News e Comunicazioni

Dal 2008 L’ONU ha dichiarato il 19 agosto Giornata Mondiale Umanitaria, 24 ore per ricordare, ringraziare ed omaggiare gli operatori umanitari che sono sempre pronti a portare il loro aiuto in prima linea in quelle parti del mondo colpite da disastri naturali, malattie o dalla stessa mano dell’uomo, senza alcun tipo di discriminazione, ma anzi, mettendo spesso la loro vita in pericolo – a volte perdendola – nel tentativo di proteggere ed aiutare le persone più vulnerabili. La data scelta marca l’anniversario dell’attentato al quartiere generale delle UN a Baghdad, Iraq nel quale sono rimaste uccise 22 persone, incluso il Rappresentate Speciale del Segretario Generale in Iraq, Sérgio Vieira de Mello.

In questi ultimi 11 anni sono morti più di mille operatori. Non dimentichiamo coloro che attualmente sono impegnati nella lotta contro Ebola in Africa Occidentale, coloro che sono impegnati in Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo e Sudan.

La nostra profonda riconoscenza deve andare a tutti gli operatori umanitari che hanno subìto violenze o sono stati uccisi mentre svolgevano indifesi il loro lavoro insostituibile e a tutti coloro che oggi, a dispetto dei pericoli, sono sul campo ad aiutare chi ne ha bisogno. Le loro azioni fanno spesso la differenza tra la vita e la morte per la popolazione civile.

World Humanitarian Day, UNAA, Greening the Blue

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:4,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”3″,”block”:”rte”,”content”:”

Dal 2008 L\u2019ONU<\/b> ha dichiarato il 19 agosto Giornata Mondiale Umanitaria<\/b>, 24 ore per ricordare, ringraziare ed omaggiare gli operatori umanitari<\/b> che sono sempre pronti a portare il loro aiuto in prima linea in quelle parti del mondo colpite da disastri naturali, malattie o dalla stessa mano dell\u2019uomo, senza alcun tipo di discriminazione, ma anzi, mettendo spesso la loro vita in pericolo \u2013 a volte perdendola \u2013 nel tentativo di proteggere ed aiutare le persone pi\u00f9 vulnerabili. La data scelta marca l\u2019<\/span>anniversario<\/b> dell\u2019attentato al quartiere generale delle UN a Baghdad, Iraq nel quale sono rimaste uccise 22 persone, incluso il Rappresentate Speciale del Segretario Generale in Iraq, S\u00e9rgio Vieira de Mello.<\/span><\/p>

In questi ultimi 11 anni sono morti pi\u00f9 di mille operatori. Non dimentichiamo coloro che attualmente sono impegnati nella lotta contro Ebola in Africa Occidentale, coloro che sono impegnati in Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo e Sudan.<\/p>

La nostra profonda riconoscenza<\/b> deve andare a tutti gli operatori umanitari che hanno sub\u00ecto violenze o sono stati uccisi mentre svolgevano indifesi il loro lavoro insostituibile e a tutti coloro che oggi, a dispetto dei pericoli, sono sul campo ad aiutare chi ne ha bisogno. Le loro azioni fanno spesso la differenza tra la vita e la morte per la popolazione civile.<\/p>

World Humanitarian Day<\/a>, UNAA<\/a>, Greening the Blue<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?