News e Comunicazioni

Il Nairobi National Park è famoso per le numerose foto di animali selvaggi che vagano per la savana con lo skyline della capitale keniota sullo sfondo. Purtroppo però il Parco Nazionale più antico dell’Africa orientale è minacciato dal costante sviluppo di una delle città africane che crescono più velocemente: la pressione sul parco proviene dalle strade, ferrovie, industrie e case.

Il parco, situato a circa 7 Km dalla movimentata nonché trafficata vita metropolitana, in sé misura circa 117Km quadrati, è la casa di più di 550 specie. Come ogni città africana in espansione, Nairobi sta cercando il difficile equilibrio tra sviluppo e protezione dell’ambiente. Andando verso sud, la riserva ha già dovuto affrontare lo sviluppo di una larga area urbana che sta stringendo lo spazio alla fauna selvaggia, ora anche nuovi progetti infrastrutturali minacciano l’esistenza del parco: un’importante snodo autostradale, l’ampliamento della linea ferroviaria, sono considerati cruciali nel trasporto delle merci verso il Kenya e verso i paesi circostanti. “Più riduciamo il parco, più si stringe lo spazio per gli animali”, dice Ali Tanvir, presidente dell’associazione Friends of Nairobi National Park. Dall’altra parte il dibattito si accende. L’MP Francis Nyenze controbatte: “Il Kenya è un paese in via di sviluppo, abbiamo bisogno di strade, ferrovie e ponti”.

I conservazionisti non si oppongono al bisogno di nuove vie di comunicazione, ma sollevano dubbi sul modo e la liceità in cui i piani sono stati implementati e si domandano come siano stati acquisiti i titoli di proprietà dei terreni. Le regole devono essere rispettate in modo tale da permettere agli animai di muoversi nelle loro migrazioni annuali e non restare bloccati in un’’isola’.

The Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il Nairobi National Park<\/b> \u00e8 famoso per le numerose foto di animali selvaggi che vagano per la savana con lo skyline della capitale keniota sullo sfondo. Purtroppo per\u00f2 il Parco Nazionale pi\u00f9 antico dell\u2019Africa orientale<\/b> \u00e8 minacciato dal costante sviluppo di una delle citt\u00e0 africane che crescono pi\u00f9 velocemente: la pressione sul parco proviene dalle strade, ferrovie, industrie e case.<\/span>
<\/p>

Il parco, situato a circa 7 Km dalla movimentata nonch\u00e9 trafficata vita metropolitana, in s\u00e9 misura circa 117Km quadrati, \u00e8 la casa di pi\u00f9 di 550 specie. Come ogni citt\u00e0 africana in espansione, Nairobi sta cercando il difficile equilibrio tra sviluppo e protezione dell\u2019ambiente. Andando verso sud, la riserva ha gi\u00e0 dovuto affrontare lo sviluppo di una larga area urbana che sta stringendo lo spazio alla fauna selvaggia<\/b>, ora anche nuovi progetti infrastrutturali minacciano l\u2019esistenza del parco: un\u2019importante snodo autostradale, l\u2019ampliamento della linea ferroviaria, sono considerati cruciali nel trasporto delle merci verso il Kenya e verso i paesi circostanti. \u201cPi\u00f9 riduciamo il parco, pi\u00f9 si stringe lo spazio per gli animali<\/i>\u201d, dice Ali Tanvir<\/b>, presidente dell\u2019associazione Friends of Nairobi National Park. Dall\u2019altra parte il dibattito si accende. L\u2019MP Francis Nyenze<\/b> controbatte: \u201cIl Kenya \u00e8 un paese in via di sviluppo, abbiamo bisogno di strade, ferrovie e ponti<\/i>\u201d.<\/p>

I conservazionisti<\/b> non si oppongono al bisogno di nuove vie di comunicazione, ma sollevano dubbi sul modo e la liceit\u00e0 in cui i piani sono stati implementati e si domandano come siano stati acquisiti i titoli di propriet\u00e0 dei terreni. Le regole devono essere rispettate in modo tale da permettere agli animai di muoversi nelle loro migrazioni annuali e non restare bloccati in un\u2019\u2019isola<\/i>\u2019.<\/p>

The Guardian<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

14 luglio 2020

Sostegno alla Comunità: #FAMIGLIA

Ognuno di noi ha la sua idea di cosa la parola “famiglia” voglia dire e nessuna di queste idee può essere considerata sbagliata o inesatta. Sappiamo che di paese in … Continua

× Come possiamo aiutarti?