News e Comunicazioni

Dal 2011, il Consortium for Street Children (Consorzio per i Bambini di Strada – ), un gruppo di organismi e personalità impegnate in favore dei minori, si batte affinché le UN riconoscano il 12 aprile come Giornata internazionale ufficiale dei Bambini di Strada. Tale riconoscimento darebbe maggiore visibilità al dramma di centinaia di milioni di bambini in tutto il mondo i cui diritti vengono sistematicamente ignorati. “The International Day for Street Children: Louder Together” è stato quindi lanciato per dare una voce forte a tutti i bambini ai quali è stata negata. Per sottolineare l’importanza della loro voce, il tema di quest’anno è: “Se tutto il mondo stesse ascoltando cosa vorresti dire?

I bambini di strada nel mondo potrebbero essere tra i 100 ed i 150 milioni ed è verosimile che il loro numero sia in aumento, per la crescita della popolazione globale e dell’urbanizzazione. Potrebbero, perché se i bambini di strada sono tra quelli fisicamente più visibili, poiché trascorrono gran parte del loro tempo in strada, sono per assurdo anche tra i più invisibili, sfuggono alle statistiche, ai censimenti, alle istituzioni, sono esclusi da programmi e politiche statali. In strada, i bambini vivono di espedienti e sono sempre più a rischio di sfruttamento, abuso, traffico, tossicodipendenza e criminalità.

Tutti gli Stati del mondo, ad eccezione di USA, Sud Sudan e Somalia, hanno firmato e ratificato La Convenzione dei Diritti dell’Infanzia promossa dalla UN, integrando i diritti dei bambini nella loro legislazioni. In Kenya, nonostante dal 2001 sia in vigore il Children’s Act che dovrebbe fornire una protezione per i bambini più vulnerabili, si stima che ci siano comunque tra 250mila e 300mila bambini di strada, di cui circa 60mila solo a Nairobi. Le loro testimonianze inoltre riportano che sono le stesse forze dell’ordine che dovrebbero proteggerli, responsabili di molti degli atti di violenza patiti dai bambini che abitano la strada, torture fisiche e psicologiche, abusi, estorsioni, arresti arbitrari e pretestuosi il cui rilascio avviene spesso dietro ricompense in denaro o natura. I programmi Alice for Children sono nati per far fronte a questa terribile situazione, dal 2007 a oggi abbiamo sostenuto e dato un futuro a circa 2000 bambini delle baraccopoli di Nairobi, strappandoli da un destino certo…diventare ragazzi di strada. Diventando Genitore a distanza contribuirai a salvare uno di questi bambini, chiedi subito informazioni a genitori@aliceforchildren.it  

Fonti: Global Giving, Irin News, Street Children Day, Global Dimension

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dal 2011, il Consortium for Street Children<\/b> (Consorzio per i Bambini di Strada \u2013 ), un gruppo di organismi e personalit\u00e0 impegnate in favore dei minori, si batte affinch\u00e9 le UN<\/b> riconoscano il 12 aprile come Giornata internazionale ufficiale dei Bambini di Strada. Tale riconoscimento darebbe maggiore visibilit\u00e0 al dramma di centinaia di milioni di bambini in tutto il mondo i cui diritti vengono sistematicamente ignorati. \u201cThe International Day for Street Children: Louder Together<\/i><\/b>\u201d \u00e8 stato quindi lanciato per dare una voce forte a tutti i bambini ai quali \u00e8 stata negata. Per sottolineare l\u2019importanza della loro voce, il tema di quest\u2019anno \u00e8: \u201cSe tutto il mondo stesse ascoltando cosa vorresti dire?<\/b>\u201d<\/p>

I bambini di strada<\/b> nel mondo potrebbero essere tra i 100 ed i 150 milioni ed \u00e8 verosimile che il loro numero sia in aumento, per la crescita della popolazione globale e dell\u2019urbanizzazione. Potrebbero<\/i>, perch\u00e9 se i bambini di strada sono tra quelli fisicamente pi\u00f9 visibili, poich\u00e9 trascorrono gran parte del loro tempo in strada, sono per assurdo anche tra i pi\u00f9 invisibili<\/b>, sfuggono alle statistiche, ai censimenti, alle istituzioni, sono esclusi da programmi e politiche statali. In strada, i bambini vivono di espedienti e sono sempre pi\u00f9 a rischio di sfruttamento, abuso, traffico, tossicodipendenza e criminalit\u00e0.<\/p>

Tutti gli Stati del mondo, ad eccezione di USA, Sud Sudan e Somalia, hanno firmato e ratificato La Convenzione dei Diritti dell\u2019Infanzia<\/i> promossa dalla UN, integrando i diritti dei bambini nella loro legislazioni. In Kenya<\/b>, nonostante dal 2001 sia in vigore il Children\u2019s Act<\/i> che dovrebbe fornire una protezione per i bambini pi\u00f9 vulnerabili, si stima che ci siano comunque tra 250mila e 300mila bambini di strada, di cui circa 60mila solo a Nairobi<\/b>. Le loro testimonianze inoltre riportano che sono le stesse forze dell\u2019ordine<\/b> che dovrebbero proteggerli, responsabili di molti degli atti di violenza patiti dai bambini che abitano la strada, torture fisiche e psicologiche, abusi, estorsioni, arresti arbitrari e pretestuosi il cui rilascio avviene spesso dietro ricompense in denaro o natura. I programmi Alice for Children<\/b> sono nati per far fronte a questa terribile situazione, dal 2007 a oggi abbiamo sostenuto e dato un futuro a circa 2000 bambini delle baraccopoli di Nairobi<\/b>, strappandoli da un destino certo…diventare ragazzi di strada. Diventando Genitore a distanza<\/b> contribuirai a salvare uno di questi bambini, chiedi subito informazioni a genitori@aliceforchildren.it <\/a> <\/span><\/p>

Fonti: Global Giving<\/a>, Irin News<\/a>, Street Children Day<\/a>, Global Dimension<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?