News e Comunicazioni

In Mauritania la schiavitù è ancora una realtà. In questo paese poverissimo di tre milioni e mezzo di abitanti, si calcola che siano almeno 700mila (il 20% della popolazione) le persone costrette a vivere alle dipendenze di un padrone. Essere schiavi in Mauritania significa, nascere schiavi, ovvero “proprietà del padrone che può comprarti, venderti e disporre come meglio crede di te e della tua prole“. La popolazione nera è in gran parte analfabeta e accetta la schiavitù come una condizione naturale voluta da Dio. “Servi il padrone e taci” spiega Brahim, ex-schiavo, membro dell’associazione Sos Esclaves che tenta di rendere consapevoli dei loro diritti gli schiavi.

Un segno di speranza è arrivato dalle ultime elezioni del giugno 2014. Sebbene le abbia vinte Mohamed Ould Abdel Aziz, che guida il Paese dal 2008 grazie a un golpe militare, ha stupito il 10% ottenuto da Biram Dah Abeid, un ex-schiavo abolizionista e leader dell’IRA (Initiative de Résurgence du mouvement Abolitionniste).

Nel 2012 è salito alla ribalta grazie ad un gesto eclatante: bruciò pubblicamente alcuni libri che indottrinavano gli schiavi ad essere fieri della loro condizione. Quel gesto gli costò la galera ma gli aprì la strada al favore di molti e all’attenzione nazionale e internazionale. Biram ha ottenuto una nomination al Premio Sacharov per i diritti umani. La candidatura alle elezioni doveva essere puramente simbolica e il risultato è apparso eccezionale anche allo stesso Biram visto che “gli schiavi non votano“. Ma la strada da percorrere per l’emancipazione degli schiavi mauritani è ancora molto lunga.

Redattore Sociale

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In Mauritania<\/b> la schiavit\u00f9<\/b> \u00e8 ancora una realt\u00e0. In questo paese poverissimo di tre milioni e mezzo di abitanti, si calcola che siano almeno 700mila (il 20% della popolazione) le persone costrette a vivere alle dipendenze di un padrone. Essere schiavi in Mauritania significa, nascere schiavi, ovvero \”propriet\u00e0 del padrone che pu\u00f2 comprarti, venderti e disporre come meglio crede di te e della tua prole<\/i>\”. La popolazione nera \u00e8 in gran parte analfabeta e accetta la schiavit\u00f9 come una condizione naturale voluta da Dio. \”Servi il padrone e taci<\/i>\u201d spiega Brahim, ex-schiavo, membro dell’associazione Sos Esclaves<\/b> che tenta di rendere consapevoli dei loro diritti gli schiavi.<\/span>
<\/p>

Un segno di speranza \u00e8 arrivato dalle ultime elezioni del giugno 2014. Sebbene le abbia vinte Mohamed Ould Abdel Aziz, che guida il Paese dal 2008 grazie a un golpe militare, ha stupito il 10% ottenuto da Biram Dah Abeid<\/b>, un ex-schiavo abolizionista e leader dell’IRA<\/b> (Initiative de R\u00e9surgence du mouvement Abolitionniste).<\/p>

Nel 2012 \u00e8 salito alla ribalta grazie ad un gesto eclatante: bruci\u00f2 pubblicamente alcuni libri che indottrinavano gli schiavi ad essere fieri della loro condizione. Quel gesto gli cost\u00f2 la galera<\/b> ma gli apr\u00ec la strada al favore di molti e all’attenzione nazionale e internazionale. Biram ha ottenuto una nomination al Premio Sacharov per i diritti umani. La candidatura alle elezioni doveva essere puramente simbolica e il risultato \u00e8 apparso eccezionale anche allo stesso Biram visto che \”gli schiavi non votano<\/i>\”. Ma la strada da percorrere per l’emancipazione degli schiavi mauritani \u00e8 ancora molto lunga.<\/p>

Redattore Sociale<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?