News e Comunicazioni

Nei paesi in via di sviluppo, la povertà estrema è particolarmente diffusa e le persone fanno qualsiasi cosa pur di sopravvivere ogni giorno; anche scavare nelle discariche alla ricerca di materiali riciclabili. Nel mezzo delle baraccopoli di Nairobi, in Kenya è presente la discarica di Dandora, ma ce ne sono altre anche in altre città in tutta la nazione, come quella di Eldoret, cittadina che conta circa 280mila abitanti verso il confine con l’Uganda.

L’immagine che si delinea non è troppo diversa da quella di Nairobi: nonostante i seri rischi per la salute e la violenza, migliaia di persone – tra cui anche molti bambini in età scolare – ogni giorno scavano con le braccia immerse fino ai gomiti nella spazzatura di qualunque tipo con il solo scopo di sostenere le proprie famiglie guadagnando non più di 2 euro al giorno.

Molti dei lavoratori della discarica, condividono nelle vicinanze del sito delle minuscole baracche con altri famigliari, mentre chi è meno ‘fortunato’, dorme per strada, soggetto ad abusi e violenza. In queste condizioni vivono anche numerose madri-single che però per poter guadagnare qualcosa e badare contemporaneamente ai figli piccoli, devono portarli con sé alla discarica. Ad esempio, Sarah N., 45 anni, ha una storia simile a molte altre donne: separata dal marito ubriaco, deve lavorare in discarica portando con sé il figlio di 2 anni, nonostante i seri rischi per la sua salute, perché non ha nessuno a cui lasciarlo, dato che anche gli altri 3 figli lavorano con lei al sito senza andare a scuola. Infatti, nonostante il Kenya abbia introdotto nel 2003 l’educazione primaria gratuita, molte famiglie non possono permettersi di pagare le uniformi e altri materiali scolastici o semplicemente non possono permettersi si perdere un aiuto concreto quotidiano per il sostentamento della famiglia.

The Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Nei paesi in via di sviluppo, la povert\u00e0<\/b> estrema \u00e8 particolarmente diffusa e le persone fanno qualsiasi cosa pur di sopravvivere ogni giorno; anche scavare nelle discariche alla ricerca di materiali riciclabili. Nel mezzo delle baraccopoli di Nairobi<\/b>, in Kenya<\/b> \u00e8 presente la discarica di Dandora<\/b>, ma ce ne sono altre anche in altre citt\u00e0 in tutta la nazione, come quella di Eldoret<\/b>, cittadina che conta circa 280mila abitanti verso il confine con l\u2019Uganda.<\/span>
<\/p>

L\u2019immagine che si delinea non \u00e8 troppo diversa da quella di Nairobi: nonostante i seri rischi per la salute<\/b> e la violenza<\/b>, migliaia di persone – tra cui anche molti bambini<\/b> in et\u00e0 scolare – ogni giorno scavano con le braccia immerse fino ai gomiti nella spazzatura di qualunque tipo con il solo scopo di sostenere le proprie famiglie guadagnando non pi\u00f9 di 2 euro al giorno.<\/p>

Molti dei lavoratori della discarica, condividono nelle vicinanze del sito delle minuscole baracche con altri famigliari, mentre chi \u00e8 meno \u2018fortunato\u2019, dorme per strada, soggetto ad abusi e violenza<\/b>. In queste condizioni vivono anche numerose madri-single<\/b> che per\u00f2 per poter guadagnare qualcosa e badare contemporaneamente ai figli piccoli, devono portarli con s\u00e9 alla discarica. Ad esempio, Sarah N., 45 anni, ha una storia simile a molte altre donne: separata dal marito ubriaco, deve lavorare in discarica portando con s\u00e9 il figlio di 2 anni, nonostante i seri rischi per la sua salute, perch\u00e9 non ha nessuno a cui lasciarlo, dato che anche gli altri 3 figli lavorano con lei al sito senza andare a scuola. Infatti, nonostante il Kenya abbia introdotto nel 2003 l\u2019educazione primaria gratuita, molte famiglie non possono permettersi di pagare le uniformi e altri materiali scolastici o semplicemente non possono permettersi si perdere un aiuto concreto quotidiano per il sostentamento della famiglia<\/b>.<\/p>

The Guardian<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua