News e Comunicazioni

Sebbene le leggi che affrontano le diverse questioni riguardanti i cambiamenti climatici siano numerose, i paesi africani non dispongono ancora di risorse amministrative e finanziarie adeguate per implementare tutti gli strumenti legali potenzialmente a loro disposizione. Per esempio, nonostante le numerose leggi contro la deforestazione illegale e la sottoscrizione del programma REDD+ Reduced Emissions from Deforestation and Degradation, la deforestazione rimane ancora una grossa sfida.

Adesso che sono stati spinti a familiarizzare con le problematiche climatiche, “i paesi africani devono andare oltre la mera creazione di leggi per la protezione ambientale e finalmente implementare a pieno queste leggi in modo chiaro, trasparente e verificabile”, afferma Samuel Ogalla, Programme Manager presso Pan African Climate Justice Alliance (PACJA), una coalizione di organizzazioni della società civile africana.

Uno di questi paesi è di sicuro lo Zimbabwe, che secondo lo United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCC), ha una delle legislazioni ambientali più esaustive dell’Africa meridionale ma non riesce a sottostare agli impegni presi con il REDD+ proprio a causa delle capillari attività di deforestazione. Si è osservato che nonostante le campagne di sensibilizzazione ambientale, gli investimenti per implementare le policy ambientali non sono stati sufficienti e così la questione ambientale è stata relegata alle ultime file delle policy pubbliche in un periodo invece, dove a livello internazionale si invoca una voce forte del continente africano su tali questioni.

Afronline

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Sebbene le leggi che affrontano le diverse questioni riguardanti i cambiamenti climatici<\/b> siano numerose, i paesi africani non dispongono ancora di risorse amministrative e finanziarie adeguate per implementare tutti gli strumenti legali potenzialmente a loro disposizione. Per esempio, nonostante le numerose leggi contro la deforestazione illegale e la sottoscrizione del programma REDD+<\/b> Reduced Emissions from Deforestation and Degradation, la deforestazione rimane ancora una grossa sfida.<\/p>

Adesso che sono stati spinti a familiarizzare con le problematiche climatiche, \u201ci paesi africani devono andare oltre la mera creazione di leggi per la protezione ambientale e finalmente implementare a pieno queste leggi in modo chiaro, trasparente e verificabile<\/i>\u201d, afferma Samuel Ogalla<\/b>, Programme Manager presso Pan African Climate Justice Alliance (PACJA), una coalizione di organizzazioni della societ\u00e0 civile africana.<\/p>

Uno di questi paesi \u00e8 di sicuro lo Zimbabwe<\/b>, che secondo lo United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCC)<\/b>, ha una delle legislazioni ambientali pi\u00f9 esaustive dell\u2019Africa meridionale ma non riesce a sottostare agli impegni presi con il REDD+ proprio a causa delle capillari attivit\u00e0 di deforestazione. Si \u00e8 osservato che nonostante le campagne di sensibilizzazione ambientale, gli investimenti per implementare le policy ambientali non sono stati sufficienti e cos\u00ec la questione ambientale \u00e8 stata relegata alle ultime file delle policy pubbliche in un periodo invece, dove a livello internazionale si invoca una voce forte del continente africano su tali questioni.<\/p>

Afronline<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua