News e Comunicazioni

L’Etiopia è uno dei paesi più poveri al mondo, ben noto per la sua precaria sicurezza alimentare. Eppure è anche la terra natia del Tef, un cereale antico altamente nutriente che si sta diffondendo sempre più nei negozi di alimentari biologici in Europa e USA. I semi di Tef sono molto piccoli, ma anche ricchi di calcio, ferro, proteine e amino-acidi. In Etiopia il Tef è un’ossessione nazionale: viene coltivato da più di 6milioni di agricoltori e i campi di Tef coprono circa il 20% delle terre arabili del paese. Inoltre una volta raccolto, viene macinato e con la farina si prepara l’Injera, un pane piatto spugnoso che costituisce base della cucina etiope usato anche nelle cerimonie religiose e culturali.

Se si considerano le conseguenze del commercio di Quinoa proveniente da Bolivia e Perù, dove sono in aumento i casi di malnutrizione e conflitti per il controllo dei terreni, il commercio del Tef etiope sul mercato globale potrebbe non essere a completo beneficio delle comunità più povere del Paese. Poiché passano attraverso numerosi intermediari prima di arrivare agli scaffali dei supermarket, ci sono ingenti margini di profitto ad ogni passaggio, e i piccoli produttori non hanno necessariamente potere contrattuale con i grandi distributori. Inoltre, la crescente richiesta di Tef da parte della classe media etiope nell’ultimo decennio ha causato l’aumentare dei prezzi domestici impedendone, di fatto, l’accesso agli stati sociali più poveri. Di conseguenza, per incontrare le richieste della classe media, i produttori di Tef hanno dato più spazio alla produzione della varietà nobile e costosa del cereale, riducendo la quantità di altre varietà di Tef più a buon mercato.

Sebbene l’Etiopia abbia un’economia in espansione, il paese rimane sulla lista dell’ONU dei paesi meno sviluppati al mondo: è stato stimato che il 20% dei bambini sotto i 5 anni soffre di malnutrizione e sottosviluppo. Entro il 2015, il governo etiope ha quindi deciso di raddoppiare la produzione del cerale, da servire nelle scuole e da inserire nei programmi di emergenza al fine di ridurre il tasso di malnutrizione tra i bambini.

Fonte: The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

L\u2019Etiopia<\/b> \u00e8 uno dei paesi pi\u00f9 poveri al mondo, ben noto per la sua precaria sicurezza alimentare. Eppure \u00e8 anche la terra natia del Tef<\/b>, un cereale antico altamente nutriente che si sta diffondendo sempre pi\u00f9 nei negozi di alimentari biologici in Europa e USA. I semi di Tef sono molto piccoli, ma anche ricchi di calcio, ferro, proteine e amino-acidi. In Etiopia il Tef \u00e8 un\u2019ossessione nazionale: viene coltivato da pi\u00f9 di 6milioni di agricoltori e i campi di Tef coprono circa il 20% delle terre arabili del paese. Inoltre una volta raccolto, viene macinato e con la farina si prepara l\u2019Injera<\/b>, un pane piatto spugnoso che costituisce base della cucina etiope usato anche nelle cerimonie religiose e culturali.<\/p>

Se si considerano le conseguenze del commercio di Quinoa<\/b> proveniente da Bolivia e Per\u00f9, dove sono in aumento i casi di malnutrizione<\/b> e conflitti<\/b> per il controllo dei terreni, il commercio del Tef etiope sul mercato globale potrebbe non essere a completo beneficio delle comunit\u00e0 pi\u00f9 povere del Paese. Poich\u00e9 passano attraverso numerosi intermediari<\/b> prima di arrivare agli scaffali dei supermarket, ci sono ingenti margini di profitto ad ogni passaggio, e i piccoli produttori non hanno necessariamente potere contrattuale con i grandi distributori. Inoltre, la crescente richiesta di Tef da parte della classe media etiope nell’ultimo decennio ha causato l’aumentare dei prezzi domestici impedendone, di fatto, l\u2019accesso agli stati sociali pi\u00f9 poveri. Di conseguenza, per incontrare le richieste della classe media, i produttori di Tef hanno dato pi\u00f9 spazio alla produzione della variet\u00e0 nobile e costosa del cereale, riducendo la quantit\u00e0 di altre variet\u00e0 di Tef pi\u00f9 a buon mercato.<\/p>

Sebbene l\u2019Etiopia abbia un\u2019economia in espansione, il paese rimane sulla lista dell’ONU <\/b>dei paesi meno sviluppati al mondo: \u00e8 stato stimato che il 20% dei bambini sotto i 5 anni soffre di malnutrizione e sottosviluppo. Entro il 2015, il <\/span>governo etiope<\/b> ha quindi deciso di<\/span> raddoppiare la produzione del cerale, da servire nelle scuole e da inserire nei programmi di emergenza al fine di ridurre il tasso di malnutrizione tra i bambini.<\/span><\/p>

Fonte: The Guardian<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?