News e Comunicazioni

Non solo i bracconieri prendono di mira gli elefanti e i rinoceronti, ma anche gli avvoltoi avvelenando le carcasse dalle quali i volatili in questione si ciberebbero. Gli avvoltoi si trovano quindi in mezzo al fuoco incrociato della lotta tra rangers e bracconieri: banchettando sugli animali morti, gli avvoltoi attirano l’attenzione dei rangers che pattugliano i parchi e per evitare di essere individuati, i cacciatori di frodo iniettano veleni molto potenti nelle carcasse.

Nel 2013 in Namibia sono stati uccisi tra i 400 e i 600 avvoltoi avvelenati, a maggio di quest’anno in Botswana ne sono stati ritrovati 92. Anche in Kenya si è registrata una riduzione degli avvoltoi pari al 50-60% negli ultimi tre decenni. Le organizzazioni di conservazione ambientale avvertono che l’aumento di questa pratica sta decimando le specie di avvoltoi africani e che questo potrebbe facilmente portare alla loro estinzione e ad una grave crisi della biodiveristà con critiche conseguenze anche per la salute umana. Infatti, senza questi animali saprofagi, le carcasse rimangono a marcire con la possibilità di diffondere malattie tra gli altri animali raggiungendo anche l’uomo.

Andre Botha, dell’Endangered Wildlife Trust aggiunge: “I bracconieri non hanno alcun riguardo per animali grandi e maestosi come elefanti e rinoceronti, probabilmente ne avranno ancora meno per gli avvoltoi”. Questi uccelli procreano però molto lentamente e sebbene in Africa ci siano 11 specie su 23 in tutto il mondo, 4 di esse sono a serio rischio estinzione.

The Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Non solo i bracconieri prendono di mira gli elefanti e i rinoceronti, ma anche gli avvoltoi<\/b> avvelenando le carcasse dalle quali i volatili in questione si ciberebbero. Gli avvoltoi si trovano quindi in mezzo al fuoco incrociato della lotta tra rangers e bracconieri: banchettando sugli animali morti, gli avvoltoi attirano l\u2019attenzione dei rangers che pattugliano i parchi e per evitare di essere individuati, i cacciatori di frodo iniettano veleni molto potenti nelle carcasse.<\/p>

Nel 2013 in Namibia<\/b> sono stati uccisi tra i 400 e i 600 avvoltoi avvelenati, a maggio di quest\u2019anno in Botswana<\/b> ne sono stati ritrovati 92. Anche in Kenya<\/b> si \u00e8 registrata una riduzione degli avvoltoi pari al 50-60% negli ultimi tre decenni. Le organizzazioni di conservazione ambientale avvertono che l\u2019aumento di questa pratica sta decimando le specie di avvoltoi africani e che questo potrebbe facilmente portare alla loro estinzione<\/b> e ad una grave crisi della biodiverist\u00e0<\/b> con critiche conseguenze anche per la salute umana. Infatti, senza questi animali saprofagi, le carcasse rimangono a marcire con la possibilit\u00e0 di diffondere malattie tra gli altri animali raggiungendo anche l\u2019uomo.<\/p>

Andre Botha<\/b>, dell\u2019Endangered Wildlife Trust<\/b> aggiunge: \u201cI bracconieri non hanno alcun riguardo per animali grandi e maestosi come elefanti e rinoceronti, probabilmente ne avranno ancora meno per gli avvoltoi<\/i>\u201d. Questi uccelli procreano per\u00f2 molto lentamente e sebbene in Africa ci siano 11 specie su 23 in tutto il mondo, 4 di esse sono a serio rischio estinzione.<\/p>

The Guardian<\/a> <\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua