News e Comunicazioni

Il pane injera è il piatto base della cucina etiope ed eritrea e viene preparato con la farina di teff, il cereale più fine al mondo ma molto ricco di fibre, calcio e ferro, originario degli altopiani etiopici. In genere accompagna pietanze quali carne o verdure.

Ingredienti

1/4 tazza di farina di teff

3/4 tazza farina bianca

1 tazza acqua

1 pizzico di sale

Olio di semi

Preparazione

Mettere la farina di teff in una ciotola e aggiungere a velo la farina bianca.

Poca alla volta aggiungere l’acqua mescolando per evitare grumi.

Mettere a riposare il composto per 1 o fino a 3 giorni al massimo per far lievitare. In questo arco di tempo, l’impasto comincerà a fare bolle e acquisire suo noto retrogusto. (Se l’impasto non fermenta, aggiungere un cucchiaino da tè di lievito).

Aggiungere il sale.

Riscaldare una padella antiaderente o oliare leggermente e uniformemente una casseruola.

Ricoprire la padella con uno strato di impasto che deve essere di uno spesso a metà strada tra la crepe e il pancake. Si gonfierà cuocendosi.

Cuocere finchè non compaiono dei piccoli forellini sulla superfice del pane. Quando la superfice è asciutta, rimuovere il pane dalla pentola e far raffreddare.

Exploratorium Edu

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua