News e Comunicazioni

Il Kenya non ha un costume tradizionale che accomuni tutto il paese trascendendo tutte le sue diversità etniche. Infatti, contando circa 42 comunità etniche con le pratiche e tradizioni che le rendono uniche, sarebbe un compito pressoché impossibile. Il Kitenge (plurale Vitenge, in Swahili) o Chitenge (plurale Zitenge, in Tonga) è un indumento simile al Kanga, diffuso in molti paesi africani tra cui Uganda, Tanzania, Sudan, Namibia, Zambia, Malawi e Kenya. In quest’ultimo paese però, nonostante sia molto comune, a causa della frammentazione etnica, non è ancora accettato come indumento simbolo nazionale.

È un tessuto che si presenta come un rettangolo di cotone in colori molto sgargianti, stampato a cera il cui motivo principale è scuro su uno sfondo più chiaro. Rispetto al Kanga (un altro tessuto molto diffuso in ogni casa kenyota), il tessuto è più spesso e c’è una bordatura solo sul lato lungo. Il Kitenge generalmente viene indossato avvolto attorno ai fianchi o al busto, sulla testa come una bandana, o usato come fasciatura per i neonati. Come per i Kanga, la decorazione può comprendere una frase, scritta solitamente in caratteri maiuscoli. Si distingue in particolar modo dai tessuti maasai poiché questi ultimi sono tradizionalmente di colore rosso scuro, una tonalità che simboleggia l’amore che la comunità nomade prova nei confronti della terra, nonché la sua dipendenza da essa.

African Kitenge

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il Kenya non ha un costume tradizionale<\/b> che accomuni tutto il paese trascendendo tutte le sue diversit\u00e0 etniche. Infatti, contando circa 42 comunit\u00e0 etniche con le pratiche e tradizioni che le rendono uniche, sarebbe un compito pressoch\u00e9 impossibile. Il Kitenge<\/b> (plurale Vitenge<\/i>, in Swahili) o Chitenge (plurale Zitenge<\/i>, in Tonga) \u00e8 un indumento simile al Kanga<\/b>, diffuso in molti paesi africani tra cui Uganda, Tanzania, Sudan, Namibia, Zambia, Malawi e Kenya. In quest\u2019ultimo paese per\u00f2, nonostante sia molto comune, a causa della frammentazione etnica, non \u00e8 ancora accettato come indumento simbolo nazionale.<\/span>
<\/p>

\u00c8 un tessuto che si presenta come un rettangolo di cotone in colori molto sgargianti, stampato a cera il cui motivo principale \u00e8 scuro su uno sfondo pi\u00f9 chiaro. Rispetto al Kanga (un altro tessuto molto diffuso in ogni casa kenyota), il tessuto \u00e8 pi\u00f9 spesso e c’\u00e8 una bordatura solo sul lato lungo. Il Kitenge generalmente viene indossato avvolto attorno ai fianchi o al busto, sulla testa come una bandana, o usato come fasciatura per i neonati. Come per i Kanga, la decorazione pu\u00f2 comprendere una frase, scritta solitamente in caratteri maiuscoli. Si distingue in particolar modo dai tessuti maasai<\/b> poich\u00e9 questi ultimi sono tradizionalmente di colore rosso scuro, una tonalit\u00e0 che simboleggia l\u2019amore che la comunit\u00e0 nomade prova nei confronti della terra, nonch\u00e9 la sua dipendenza da essa.<\/p>

African Kitenge<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

19 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dell'Aiuto Umanitario

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World … Continua

13 agosto 2019

La Classe 2019 di AIFA

Il racconto sulla nuova avventura ad Alice Italian Food Academy prosegue questa settimana con la presentazione della nuova classe di aspiranti chef kenioti! Le lezioni di cucina italiana sono iniziate … Continua

9 agosto 2019

News dal Kenya

Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni 2019

La Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni ricorre ogni anno il giorno 9 agosto. È stata istituita dalle Nazioni Unite nel 1994 per celebrare le diversità caratteristiche di ciascun popolo indigeno … Continua