News e Comunicazioni

Come ogni anno, in tutto il mondo si celebra la Giornata mondiale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali. L’iniziativa prevede azioni di sensibilizzazione e informazione con l’obiettivo di promuovere i valori del dialogo interculturale nell’opinione pubblica e fra i giovani, in particolare. Durante tutta questa settimana (17-21 marzo) si sono svolte iniziative nel mondo della scuola, delle università, dello sport, della cultura e delle associazioni al fine di coinvolgere la cittadinanza sui temi della diversità e promuovere la ricchezza derivante da una società multietnica e multiculturale. A tal proposito, I‘Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Raziali (UNAR), ha chiesto che si faccia un semplice gesto che testimoni l’adesione alla campagna colorando di arancione la propria città, la propria scuola o realizzando momenti di incontro per riflettere sul tema della tutela dei diritti umani.

Riflettere su questi temi è importante perché sorelle e fratelli immigrati hanno bisogno della nostra solidarietà umana, ne hanno un bisogno urgente e vitale, per difendere la loro (e la nostra) dignità umana quotidianamente negata dai disvalori e dalle negatività presenti nella società. Anche se non diamo più la caccia alla ‘razza‘, usiamo le parole ‘etnia‘ o ‘cultura‘ per riferirci in modo dispregiativo a determinati gruppi di stranieri. Il risentimento sociale poi in Italia è decisivo veicolato nella retorica del “posto di lavoro rubato dallo straniero” verso l’immigrato. Perciò, negli ultimi anni, i movimenti migratori dal Nord-Africa e dall’Europa dell’Est sono divenuti oggetto di una nuova e preoccupante forma di ostilità.

Le politiche migratorie non aiutano, infatti prevale ancora l’orientamento secondo cui dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo discende solo il diritto di lasciare la terra nativa, ma non quello di raggiungere un nuovo mondo. Il Rapporto 2011 di Amnesty International non fa che confermare le falle legislative nel dirimere i casi dei richiedenti asilo e delle violenze omofobe, basti considerare la legge Turco-Napolitano, la legge Bossi-Fini, il decreto sicurezza di Maroni e tutte le altre misure razziste prese in questi anni che hanno permesso che si giungesse alla tragedia di Lampedusa dell’ottobre 2013.

Fonti: UNAR, InternazionaleIl CambiamentoLa Comune

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Come ogni anno, in tutto il mondo si celebra la Giornata mondiale per l\u2019eliminazione delle discriminazioni razziali<\/b>. L\u2019iniziativa prevede azioni di sensibilizzazione e informazione con l\u2019obiettivo di promuovere i valori del dialogo interculturale nell’opinione pubblica e fra i giovani, in particolare. Durante tutta questa settimana (17-21 marzo<\/b>) si sono svolte iniziative nel mondo della scuola, delle universit\u00e0, dello sport, della cultura e delle associazioni al fine di coinvolgere la cittadinanza sui temi della diversit\u00e0 e promuovere la ricchezza derivante da una societ\u00e0 multietnica e multiculturale. A tal proposito, I\u2018Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Raziali (UNAR<\/b>), ha chiesto che si faccia un semplice gesto che testimoni l\u2019adesione alla campagna colorando di arancione la propria citt\u00e0, la propria scuola o realizzando momenti di incontro per riflettere sul tema della tutela dei diritti umani.<\/p>

Riflettere su questi temi \u00e8 importante perch\u00e9 sorelle e fratelli immigrati hanno bisogno della nostra solidariet\u00e0 umana<\/b>, ne hanno un bisogno urgente e vitale, per difendere la loro (e la nostra) dignit\u00e0 umana <\/b>quotidianamente negata dai disvalori e dalle negativit\u00e0 presenti nella societ\u00e0. Anche se non diamo pi\u00f9 la caccia alla ‘razza<\/i>‘, usiamo le parole ‘etnia<\/i>‘ o ‘cultura<\/i>‘ per riferirci in modo dispregiativo a determinati gruppi di stranieri. Il risentimento sociale poi in Italia<\/b> \u00e8 decisivo veicolato nella retorica del \u201cposto di lavoro rubato dallo straniero<\/i>\u201d verso l’immigrato. Perci\u00f2, negli ultimi anni, i movimenti migratori dal Nord-Africa<\/b> e dall’Europa dell’Est<\/b> sono divenuti oggetto di una nuova e preoccupante forma di ostilit\u00e0.<\/p>

Le politiche migratorie non aiutano, infatti prevale ancora l’orientamento secondo cui dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo discende solo il diritto di lasciare la terra nativa, ma non quello di raggiungere un nuovo mondo. Il Rapporto 2011 di Amnesty International<\/b> non fa che confermare le falle legislative nel dirimere i casi dei richiedenti asilo e delle violenze omofobe, basti considerare la legge Turco-Napolitano, la legge Bossi-Fini, il decreto sicurezza di Maroni e tutte le altre misure razziste prese in questi anni che hanno permesso che si giungesse alla tragedia di Lampedusa dell\u2019ottobre 2013.<\/p>

Fonti: UNAR<\/a>, Internazionale<\/a>, Il Cambiamento<\/a>, La Comune<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?