News e Comunicazioni

Per generazioni, le comunità indigene della foresta di Mau, nella Rift Valley, hanno raccolto, nelle foreste locali, erbe e verdure a foglia. Tra queste, l’ortica ha sempre avuto un ruolo importante, essendo facilmente reperibile anche nei periodi più siccitosi. Le quantità raccolte, però, sono calate sempre più, a causa della deforestazione iniziata nei primi anni ‘80 e, insieme al prodotto, ha iniziato a scomparire la conoscenza del suo utilizzo in cucina, un tempo molto diffuso. Per questo, negli ultimi anni, un gruppo di donne ha iniziato a coltivare ortiche sull’altopiano di Molo, tra i 2000 e i 3000 metri, ottenendo i risultati migliori su terreni molto fertili situati in aree particolari, dove un tempo pascolavano le vacche.

Le ortiche si raccolgono a mano da metà marzo a giugno e da settembre a ottobre. Subito dopo, sono immerse in acqua per ammorbidire la peluria fine e urticante che le ricopre, e quindi vendute, fresche o dopo essere state essiccate su sacchi di sisal all’ombra (il sole comprometterebbe il bel colore verde chiaro) e poi macinate. Un tempo erano usate in molte ricette tradizionali come ad esempio il mukimo preparato con patate schiacciate, mais, fagioli e ortica e consumato durante i giorni di festa.

Insieme alla farina di miglio, l’ortica è ingrediente del porridge, è consumata come verdura fresca, usata come erba officinale in forma di tè. Inoltre, è consigliata come integratore alimentare per le donne che allattano (le foglie contengono un 6% di proteine, un 3,5% di minerali e sono ricche di ferro e vitamina A). La polvere secca è anche diluita in acqua e spruzzata sulla terra per migliorare la fertilità del suolo. Le foglie delle piante più giovani sono per lo più vendute fresche sui mercati locali, mentre le ortiche essiccate e ridotte in polvere hanno un mercato più ampio e sono vendute tutto l’anno.

Slow Food 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Per generazioni, le comunit\u00e0 indigene <\/b>della foresta di Mau, nella Rift Valley<\/b>, hanno raccolto, nelle foreste locali, erbe e verdure a foglia. Tra queste, l’ortica ha sempre avuto un ruolo importante, essendo facilmente reperibile anche nei periodi pi\u00f9 siccitosi. Le quantit\u00e0 raccolte, per\u00f2, sono calate sempre pi\u00f9, a causa della deforestazione iniziata nei primi anni \u201880 e, insieme al prodotto, ha iniziato a scomparire la conoscenza del suo utilizzo in cucina, un tempo molto diffuso. Per questo, negli ultimi anni, un gruppo di donne ha iniziato a coltivare ortiche sull’altopiano di Molo, tra i 2000 e i 3000 metri, ottenendo i risultati migliori su terreni molto fertili situati in aree particolari, dove un tempo pascolavano le vacche.<\/span>
<\/p>

Le ortiche<\/b> si raccolgono a mano da met\u00e0 marzo a giugno e da settembre a ottobre. Subito dopo, sono immerse in acqua per ammorbidire la peluria fine e urticante che le ricopre, e quindi vendute, fresche o dopo essere state essiccate su sacchi di sisal all’ombra (il sole comprometterebbe il bel colore verde chiaro) e poi macinate. Un tempo erano usate in molte ricette tradizionali come ad esempio il mukimo<\/b> preparato con patate schiacciate, mais, fagioli e ortica e consumato durante i giorni di festa.<\/p>

Insieme alla farina di miglio, l’ortica \u00e8 ingrediente del porridge<\/b>, \u00e8 consumata come verdura fresca<\/b>, usata come erba officinale<\/b> in forma di t\u00e8. Inoltre, \u00e8 consigliata come integratore alimentare<\/b> per le donne che allattano (le foglie contengono un 6% di proteine, un 3,5% di minerali e sono ricche di ferro e vitamina A). La polvere secca \u00e8 anche diluita in acqua e spruzzata sulla terra per migliorare la <\/span>fertilit\u00e0 del suolo<\/b>. Le foglie delle piante pi\u00f9 giovani sono per lo pi\u00f9 vendute fresche sui mercati locali, mentre le ortiche essiccate e ridotte in polvere hanno un mercato pi\u00f9 ampio e sono vendute tutto l’anno.<\/span><\/p>

Slow Food<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?