, garantendo loro la possibilità di ricevere un’istruzione, cibo quotidiano e assistenza medica e quindi la speranza di un futuro migliore.

L’incontro è stato molto amichevole e informale, durante il quale sono intervenuti Diego Masi, il Presidente dell’associazione, che ha raccontato della discarica di Dandora e delle sue conseguenze disastrose sulla salute e sulla dignità umana, presentando anche il progetto di Alice for Dandora avviato da poco proprio per cercare di strappare i bambini dal lavoro nella dumping site. Al suo intervento è seguita la lettura del commovente diario della nostra volontaria storica, Marika, a proposito dell’esperienza a Dandora nel settembre 2013. Infine, per consigli pratici su come coinvolgere amici e parenti nel sostegno a distanza, è intervenuto anche Davide, un altro volontario storico che da quando è tornato dal Kenya nel 2008 ha allargato la famiglia di Alice for Children agli impiegati dell’aeroporto di Malpensa. Un suo consiglio molto utile è quello di fare adozioni a distanza di gruppo, così il costo annuale del sostegno viene diviso equamente tra tutti e diventa economicamente meno impegnativo.

Dopo un frizzante aperitivo i genitori a distanza, volontari e amici presenti all’incontro hanno ricevuto un kit contenente informazioni e foto che li potranno aiutare a raccontare il programma di sostegno a distanza e contribuire al futuro dei bambini coinvolti nei nostri progetti.

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il 27 febbraio a Milano presso il The Hub Milano, lo staff di Alice for  Children<\/b> ha creato un kit informativo rivolto a tutti Genitori a Distanza, volontari e amici che vorranno partecipare al programma \u201cAmbasciatori di Alice for Children<\/i><\/b>\u201d e contribuire ad ampliare la nostra rete di sostegno.<\/span>
<\/p>

Lo scopo<\/b> di quest\u2019iniziativa \u00e8 attivare un circolo virtuoso<\/b> di solidariet\u00e0 tramite il passaparola per trovare delle nuove famiglie che sostengano i bambini beneficiari dei nostri progetti in Kenya<\/b>. In altre parole, se i genitori a distanza e i volontari condividono con i propri parenti e amici la loro esperienza \u2018diretta\u2019 con i bambini, sar\u00e0 pi\u00f9 facile riuscire ad allargare la nostra grande famiglia e si potranno allontanare sempre pi\u00f9 minori dal lavoro nella discarica di Dandora, garantendo loro la possibilit\u00e0 di ricevere un\u2019istruzione, cibo quotidiano e assistenza medica e quindi la speranza di un futuro migliore.<\/p>

L\u2019incontro \u00e8 stato molto amichevole e informale, durante il quale sono intervenuti Diego Masi<\/b>, il Presidente dell\u2019associazione, che ha raccontato della discarica di Dandora<\/b> e delle sue conseguenze disastrose sulla salute e sulla dignit\u00e0 umana, presentando anche il progetto di Alice for Dandora<\/b> avviato da poco proprio per cercare di strappare i bambini dal lavoro nella dumping site. Al suo intervento \u00e8 seguita la lettura del commovente diario<\/b><\/a> della nostra volontaria storica, Marika<\/b>, a proposito dell\u2019esperienza a Dandora nel settembre 2013. Infine, per consigli pratici<\/b> su come coinvolgere amici e parenti nel sostegno a distanza, \u00e8 intervenuto anche Davide<\/b>, un altro volontario storico che da quando \u00e8 tornato dal Kenya nel 2008 ha allargato la famiglia di Alice for Children agli impiegati dell\u2019aeroporto di Malpensa. Un suo consiglio molto utile \u00e8 quello di fare adozioni a distanza di gruppo, cos\u00ec il costo annuale del sostegno viene diviso equamente tra tutti e diventa economicamente meno impegnativo.<\/p>

Dopo un frizzante aperitivo i genitori a distanza, volontari e amici presenti all\u2019incontro hanno ricevuto un kit <\/b>contenente informazioni e foto che li potranno aiutare a raccontare il programma di sostegno a distanza e contribuire al futuro dei bambini coinvolti nei nostri progetti.<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?