News e Comunicazioni

Un nuovo rapporto di Amnesty International denuncia la repressione costante delle autorità dell’Etiopia nei confronti del principale gruppo etnico del paese, gli oromo, sospettati sulla sola base della loro origine etnica di opporsi al governo di Addis Abeba. Il rapporto, basato su centinaia di testimonianze raccolte tra le comunità di rifugiati oromo, descrive arresti arbitrari, tempi infiniti di detenzione senza processo, sparizioni forzate, torture e uccisioni illegali ai danni di migliaia di oromo. Finora nel 2014, sono 5000 gli oromo finiti in carcere perché sospettati di opporsi al governo o di incitare altre persone a esprimere il loro dissenso.

Secondo il governo, la maggior parte delle persone arrestate sarebbero simpatizzanti del Fronte di liberazione oromo, il gruppo secessionista attivo nella regione. Tuttavia, precisa il rapporto di Amnesty International, queste accuse restano indimostrate, dato che molti detenuti non vengono mai processati. Il ‘terrorismo’ pare dunque un mero pretesto per ridurre al silenzio le voci critiche e giustificare la repressione.

Il mondo non si accorge di niente, neanche quando quest’anno, ad aprile e maggio, le forze di sicurezza hanno stroncato le proteste universitarie uccidendo decine di manifestanti, picchiandone centinaia d’altri e arrestando migliaia di persone, compresi semplici passanti. Le condizioni detentive costituiscono a loro volta una forma di tortura. Di ricorrere alla giustizia per ottenere un rimedio o un risarcimento, anche una mera informazione, non se ne parla: chi chiede di sapere dove sia detenuto un parente viene arrestato a sua volta.

Nel frattempo, in questo clima di tensione il Paese si prepara alle elezioni del 2015.

Corriere della Sera

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Un nuovo rapporto di Amnesty International<\/b> denuncia la repressione<\/b> costante delle autorit\u00e0 dell\u2019Etiopia<\/b> nei confronti del principale gruppo etnico del paese, gli oromo<\/b>, sospettati sulla sola base della loro origine etnica di opporsi al governo di Addis Abeba. Il rapporto, basato su centinaia di testimonianze raccolte tra le comunit\u00e0 di rifugiati oromo, descrive arresti arbitrari, tempi infiniti di detenzione senza processo, sparizioni forzate, torture e uccisioni illegali ai danni di migliaia di oromo. Finora nel 2014, sono 5000 gli oromo <\/span>finiti in carcere perch\u00e9 sospettati di opporsi al governo o di incitare altre persone a esprimere il loro dissenso.<\/span><\/p>

Secondo il governo, la maggior parte delle persone arrestate sarebbero simpatizzanti del Fronte di liberazione oromo, il gruppo secessionista attivo nella regione. Tuttavia, precisa il rapporto di Amnesty International, queste accuse restano indimostrate, dato che molti detenuti non vengono mai processati. Il ‘terrorismo’ pare dunque un mero pretesto per ridurre al silenzio le voci critiche e giustificare la repressione.<\/p>

Il mondo<\/b> non si accorge di niente, neanche quando quest\u2019anno, ad aprile e maggio, le forze di sicurezza hanno stroncato le proteste universitarie uccidendo decine di manifestanti, picchiandone centinaia d\u2019altri e arrestando migliaia di persone, compresi semplici passanti. Le condizioni detentive costituiscono a loro volta una forma di tortura<\/b>. Di ricorrere alla giustizia per ottenere un rimedio o un risarcimento, anche una mera informazione, non se ne parla: chi chiede di sapere dove sia detenuto un parente viene arrestato a sua volta.<\/p>

Nel frattempo, in questo clima di tensione il Paese si prepara alle elezioni del 2015<\/b>.<\/p>

Corriere della Sera<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua

28 ottobre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Rodgers

Continuiamo a raccontarvi le storie di alcuni dei nostri studenti di Alice Italian Food Academy. Dopo avervi parlato di Brian, cresciuto nel nostro orfanotrofio, oggi vi presentiamo un altro brillante … Continua