News e Comunicazioni

Gli slum possono sorgere e svilupparsi in diversi modi, non solo a ridosso del centro cittadino o ai bordi della città lontano dagli sguardi dei benestanti, ma anche sull’acqua come nel caso di città costiere. Lo slum di Makoko, ad esempio si trova a Lagos, Nigeria e conta circa 85mila residenti che oltre a dover affrontare problematiche comuni ad altri slum, quali violenza, povertà endemica e malattie, devono fare costantemente i conti con l’alta marea.

L’architetto e urbanista Kunle Adeyemi, ha in mente un progetto che prevede la costruzione di case sull’acqua facili da costruire, a basso costo e sostenibili. Questo tipo di struttura ha già un prototipo: ‘La Scuola Galleggiante’ che ha già costruito per sostituire il precedente edificio in pessime condizioni e pericoloso per la sicurezza degli alunni. Ma nonostante la promessa di migliorare la qualità della vita di così tanti cittadini di Lagos, le autorità non gli hanno ancora dato l’autorizzazione a procedere.

Al contrario, la comunità si sta subendo sgomberi e demolizioni forzate: il governo sostiene che lo slum non esiste sulla mappa ufficiale della città, della quale vorrebbe trasformare il paesaggio simulando Dubai. ‘La Scuola Galleggiante’ ha ottenuto una certa risonanza internazionale, è considerato un passo importante nell’affrontare le questioni del global warming. Per questo motivo, il progetto di Kunle ha ottenuto sostegno politico e pressione sul governo locale di fermare gli sgomberi forzati. Ma non solo: la comunità locale lo vede come un importante messaggio di speranza per il miglioramento della loro vita.

Aljazeera

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Gli slum<\/b> possono sorgere e svilupparsi in diversi modi, non solo a ridosso del centro cittadino o ai bordi della citt\u00e0 lontano dagli sguardi dei benestanti, ma anche sull’acqua come nel caso di citt\u00e0 costiere. Lo slum di Makoko<\/b>, ad esempio si trova a Lagos, Nigeria<\/b> e conta circa 85mila residenti che oltre a dover affrontare problematiche comuni ad altri slum, quali violenza, povert\u00e0 endemica e malattie, devono fare costantemente i conti con l\u2019alta marea.<\/span>
<\/p>

L\u2019architetto e urbanista Kunle Adeyemi<\/b>, ha in mente un progetto che prevede la costruzione di case sull’acqua facili da costruire, a basso costo e sostenibili. Questo tipo di struttura ha gi\u00e0 un prototipo: \u2018La Scuola Galleggiante<\/i><\/b>\u2019 che ha gi\u00e0 costruito per sostituire il precedente edificio in pessime condizioni e pericoloso per la sicurezza degli alunni. Ma nonostante la promessa di migliorare la qualit\u00e0 della vita di cos\u00ec tanti cittadini di Lagos, le autorit\u00e0 non gli hanno ancora dato l\u2019autorizzazione a procedere.<\/p>

Al contrario, la comunit\u00e0 si sta subendo sgomberi e demolizioni forzate<\/b>: il governo sostiene che lo slum non esiste sulla mappa ufficiale della citt\u00e0, della quale vorrebbe trasformare il paesaggio simulando Dubai<\/b>. \u2018La Scuola Galleggiante\u2019 ha ottenuto una certa risonanza internazionale, \u00e8 considerato un passo importante nell’affrontare le questioni del global warming<\/b>. Per questo motivo, il progetto di Kunle ha ottenuto sostegno politico e pressione sul governo locale di fermare gli sgomberi forzati. Ma non solo: la comunit\u00e0 locale lo vede come un importante messaggio di speranza<\/b> per il miglioramento della loro vita.<\/p>

Aljazeera<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua