News e Comunicazioni

Patrick Peter Kinuthia è un artista kenyota molto quotato che espone nelle gallerie di tutto il mondo. Inizialmente influenzato da Norman Rockwell, artista e illustratore statunitense della prima metà del Novecento: “Ricordo che all’età di 12 anni ho trovato un’antologia di arte e sono rimasto molto colpito dal suo stile pittorico quasi fotografico. Più tardi ho avuto la possibilità di vedere delle stampe di animali selvaggi di David Sheperd (artista e conservazionista britannico–) e ne trassi grande ispirazione.

Kinuthia è un semi-impressionista e il suo stile nell’osservare e riprodurre le forme umane e animali è sia fuori dagli schemi che disciplinato. Le sue pennellate vigorose di colori brillanti fanno emergere i soggetti sulla tele e gli sfondi delicati permettono al pubblico di concentrarsi sul soggetto in primo piano.

Ha iniziato a lavorare con i colori ad olio, ma presto si è innamorato degli acquarelli e delle numerose possibilità che danno nel creare effetti luminosi sulle tele. “nonostante lavori bene con i colori ad olio, preferisco lavorare con i colori a acqua perché mi danno maggior libertà nel manipolare il colore sulla carta e creare dipinti gioiosi. Il contrasto tra sfondo e soggetto in primo piano è uno stile che ho adottato in particolare per i ritratti di animali selvaggi. la caratteristica che più mi attrae è il fatto che tende a chiarire la relazione tra soggetto e ambiente circostante

Attualmente, l’artista sta girando diversi paesi del mondo con la mostra dal titolo The People of Kenya Portrait Exhibition. Quest’esposizione testimonia l’interesse del pittore nel ritrarre “la cultura all’interno di un’altra cultura” focalizzandosi sulle numerose tribù, più di 50, che popolano il Kenya.

Banana Hill Gallery, Inside African Art, Kinuthiapat

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Patrick Peter Kinuthia<\/b> \u00e8 un artista kenyota molto quotato che espone nelle gallerie di tutto il mondo. Inizialmente influenzato da <\/span>Norman Rockwell, artista e illustratore statunitense della prima met\u00e0 del Novecento: \u201cRicordo che all\u2019et\u00e0 di 12 anni ho trovato un\u2019antologia di arte e sono rimasto molto colpito dal suo stile pittorico quasi fotografico. Pi\u00f9 tardi ho avuto la possibilit\u00e0 di vedere delle stampe di animali selvaggi di David Sheperd (artista e conservazionista britannico\u2013) e ne trassi grande ispirazione.<\/i>\u201d<\/span><\/p>

Kinuthia \u00e8 un semi-impressionista<\/b> e il suo stile nell’osservare e riprodurre le forme umane e animali \u00e8 sia fuori dagli schemi che disciplinato. Le sue pennellate vigorose di colori brillanti<\/b> fanno emergere i soggetti sulla tele e gli sfondi delicati permettono al pubblico di concentrarsi sul soggetto in primo piano.<\/p>

Ha iniziato a lavorare con i colori ad olio, ma presto si \u00e8 innamorato degli acquarelli e delle numerose possibilit\u00e0 che danno nel creare effetti luminosi sulle tele. \u201cnonostante lavori bene con i colori ad olio, preferisco lavorare con i colori a acqua perch\u00e9 mi danno maggior libert\u00e0 nel manipolare il colore sulla carta e creare dipinti gioiosi. Il contrasto tra sfondo e soggetto in primo piano \u00e8 uno stile che ho adottato in particolare per i ritratti di animali selvaggi. la caratteristica che pi\u00f9 mi attrae \u00e8 il fatto che tende a chiarire la relazione tra soggetto e ambiente circostante<\/i>\u201d<\/p>

Attualmente, l\u2019artista sta girando diversi paesi del mondo con la mostra dal titolo The People of Kenya Portrait Exhibition<\/i><\/b>. Quest\u2019esposizione testimonia l\u2019interesse del pittore nel ritrarre \u201cla cultura all’interno di un\u2019altra cultura<\/i>\u201d focalizzandosi sulle numerose trib\u00f9, pi\u00f9 di 50, che popolano il Kenya<\/b>.<\/p>

Banana Hill Gallery<\/a>, Inside African Art<\/a>, Kinuthiapat<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

11 febbraio 2020

Contro la Malnutrizione con la Chiesa Valdese

Sono ormai più di quattro anni che ci impegniamo attivamente contro la malnutrizione di cui soffrono molti bambini keniani: grazie al progetto Food for Life, supportato da Fondazione Mediolanum, abbiamo potuto … Continua

6 febbraio 2020

Giornata contro le Mutilazioni Genitali Femminili

Oggi, 6 febbraio, è la Giornata Internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili (FGM – Female Genital Mutilation). Molti di voi avranno sentito parlare di queste pratiche, ma oggi vogliamo fare … Continua

29 gennaio 2020

Interviste: Vittorio De Caprio - seconda parte

Continuiamo a raccontarvi quello che ci ha detto Vittorio. In questa ultima parte, ci ha raccontato in modo più approfondito la sua esperienza come nostro sostenitore e cuore pulsante della … Continua