News e Comunicazioni

Dall’inizio del 2014, le popolazioni indigene dell’Embobut Forest in Kenya, stanno subendo sfratti forzati ed espropriazioni da parte delle autorità nazionali nel nome della conservazione idrica. A ottobre, il Presidente della World Bank, Jim Yong Kim, ha detto che contatterà direttamente il Presidente Kenyatta per offrire il pieno supporto per riunire le popolazioni indigene Cherangany-Sengwer e gli altri attori chiave per trovare una soluzione pacifica al problema del diritto della terra in Kenya.

Il Board ha riconosciuto che è venuta  a mancare la protezione del diritto consuetudinario delle popolazioni indigene, aggiungendo che “sarebbe dovuta essere data maggiore attenzione sin dall’insorgere della problematica per poter identificare meglio e mitigare i rischi di sfratto”.

La Banca organizzerà una consultazione generale per assicurare alle popolazioni indigene la possibilità di dire la loro opinione. Il Kenya Forest Service e i dipartimenti governativi rilevanti saranno invitati a partecipare.

Siamo felici che il presidente della World Bank inizi personalmente una consultazione con il presidente Uhuru Kenyatta, è un passo importante e speriamo che il governo nazionale dia alla questione l’attenzione e la serietà che merita. La nostra proposta assicurerebbe alle comunità locali di riacquistare i diritti sulle loro terre e diventare, allo stesso tempo, i guardiani della foresta”, dice Peter Kitelo del Kenya Forest Indigenous Peoples Network.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dall’inizio del 2014, le popolazioni indigene dell\u2019Embobut Forest <\/b>in Kenya, stanno subendo sfratti forzati<\/b> ed espropriazioni da parte delle autorit\u00e0 nazionali nel nome della conservazione idrica. A ottobre, il Presidente della World Bank, Jim Yong Kim<\/b>, ha detto che contatter\u00e0 direttamente il Presidente Kenyatta per offrire il pieno supporto per riunire le popolazioni indigene Cherangany-Sengwer<\/b> e gli altri attori chiave per trovare una soluzione pacifica al problema del diritto della terra in Kenya.<\/span>
<\/p>

Il Board ha riconosciuto che \u00e8 venuta  a mancare la protezione del diritto consuetudinario delle popolazioni indigene, aggiungendo che \u201csarebbe dovuta essere data maggiore attenzione sin dall’insorgere della problematica per poter identificare meglio e mitigare i rischi di sfratto<\/i>\u201d.<\/p>

La Banca organizzer\u00e0 una consultazione generale per assicurare alle popolazioni indigene la possibilit\u00e0 di dire la loro opinione. Il Kenya Forest Service e i dipartimenti governativi rilevanti saranno invitati a partecipare.<\/p>

\u201cSiamo felici che il presidente della World Bank inizi personalmente una consultazione con il presidente Uhuru Kenyatta, \u00e8 un passo importante e speriamo che il governo nazionale dia alla questione l\u2019attenzione e la seriet\u00e0 che merita. La nostra proposta assicurerebbe alle comunit\u00e0 locali di riacquistare i diritti sulle loro terre e diventare, allo stesso tempo, i guardiani della foresta<\/i>\u201d, dice Peter Kitelo<\/b> del Kenya Forest Indigenous Peoples Network.<\/p>

The Guardian<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?