News e Comunicazioni

In Africa Subsahariana la sovranità alimentare è un miraggio, in Uganda poi è messa a dura prova dalla contraffazione dei semi ibridi legalmente in commercio. Tali semi sono potenziati artificialmente al fine di aumentare i raccolti, purtroppo però quelli contraffatti non germinano portando spesso a conseguenze disastrose tra le quali anche una crisi nella fiducia nel mercato dei semi.

Tale crisi però è il minore dei problemi. Infatti, i contadini, dopo aver investito grandi somme di denaro per semi ibridi potenziati che non germinano, per paura di essere ancora truffati e rischiare la fame, decidono di fare affidamento solo sui semi del proprio precedente raccolto. Questo metodo non solo li relega, di fatto, all’età del bronzo, ma riduce i raccolti mediamente del 90% contribuendo quindi al rafforzamento del circolo vizioso fame-povertà. Inoltre, semi contraffatti e pesticidi diluiti impediscono al piccolo produttore ugandese di avviare una Green Revolution utilizzando tecniche agricole moderne.

La percezione generale è negativa. Per il momento non è stato ancora accertato se la contraffazione avvenga al momento della rivendita o se lo stesso rivenditore viene truffato da qualcuno più in alto nella catena di distribuzione. In ogni caso, a causa di un sistema inefficiente che non riesce a svolgere i controlli necessari e al tempo stesso fare luce sul circuito di contraffazione, l’abuso si nasconde effettivamente ovunque.

the Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In Africa Subsahariana la sovranit\u00e0 alimentare<\/b> \u00e8 un miraggio, in Uganda<\/b> poi \u00e8 messa a dura prova dalla contraffazione dei semi<\/b> ibridi legalmente in commercio. Tali semi sono potenziati artificialmente al fine di aumentare i raccolti, purtroppo per\u00f2 quelli contraffatti non germinano portando spesso a conseguenze disastrose tra le quali anche una crisi nella fiducia nel mercato dei semi.<\/p>

Tale crisi per\u00f2 \u00e8 il minore dei problemi. Infatti, i contadini, dopo aver investito grandi somme di denaro per semi ibridi potenziati che non germinano, per paura di essere ancora truffati e rischiare la fame, decidono di fare affidamento solo sui semi del proprio precedente raccolto. Questo metodo non solo li relega, di fatto, all’et\u00e0 del bronzo<\/b>, ma riduce i raccolti mediamente del 90% contribuendo quindi al rafforzamento del circolo vizioso fame-povert\u00e0<\/b>. Inoltre, semi contraffatti e pesticidi diluiti impediscono al piccolo produttore ugandese di avviare una Green Revolution utilizzando tecniche agricole moderne.<\/p>

La percezione generale \u00e8 negativa. Per il momento non \u00e8 stato ancora accertato se la contraffazione avvenga al momento della rivendita o se lo stesso rivenditore viene truffato da qualcuno pi\u00f9 in alto nella catena di distribuzione. In ogni caso, a causa di un sistema inefficiente<\/b> che non riesce a svolgere i controlli necessari e al tempo stesso fare luce sul circuito di contraffazione, l\u2019abuso si nasconde effettivamente ovunque.<\/p>

the Guardian<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?