News e Comunicazioni

Nelle ultime due settimane, a seguito di una campagna che ha raggiunto una forte risonanza a livello internazionale, il presidente della Tanzania ha promesso che non rimuoverà con la forza la grande comunità Maasai dalla loro terra, per fare largo ad una riserva di caccia per la famiglia reale Saudita. Il Presidente Jakaya Kikwete ha tweettato: “non c’è mai stato, e mai ci sarà, un piano per rimuovere la popolazione Maasai dalla loro terra”. La terra in questione, al confine con il Serengeti National Park, misura 1500Km quadrati caratterizzata dove pascolano liberi 2 milioni di animali, è abitata da circa 80000 pastori che subirebbero gravi danni se dovessero perdere il loro terreno.

Sam Barratt, direttore di Avaaz, l’organizzazione che ha ospitato la campagna, ha detto “è un traguardo importante: per la prima volta in 20 Anni un presidente tanzaniano ha confermato che i Maasai possono vivere al sicuro nella loro terra.” I rappresentanti della comunità Maasai hanno accolto con gioia l’annuncio ma invitano alla cautela: “Senza la nostra terra non siamo nulla e quest’impegno da parte del Presidente fa tirare un sospiro di sollievo a tutti noi. Nonostante ciò, i cacciatori continuano a volere questa terra, e noi ci sentiremo tranquilli, solo quando il nostro diritto a questa terra sarà messo nero su bianco”- aggiunge Ole Kulinga, un anziano di Loliondo. Samwell Nangire, coordinatore dell’associazione locale Ngonett, fa notare che “il piano esisteva, ma [il Presidente] ha detto che non c’è mai stato. Dovrebbe mettere questo impegno per iscritto perché è ciò che tutti stanno attendendo”.

Jakaya Kikwete terminerà il suo mandato tra due anni e, se prima di allora non concretizzerà formalmente il suo impegno, i Maasai rischieranno di ritrovarsi a combattere di nuovo per il loro diritto al terra.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Nelle ultime due settimane, a seguito di una campagna che ha raggiunto una forte risonanza a livello internazionale, il presidente della Tanzania<\/b> ha promesso che non rimuover\u00e0 con la forza la grande comunit\u00e0 Maasai<\/b> dalla loro terra, per fare largo ad una riserva di caccia per la famiglia reale Saudita. Il Presidente Jakaya Kikwete<\/b> ha tweettato: \u201cnon c\u2019\u00e8 mai stato, e mai ci sar\u00e0, un piano per rimuovere la popolazione Maasai dalla loro terra<\/i>\u201d. <\/span>La terra in questione, al confine con il Serengeti National Park, misura 1500Km quadrati caratterizzata dove pascolano liberi 2 milioni di animali, \u00e8 abitata da circa 80000 pastori che subirebbero gravi danni se dovessero perdere il loro terreno.<\/span><\/p>

Sam Barratt, direttore di Avaaz<\/b>, l\u2019organizzazione che ha ospitato la campagna, ha detto \u201c\u00e8 un traguardo importante: per la prima volta in 20 Anni un presidente tanzaniano ha confermato che i Maasai possono vivere al sicuro nella loro terra.<\/i>\u201d I rappresentanti della comunit\u00e0 Maasai hanno accolto con gioia l\u2019annuncio ma invitano alla cautela: \u201cSenza la nostra terra non siamo nulla e quest\u2019impegno da parte del Presidente fa tirare un sospiro di sollievo a tutti noi. Nonostante ci\u00f2, i cacciatori continuano a volere questa terra, e noi ci sentiremo tranquilli, solo quando il nostro diritto a questa terra sar\u00e0 messo nero su bianco<\/i>\u201d- aggiunge Ole Kulinga<\/b>, un anziano di Loliondo. <\/span>Samwell Nangire<\/b>, coordinatore dell’associazione locale Ngonett<\/b>, fa notare che \u201cil piano esisteva, ma [il Presidente] ha detto che non c\u2019\u00e8 mai stato. Dovrebbe mettere questo impegno per iscritto perch\u00e9 \u00e8 ci\u00f2 che tutti stanno attendendo<\/i>\u201d.<\/span><\/p>

Jakaya Kikwete terminer\u00e0 il suo mandato tra due anni e, se prima di allora non concretizzer\u00e0 formalmente il suo impegno, i Maasai rischieranno di ritrovarsi a combattere di nuovo per il loro diritto al terra.<\/p>

The Guardian<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

22 maggio 2020

Coronavirus

In Kenya la Crisi Economica diventa Crisi Alimentare

“La pandemia minaccia il progresso africano. Aggraverà le disuguaglianze di antica data e aumenterà la fame, la malnutrizione e la vulnerabilità alle malattie”. Così qualche giorno fa il segretario generale … Continua

18 maggio 2020

Coronavirus

A Nairobi è "Emergenza Acqua Pulita"

Non bastava il lockdown a rendere la vita negli slum ancora più infernale: le piogge torrenziali che hanno colpito il Kenya la scorsa settimana hanno distrutto una parte dell’acquedotto. Adesso … Continua

15 maggio 2020

Coronavirus

Le demolizioni nelle baraccopoli durante il lockdown

“C’erano una volta in quel luogo delle persone che non erano umane”. Inizia così un articolo di un quotidiano keniota online che parla di ciò che è successo nella baraccopoli … Continua

× Come possiamo aiutarti?