News e Comunicazioni

Il Kenya non ha un costume tradizionale che accomuni tutto il paese trascendendo tutte le sue diversità etniche. Infatti, contando circa 42 comunità etniche con le pratiche e tradizioni che le rendono uniche, sarebbe un compito pressoché impossibile. Il Kitenge (plurale Vitenge, in Swahili) o Chitenge (plurale Zitenge, in Tonga) è un indumento simile al Kanga, diffuso in molti paesi africani tra cui Uganda, Tanzania, Sudan, Namibia, Zambia, Malawi e Kenya. In quest’ultimo paese però, nonostante sia molto comune, a causa della frammentazione etnica, non è ancora accettato come indumento simbolo nazionale.

È un tessuto che si presenta come un rettangolo di cotone in colori molto sgargianti, stampato a cera il cui motivo principale è scuro su uno sfondo più chiaro. Rispetto al Kanga (un altro tessuto molto diffuso in ogni casa kenyota), il tessuto è più spesso e c’è una bordatura solo sul lato lungo. Il Kitenge generalmente viene indossato avvolto attorno ai fianchi o al busto, sulla testa come una bandana, o usato come fasciatura per i neonati. Come per i Kanga, la decorazione può comprendere una frase, scritta solitamente in caratteri maiuscoli. Si distingue in particolar modo dai tessuti maasai poiché questi ultimi sono tradizionalmente di colore rosso scuro, una tonalità che simboleggia l’amore che la comunità nomade prova nei confronti della terra, nonché la sua dipendenza da essa.

African Kitenge

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il Kenya non ha un costume tradizionale<\/b> che accomuni tutto il paese trascendendo tutte le sue diversit\u00e0 etniche. Infatti, contando circa 42 comunit\u00e0 etniche con le pratiche e tradizioni che le rendono uniche, sarebbe un compito pressoch\u00e9 impossibile. Il Kitenge<\/b> (plurale Vitenge<\/i>, in Swahili) o Chitenge (plurale Zitenge<\/i>, in Tonga) \u00e8 un indumento simile al Kanga<\/b>, diffuso in molti paesi africani tra cui Uganda, Tanzania, Sudan, Namibia, Zambia, Malawi e Kenya. In quest\u2019ultimo paese per\u00f2, nonostante sia molto comune, a causa della frammentazione etnica, non \u00e8 ancora accettato come indumento simbolo nazionale.<\/span>
<\/p>

\u00c8 un tessuto che si presenta come un rettangolo di cotone in colori molto sgargianti, stampato a cera il cui motivo principale \u00e8 scuro su uno sfondo pi\u00f9 chiaro. Rispetto al Kanga (un altro tessuto molto diffuso in ogni casa kenyota), il tessuto \u00e8 pi\u00f9 spesso e c’\u00e8 una bordatura solo sul lato lungo. Il Kitenge generalmente viene indossato avvolto attorno ai fianchi o al busto, sulla testa come una bandana, o usato come fasciatura per i neonati. Come per i Kanga, la decorazione pu\u00f2 comprendere una frase, scritta solitamente in caratteri maiuscoli. Si distingue in particolar modo dai tessuti maasai<\/b> poich\u00e9 questi ultimi sono tradizionalmente di colore rosso scuro, una tonalit\u00e0 che simboleggia l\u2019amore che la comunit\u00e0 nomade prova nei confronti della terra, nonch\u00e9 la sua dipendenza da essa.<\/p>

African Kitenge<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?