News e Comunicazioni

Il terzo Obiettivo del Millennio (MDG) è la parità tra uomo e donna, in Namibia potrebbe essere in atto un’interessante ‘rivoluzione’ in campo politico. Il partito al potere, South West Africa People’s Organisation (SWAPO), non solo si è impegnato a dare metà dei seggi in parlamento a rappresentanti donne, ma ha anche pianificato uno ‘sistema zebra’, per il quale se una donna ricopre la carica di ministro, il suo vice sarà un uomo, e vice versa. Tale sistema si applicherà anche alla scelta del prossimo governo e alla candidatura dei prossimi Presidenti: quest’autunno verranno candidati uomini, mentre le donne saranno candidate nel 2019. Non si tratterebbe di una promessa politica, ma è una decisione presa nel 2002 per aumentare l’uguaglianza tra uomo e donna in parlamento arrivando nel prossimo futuro ad un rapporto di 50-50 delle quote in parlamento.

Attenzione però, che non si tratta di una mossa totalmente disinteressata: gli scettici infatti, non hanno tardato a notare che i leader dello SWAPO sono ex attivisti in esilio e ormai sono anziani e forse la ricerca della parità non è altro che un modo per mantenere invariata l’attuale base politica inserendo in parlamento le giovani mogli dei politici e non un vero segno di progresso. Il problema è che in Namibia – come in altre parti dell’Africa – le donne non vogliono mantenere lo status quo, ma sono ben consapevoli che le attenzioni del governo sono concentrate su un ristretto numero di uomini che a loro volta conferiscono autorità un selezionato gruppo di persone anziché la maggioranza.

E questo non fa altro che accentuare il loro tallone d’Achille perché tale élite è già avanti con gli anni e presto dovrà andare in pensione. Se giovani e donne fossero davvero incluse nell’equazione politica non si sentirebbe soltanto la retorica post-coloniale del diventare attori internazionali e costruire un’economia sul modello occidentale, ma si porrebbe l’attenzione sulla violenza sociale e sulle donne, l’alcolismo, previdenza sociali, accesso all’acqua e sovranità alimentare.

The Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il terzo Obiettivo del Millennio (MDG<\/b>) \u00e8 la parit\u00e0 tra uomo e donna<\/b>, in Namibia<\/b> potrebbe essere in atto un\u2019interessante ‘rivoluzione’ in campo politico. Il partito al potere, South West Africa People’s Organisation (SWAPO)<\/b>, non solo si \u00e8 impegnato a dare met\u00e0 dei seggi in parlamento a rappresentanti donne, ma ha anche pianificato uno \u2018sistema zebra<\/i>\u2019, per il quale se una donna ricopre la carica di ministro, il suo vice sar\u00e0 un uomo, e vice versa. Tale sistema si applicher\u00e0 anche alla scelta del prossimo governo e alla candidatura dei prossimi Presidenti: quest\u2019autunno verranno candidati uomini, mentre le donne saranno candidate nel 2019. Non si tratterebbe di una promessa politica, ma \u00e8 una decisione presa nel 2002 per aumentare l\u2019uguaglianza tra uomo e donna in parlamento arrivando nel prossimo futuro ad un rapporto di 50-50 delle quote in parlamento.<\/span>
<\/p>

Attenzione per\u00f2, che non si tratta di una mossa totalmente disinteressata: gli scettici <\/b>infatti, non hanno tardato a notare che i leader dello SWAPO sono ex attivisti in esilio e ormai sono anziani e forse la ricerca della parit\u00e0 non \u00e8 altro che un modo per mantenere invariata l\u2019attuale base politica inserendo in parlamento le giovani mogli dei politici e non un vero segno di progresso. Il problema \u00e8 che in Namibia \u2013 come in altre parti dell\u2019Africa \u2013 le donne non vogliono mantenere lo status quo<\/b>, ma sono ben consapevoli che le attenzioni del governo sono concentrate su un ristretto numero di uomini che a loro volta conferiscono autorit\u00e0 un selezionato gruppo di persone anzich\u00e9 la maggioranza.<\/p>

E questo non fa altro che accentuare il loro tallone d\u2019Achille perch\u00e9 tale \u00e9lite \u00e8 gi\u00e0 avanti con gli anni e presto dovr\u00e0 andare in pensione. Se giovani e donne<\/b> fossero davvero incluse nell’equazione politica non si sentirebbe soltanto la retorica post-coloniale del diventare attori internazionali e costruire un\u2019economia sul modello occidentale, ma si porrebbe l\u2019attenzione sulla violenza sociale e sulle donne, l\u2019alcolismo, previdenza sociali, accesso all’acqua e sovranit\u00e0 alimentare.<\/p>

The Guardian<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

14 luglio 2020

Sostegno alla Comunità: #FAMIGLIA

Ognuno di noi ha la sua idea di cosa la parola “famiglia” voglia dire e nessuna di queste idee può essere considerata sbagliata o inesatta. Sappiamo che di paese in … Continua

× Come possiamo aiutarti?