News e Comunicazioni

Nonostante gli sforzi dei vari governi e delle ONG per porre fine allo stigma e alla discriminazione contro le persone affette da HIV/AIDS, a 30 anni dalla scoperta dell’epidemia, in Africa questa pratica è ancora dilagante. E diventa un problema è ancora peggiore nel caso di bambini e vedove che sono spesso diseredati dopo la morte del compagno o dei genitori. Roy Phiri, nato nel 2001 a Lilanda, periferia di Lusaka, Zambia, è orfano dal 2010 quando ha perso entrambi i genitori a causa dell’HIV/AIDS. Sebbene la nonna riesca a prendersi cura di lui, non è stata però in grado di affrontare la discriminazione che il vicinato e i compagni di scuola hanno mostrato verso suo nipote anche lui affetto da HIV. I suoi compagni di classe non gli permettono nemmeno di unirsi ai giochi, dicendo che li infetterebbe.

Nella Contea di Kisii, Kenya, 9 persone su 100 sono affette da HIV/AIDS, ma la stigmatizzazione ha spinto molti al suicidio lasciando i figli orfani obbligandoli a prendersi cura di sé stessi. Cercando di contribuire al bene della comunità, David Marube, ha deciso di aprire una scuola primaria nel villaggio di Nyumue dove i bambini pagano solo una piccola quota annuale e lui pensa al resto, compresi gli stipendi degli insegnati. Per lo stesso motivo, nel 2008, Agnesi Bosibori ha avviato un programma di educazione al sesso sicuro nel villaggio di Tabaka “la maggior parte dei residenti non ha la minima idea di come avvenga l’infezione da HIV/AIDS”, e a causa dell’ignoranza sull’argomento, è stata spesso insultata e picchiata.

Gli esperti dicono che “per quanto si provi a ridurre il tasso di infezione nelle aree più colpite, se non eliminiamo lo stigma, non si conseguirà nessun risultato concreto”.

Standard MediaRedattore Sociale

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Nonostante gli sforzi dei vari governi e delle ONG per porre fine allo stigma e alla discriminazione contro le persone affette da HIV\/AIDS<\/b>, a 30 anni dalla scoperta dell\u2019epidemia, in Africa<\/b> questa pratica \u00e8 ancora dilagante. E diventa un problema \u00e8 ancora peggiore nel caso di bambini<\/b> e vedove che sono spesso diseredati dopo la morte del compagno o dei genitori. Roy Phiri, nato nel 2001 a Lilanda, periferia di Lusaka, Zambia<\/b>, \u00e8 orfano dal 2010 quando ha perso entrambi i genitori a causa dell\u2019HIV\/AIDS. Sebbene la nonna riesca a prendersi cura di lui, non \u00e8 stata per\u00f2 in grado di affrontare la discriminazione che il vicinato e i compagni di scuola hanno mostrato verso suo nipote anche lui affetto da HIV. I suoi compagni di classe non gli permettono nemmeno di unirsi ai giochi, dicendo che li infetterebbe.<\/span>
<\/p>

Nella Contea di Kisii, Kenya<\/b>, 9 persone su 100 sono affette da HIV\/AIDS, ma la stigmatizzazione ha spinto molti al suicidio<\/b> lasciando i figli orfani obbligandoli a prendersi cura di s\u00e9 stessi. Cercando di contribuire al bene della comunit\u00e0, David Marube, ha deciso di aprire una scuola primaria<\/b> nel villaggio di Nyumue dove i bambini pagano solo una piccola quota annuale e lui pensa al resto, compresi gli stipendi degli insegnati. Per lo stesso motivo, nel 2008, Agnesi Bosibori ha avviato un programma di educazione al sesso sicuro<\/b> nel villaggio di Tabaka \u201cla maggior parte dei residenti non ha la minima idea di come avvenga l\u2019infezione da HIV\/AIDS<\/i>\u201d, e a causa dell\u2019ignoranza sull’argomento, \u00e8 stata spesso insultata e picchiata.<\/p>

Gli esperti dicono che \u201cper quanto si provi a ridurre il tasso di infezione nelle aree pi\u00f9 colpite, se non eliminiamo lo stigma, non si conseguir\u00e0 nessun risultato concreto<\/i>\u201d.<\/p>

Standard Media<\/a>, Redattore Sociale<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua